Il convegno su Galileo

Read time: 4 mins

1. Come era logico attendersi, sulle vicende dei due processi a Galileo il convegno ha registrato contributi interessanti di contestualizzazione e di affinamento delle principali tesi interpretative già da tempo formulate. Lo scenario delle conoscenze acquisite non è tuttavia mutato significativamente. Alcuni interventi hanno comunque contribuito a far crescere la consapevolezza circa il significato delle Lettere Copernicane, approfondendo, in particolare, la concezione galileiana del rapporto tra natura e scrittura.

2. Un numero significativo di interventi si è concentrato sulla nascita, evoluzione e tramonto dei numerosi "miti" di Galileo, che si sono manifestati dal tempo del processo allo scienziato pisano fino ai giorni nostri. Su questo tema, sono stati presentati al Convegno contributi originali, sostenuti spesso da documentazione inedita e caratterizzati da raffinate analisi interpretative, dai quali emerge una dinamica dell'utilizzazione mitica, iconica e simbolica di Galileo, puntualmente speculare al dibattito sul rapporto tra scienza e fede che attraversa l'intera storia dell'età moderna, non solo italiana. Se la costruzione del mito di un Galileo sinceramente pentito dei propri errori e redento dall'abiura nasce con gli allievi di Galileo (in particolare, nella Vita di Galileo di Viviani) a quell'immagine interessata si sono succedute raffigurazioni e miti spesso radicalmente diversi. All'immagine dell'eroe e/o martire della fede è stata talora contrapposta quella del temerario e aggressivo sostenitore di teorie non dimostrate, o del "sonnambulo" che crede di essere sveglio pur muovendosi nelle tenebre della conoscenza; contro il mito del fondatore del metodo sperimentale è stata proposta la visione di uno scienziato che fraintese gli elementi essenziali del vero metodo della scienza, la sua natura  e i suoi fini; al profilo eroico del difensore coraggioso della libertas philosophandi, e spesso contrastata la fisionomia dell'eversore che vuole irresponsabilmente sbarazzarsi delle tradizioni più solide e rassicuranti.

L'età barocca, quella dei Lumi, il Risorgimento, la Restaurazione, il Positivismo, l'Idealismo, la Fenomenologia trascendentale, così come ideologie e movimenti sociali e politici, quali la massoneria, il fascismo, il marxismo, ecc., hanno fabbricato ognuno un'immagine speculare del contributo di Galileo.

Si può insomma affermare che esiste una cronologia e una geografia dei "miti" del caso Galileo, la quale illumina puntualmente fasi importanti della storia dell'età moderna. Questo scenario è caratterizzato da continue tensioni tra scienza e teologia, da motivazioni e proposti civili, da prese di posizione filosofiche ed epistemologiche, da riflessioni sulla natura e i fini della scienza e dell'uomo. In questo complesso di attività, si osserva il ricorso a diversi linguaggi di comunicazione: non solo testi, ma statue e monumenti celebrativi, opere grafiche e pittoriche che veicolano idee non disinteressate.

3. Un altro punto importante è rappresentato dalla presentazione al Convegno di un gran numero dei contributi che documentano la presenza di un vivace dibattito internamente al corpo della Chiesa sul modo di affrontare le questioni poste dal "caso Galileo".

Ciò appare evidente non solo nel contesto dei 2 processi allo scienziato pisano, ma anche negli episodi più rilevanti dello storico  riaffacciarsi del caso Galileo fino ai giorni nostri: l'edizione delle opere dello scienziato pisano promossa da Toaldo del 1744; il processo che portò al ritiro dall'Indice dei libri proibiti delle opere che sostengono l'ipotesi copernicana (1758), ma con l'esclusione dei lavori di Galileo, Keplero, Foscarini ecc.; il caso Settele (1820) e il ritiro definitivo dall'Indice nel 1835 della proibizione dei libri di Galileo, Keplero, Foscarini; l'evocazione continua del caso Galileo nelle discussioni che scandirono il processo al Modernismo; la pubblicazione postuma, e con pesanti e non dichiarate manipolazioni, della Vita di Galileo di Monsignor Paschini; le vivaci discussioni nel Concilio Vaticano II su come la Chiesa avrebbe dovuto atteggiarsi davanti ai nuovi potenziali casi Galileo, prospettati dal poderoso avanzamento della ricerca scientifica nell'Età Contemporanea; le vicende confuse e contraddittorie che caratterizzano la cosiddetta "riabilitazione" di Galileo (1979-1992), conclusa dal discorso ambiguo, pieno di reticenze e di gravi imprecisioni, di Giovanni Paolo II nel 1992.

Il Convegno ha confermato che il caso Galileo, così come si è venuto sviluppando attraverso l'intera Età Moderna, rappresenta uno dei luoghi privilegiati del confronto, e talvolta dello scontro, all'interno della Chiesa tra i sostenitori della necessità di un adeguamento dell'atteggiamento del Magistero in modo da favorire il dialogo con la cultura moderna, e la componente, finora sistematicamente vittoriosa, che considera viceversa necessaria la più strenua difesa della tradizione.

4. Molti altri temi interessanti sono stati trattati nel Convegno, che oltre agli interventi degli studiosi invitati, si è arricchito del contributo del vivace dibattito alla fine delle singole sessioni.

Gli Atti, che saranno pubblicati con la massima tempestività, metteranno a disposizione materiali di grande interesse - un serio bilancio del punto al quale sono oggi arrivati gli studi - arricchito peraltro da una serie di contributi proposti da giovani studiosi, che non è stato possibile inserire nel programma del Convegno.

altri articoli

Vaccino HPV: la versione di Jefferson

Il medico ed epidemiologo Tom Jefferson, autore insieme a Peter Gøtzsche e Lars Jørgensen della critica alla revisione Cochrane sui vaccini HPV.

La critiche alla revisione Cochrane sul vaccino HPV ha innescato un incendio nel mondo Cochrane che covava da tempo. Con tutta probabilità il procedimento di espulsione del suo cofondatore Peter Gøtzsche è dipeso anche da questa ultimo scontro. Un evento traumatico e malaccorto - la proposta di espulsione - tanto da aver ottenuto il risultato di far dimettere mezzo direttivo della storica associazione votata alla Evidence Based Medicine.