fbpx Scienza, diamo ritmo alla sua storia | Scienza in rete

Scienza, diamo ritmo alla sua storia

Primary tabs

Read time: 3 mins

Virulenta come un accesso febbrile, una dilagante fede positivistica contagiò gran parte dei suoi contemporanei. Stizzito da tanta semplicioneria, Victor Hugo pensò allora bene di scuoterne le fondamenta con una delle sue solite geniali osservazioni: «la scienza è l’asintoto della verità». La conoscenza scientifica si avvicina indefinitamente alla verità, costantemente la sfiora, ma per quanto possa arrivarle vicino, proprio non le è dato di possederla. E non certo perché la verità sia un concetto metafisico, trascendente, accessibile solo a chi abbia avuto il dono della vera fede. O comunque non solo per questo. Molto più prosaicamente la scienza non possiede la verità perché la realtà che la scienza si propone di conoscere ha un carattere essenzialmente dinamico, mutevole, plurale, e per quanto costretta “entro i limiti della sola ragione” essa risulterà sempre eccedente rispetto ai suoi pur raffinati strumenti interpretativi. Ma comunque, se è vero che qualche decennio più in là la scienza medesima, per bocca di Heisenberg, avrebbe ratificato da par suo l’intuizione dello scrittore francese, è altrettanto vero che solo un ingenuo avrebbe potuto credere che qualche Hugo o Heisenberg di turno sarebbero bastati per far venir meno, in un sol colpo, la vecchia confortante idea di una scienza come sapere inesorabilmente cumulativo e progressivo, dotato di tutti i necessari crismi per afferrare l’intima verità delle cose.

Nella prima metà del Novecento, agli occhi di tanti filosofi e storici del pensiero scientifico, il riduzionismo assertorio e semplificatorio della fisica, della matematica, della chimica e di gran parte della biologia, continuava insomma ad apparire un insostituibile jolly ed erano in pochi quelli che cominciavano a puntare, con ostinata sistematicità, altrove. Primo fra tutti, Gaston Bachelard. Pensatore assolutamente fuori dagli schemi, “dialettico” senza essere hegeliano («Per quanto grande - scriveva in un saggio dall’originale titolo, Surrationalisme – sia la tentazione di connettere il razionalismo dialettico ai temi hegeliani, essa va certamente respinta. La dialettica hegeliana ci pone di fronte a una dialettica a priori, una dialettica in cui la libertà dello spirito è troppo incondizionata, troppo desertica»), “razionalista” senza essere cartesiano (il primo impedimento alla formazione di uno “spirito scientifico” è a suo giudizio proprio quello di pensare di poter fondare la conoscenza sull’«apparente chiarezza dell’intuizione»), acuto teorico di una “filosofia temporale” senza essere bergsoniano, intellettuale erudito senza alcuna sacra icona da venerare («Nulla – scriveva nella Filosofia del non - ha rallentato di più il progresso della conoscenza scientifica quanto la falsa dottrina del generale che ha regnato da Aristotele a Bacone incluso»), l’avventura di Bachelard è un tale caleidoscopio di idee, concetti e teorie, che non pare esagerato giudicare nel loro insieme, a uno sguardo retrospettivo, come la base speculativa a partire da cui la filosofia della scienza del XX secolo ha potuto reinventare se stessa. Per questo, per l’importanza e per la complessità delle tematiche affrontate, La storia aritmica. Saggio sull’epistemologia di Gaston Bachelard (Giannini Editore, € 10.00) di Riccardo De Biase è un libro prezioso, nel quale non solo vengono tracciate le linee essenziali del pensiero del grande epistemologo ma, attraverso di esse, si invita il lettore a scorgere idee nuove: «potremmo tentare l’esperimento – scrive De Biase – di ascoltare le parole di Bacheard che parlano del significato del ritmo, e “tradurle” in modo tale da ascoltare qualcosa d’altro». Sì ma cosa? Rielaborando le celebri nozioni bachelardiane di «rettificazione», di «ostacolo epistemologico», di «consolidazione temporale», nonché quella particolarmente insidiosa, a suo modo scivolosa, quasi burrosa, di «negazione», l’autore mostra come il pensatore francese si sia fatto portatore di una epistemologia della discontinuità, intessuta di eventi e fratture, portatore cioè di una «epistemologia storica» al cui cospetto diventa chiara «l’inevitabilità che la scienza vera sia una storia-di-scienze, una scienza temporale del tempo che, attraverso il suo proprio ritmo, le sue cadenze, discordanze, assonanze e dissonanze può fornire il “materiale” alla ragione scientifica». Musa dell’inevitabile incontro tra le “due culture”, la riflessione di Bachelard è senz’altro – e qui gli aggettivi di De Biase sono davvero ficcanti – una riflessione «d’avanguardia, sperimentale, futurativa».


Scienza in rete è un giornale senza pubblicità e aperto a tutti per garantire l’indipendenza dell’informazione e il diritto universale alla cittadinanza scientifica. Contribuisci a dar voce alla ricerca sostenendo Scienza in rete. In questo modo, potrai entrare a far parte della nostra comunità e condividere il nostro percorso. Clicca sul pulsante e scegli liberamente quanto donare! Anche una piccola somma è importante. Se vuoi fare una donazione ricorrente, ci consenti di programmare meglio il nostro lavoro e resti comunque libero di interromperla quando credi.


prossimo articolo

Ecco la nuova mappa della crisi climatica europea firmata WMO e Copernicus

Il 2023 è stato un anno da record per l’Europa. La sfida è tenere alta l’attenzione sugli impatti climatici nonostante la stessa parola “record” ormai stia già saturando gli organi di informazione. Eppure, i 49°C in Sicilia sono un record, come altri numeri del nuovo rapporto sullo stato del clima europeo appena pubblicato da Copernicus. Cogliamo l’occasione per ricordare qualche buona notizia e i prossimi appuntamenti elettorali decisivi per i prossimi anni di transizione ecologica.

Foto di Markus Spiske su Unsplash

Nel 2023 in Europa le temperature sono state superiori alla media per undici mesi, con il settembre più caldo mai registrato.