Tieni alla ricerca? Vota Europa

Tempo di lettura: 5 mins

Crediti: Etereuti/Pixabay. Licenza: Pixabay License

In vista delle elezioni europee del 26 maggio, la Fondazione Bracco ha commissionato a Eumetra di Renato Mannheimer un’indagine per captare gli orientamenti degli opinion leader su due temi fondamentali, l’Unione europea e la ricerca scientifica. L’indagine, pur con i suoi limiti (sono stati intervistati 50 opinion leader), ha sorpreso alcuni. La ragione principale della sorpresa è che chi dovrebbe orientare l’opinione pubblica in realtà si allinea quasi perfettamente a essa. Anche nella crescente divisione sul ruolo dell’Unione europa per l’Italia e la sua ricerca. Una delle domande chiede se l’Italia abbia in questi anni beneficiato o meno dall’appartenenza all’Unione. Come si vede dal grafico sotto, poco più della metà pensa che non ne abbia beneficiato.

In un’altra si chiede se la ricerca scientifica italiana abbia tratto beneficio dall’Europa. Anche qui si nota un diffuso scetticismo sul valore aggiunto del far parte dell’unione da parte della ricerca italiana.

È soprattuto su questo dato che hanno reagito i due discussant invitati a commentare l’indagine lo scorso 8 maggio presso la fondazione Bracco: Paola Mosconi dell’istituto Mario Negri e il presidente di AreaExpo Giovanni Azzone. «Senza Europa, la ricerca in Italia non avrebbe futuro», ha commentato Azzone, che ricordando la sua precedente esperienza come rettore del Politecnico di Milano ha osservato che ogni anno l’ateneo riceve dall’Europa circa 120 milioni di euro, di gran lunga la fonte più importante di finanziamento della ricerca. Paola Mosconi ha ricordato il programma Horizon Europe, che nelle aspettative della Commissione Juncker dovrebbe portare l’investimento in ricerca nel prossimo settennio (2021-2027) a 100 miliardi di euro (pari a sei anni di investimento pubblico e privato in R&S della ricerca italiana). L’idea che l’Europa in generale prenda più di quanto dia è priva di fondamento ma fa molto presa sull’opinione pubblica, ed evidentemente si sta diffondendo anche presso le cosiddette élites del Paese. La percezione deriva dal fatto che l’Italia, in media con gli ultimi anni, nel 2017 ha contribuito per il 12,6% del bilancio europeo ma ne ha riportato a casa l’8,8%.

Tablla 1. Bilancio europeo per Paese (uscite ed entrate).

  Verso UE Da UE
Paese milioni di euro % milioni di euro %
DE- Germany €19.587,04 20,6% €10.926,91 9,8%
FR - France €16.233,93 17,1% €13.505,05 12,1%
IT - Italy €12.000,25 12,6% €9.795,33 8,8%
UK - United Kingdom €10.574,98 11,1% €6.326,32 5,7%
ES - Spain €8.080,00 8,5% €9.664,12 8,7%
NL - Netherlands €3.384,16 3,6% €2.417,21 2,2%
PL - Poland €3.048,31 3,2% €11.921,31 10,7%
BE- Belgium €2.978,27 3,1% €7.357,86 6,6%
SE - Sweden €2.628,84 2,8% €1.503,71 1,3%
AT - Austria €2.429,18 2,6% €1.742,93 1,6%
DK - Denmark €1.926,56 2,0% €1.458,82 1,3%
IE - Ireland €1.777,05 1,9% €1.818,32 1,6%
FI - Finland €1.594,89 1,7% €1.500,61 1,3%
PT - Portugal €1.375,43 1,4% €3.976,14 3,6%
CZ - Czech Republic €1.282,34 1,4% €3.894,71 3,5%
EL - Greece €1.247,74 1,3% €5.130,07 4,6%
RO - Romania €1.228,65 1,3% €4.741,64 4,2%
HU - Hungary €820,82 0,9% €4.049,14 3,6%
SK -Slovakia €599,67 0,6% €1.645,24 1,5%
BG - Bulgaria €378,71 0,4% €1.895,66 1,7%
HR - Croatia €359,44 0,4% €663,10 0,6%
LU - Luxembourg €307,35 0,3% €1.827,11 1,6%
SL - Slovenia €293,30 0,3% €475,84 0,4%
LT - Lithuania €273,59 0,3% €1.574,69 1,4%
LV - Latvia €184,32 0,2% €736,71 0,7%
EE - Estonia €154,06 0,2% €647,78 0,6%
CY - Cyprus €137,38 0,1% €206,65 0,2%
MT - Malta €82,36 0,1% €201,31 0,2%
Totale €94.968,62   €111.604,29  

La differenza, come si vede, è ancora più accentuata in Paesi come Germania, Francia e Gran Bretagna, che contribuiscono di più alla coesione europea. Inoltre una lettura puramente ragionieristica del bilancio non tiene conto della crescita in termini di competenze e di collaborazione transnazionale che queste risorse hanno generato in Italia, e che vanno a riverberare su altri ambiti, principalmente innovazione ed economia. Un euro speso in ricerca in Italia con fondi italiani rende infatti meno dello stesso euro proveniente da progetti europei. L’euro italiano è speso di solito per il 90% nella mera sopravvivenza (salari) dei ricercatori. L’euro europeo è frutto di progetti competitivi e di collaborazione fra più paesi su temi strategici per l’intero continente. L'euro italiano è vitale, ma guai se mancasse quello europeo. Dalla tabella 2 si vede peraltro come Paesi quali Francia, Germania e Gran Bretagna (finché sarà nella UE) sono riusciti a partecipare a un numero maggiore di progetti H2020 ma soprattutto, in rapporto alle partecipazioni, hanno ricevuto una quantità maggiore di contributi grazie alla loro capacità di aggiudicarsi progetti più ricchi.

Tabella 2. Partecipazione dei Paesi al programma H2020 (partecipazione ai progetti e contributi ricevuti, marzo 2019).

    Partecipazioni a progetti H2020     Contributi ricevuti  
Paese Numero partecipazioni % Euro %
DE- Germany 11.858 12,08% 5.821.190.384 17,18%
UK - United Kingdom 11.375 11,59% 5.221.968.863 15,41%
ES - Spain 10.095 10,29% 3.314.862.174 9,78%
FR - France 9.505 9,69% 3.985.393.106 11,76%
IT - Italy 9.290 9,47% 3.050.563.144 9,00%
NL - Netherlands 6.090 6,21% 2.792.824.900 8,24%
BE - Belgium 4.403 4,49% 1.768.288.915 5,22%
SE - Sweden 2.961 3,02% 1.296.505.538 3,83%
EL - Greece 2.741 2,79% 819.249.090 2,42%
AT - Austria 2.715 2,77% 1.035.320.963 3,06%
DK - Denmark 2.210 2,25% 941.546.672 2,78%
PT - Portugal 2.117 2,16% 576.524.944 1,70%
FI - Finland 1.906 1,94% 799.693.805 2,36%
IE - Ireland 1.593 1,62% 632.102.436 1,87%
PL - Poland 1.542 1,57% 339.421.668 1,00%
CZ - Czech Republic 964 0,98% 225.375.228 0,67%
HU - Hungary 841 0,86% 216.275.561 0,64%
RO - Romania 833 0,85% 128.855.601 0,38%
SL - Slovenia 797 0,81% 208.992.588 0,62%
CY - Cyprus 480 0,49% 140.316.772 0,41%
BG - Bulgaria 469 0,48% 69.180.834 0,20%
EE - Estonia 443 0,45% 129.355.629 0,38%
HR - Croatia 420 0,43% 61.812.276 0,18%
SK -Slovakia 396 0,40% 88.389.401 0,26%
LT - Lithuania 329 0,34% 49.331.801 0,15%
LU - Luxembourg 300 0,31% 92.581.545 0,27%
LV - Latvia 290 0,30% 52.272.470 0,15%
MT - Malta 135 0,14% 21.676.113 0,06%
Totale 87.098   33.879.872.421  

Dalla collaborazione con questi e altri Paesi l’Italia non ha che da guadagnare e imparare, visto la nostra bassa posizione nel ranking della “propensione a innovare”, almeno a giudicare dalle fonti UE.

Il posizionamento dei paesi europei quanto a capacità di innovare. Per approfondimenti leggere qui.

Come ha osservato Diana Bracco nella relazione introduttiva all’incontro, «è ben chiara l’intenzione della Commissione di favorire la nascita di cluster scientifici di alto livello e di realizzare uno spazio europeo della ricerca, nel quale i ricercatori e le ricercatrici possano lavorare in qualsiasi Paese dell’Unione all’insegna dell’open innovation».

Qualcuno si culla ancora nel cosiddetto “paradosso italiano”, cioè nello scarto fra quanto (poco) l’Italia investe in ricerca (1,3% del PIL) e l’eccellenza di molti suoi ricercatori se misuriamo per esempio il livello citazionale e la produttività nelle pubblicazioni scientifiche.

Intensità di investimenti in R&S in Europa (dati 2017).

Il paradosso però svanisce se dagli indici bibliometrici passiamo all'intensità di brevetti e al tasso di successo nei progetti europei, molto inferiore ai nostri concorrenti. Perché allora gli italiani (poco importa se popolo o élite) non credono nel valore aggiunto dell’Europa per la ricerca italiana? Forse perché - hanno commentato Mosconi, Azzone e altri intervenuti dalla sala - manca da noi ancora una diffusa “cittadinanza scientifica”. In altre parole, la percezione dell’importanza della ricerca per la nostra economia e società, e la dimensione europea, quando non internazionale, nella quale sola può fiorire.

 

altri articoli

Le notizie di scienza della settimana #104

Il biologo molecolare russo Denis Rebrikov ha dichiarato che ha intenzione di impiantare nell'utero di una donna embrioni geneticamente modificati con la tecnica CRIPSR entro la fine dell'anno. L'obiettivo sarebbe quello di prevenire che la madre, colpita da una forma di HIV resistente ai farmaci antiretrovirali, trasmetta il virus ai propri figli. Per farlo, Rebrikov userebbe la tecnica CRISPR-Cas9 per disattivare il gene CCR5, in modo simile a quanto fatto dallo scienziato cinese He Jiankui che lo scorso novembre aveva annunciato di essere stato il primo a far nascere una coppia di gemelle con questo procedimento (He voleva però evitare la trasmissione del virus dell'HIV dal padre alle figlie). La legislazione russa proibisce l'editing del genoma umano in senso generale, ma la legge sulla fertilizzazione in vitro non vi fa esplicito riferimento, e dunque Rebrikov potrebbe trovarsi di fronte un vuoto normativo che conta di colmare chiedendo l'autorizzazione di una serie di agenzie governative, a partire dal Ministero della salute. Scienziati ed esperti di bioetica si dicono preoccupati. La tecnologia non è ancora matura, motivo per cui qualche mese fa un gruppo di importanti ricercatori del campo avevano chiesto di mettere a punto una moratoria sul suo utilizzo in embrioni destinati all'impianto in utero. Non è chiaro poi se i rischi superino i benefici. In primo luogo, la disattivazione del gene CCR5 protegge dalla trasmissione del virus dell'HIV nel 90% dei casi. In secondo luogo, il rischio di mutazioni off-target e on-target indesiderate è ancora molto alto. Rebrikov sostiene che la sua tecnica ne riduca drasticamente la frequenza, ma finora non ha pubblicato alcuno studio scientifico che lo dimostri. Nell'immagine: lo sviluppo di embrioni umani geneticamente modificati con la tecnica CRISPR per correggere una mutazione responsabile della cardiomiopatia ipertrofica (lo studio, condotto nel laboratorio di Shoukhrat Mitalipov presso la Oregon Science and Health University di Portland, risale al 2017 ed è stato pubblicato su Nature). Credit: Oregon Science and Health University. Licenza: OHSU photos usage

Dove finisce la plastica dei ricchi?

Ogni anno gli Stati Uniti producono 34,5 milioni di tonnellate di rifiuti di plastica. 1 milione di tonnellate vengono spedite fuori dal continente. Fino a qualche anno fa la maggior parte veniva spedita in Cina e Hong Kong, ma nel 2017 la Cina ha chiuso le porte a questo tipo di importazioni, autorizzando solo l'arrivo della plastica più pulita e dunque più facile da riciclare.