Covid-19/

Stamina crudele

Tempo di lettura: 3 mins

Li abbiamo visti martedì scorso e li rivedremo: i malati mobilitati dall’esperto di marketing Davide Vannoni che promette loro una cura senza accettare che nessuno la giudichi. Lui ha l’aspetto del guru: capello lungo con codino, sguardo maliardo e la furia ottusa di chi pensa di poter gabbare la medicina scientifica con qualche furbata. La stessa medicina scientifica che ha dimezzato la mortalità per cancro, ridotto del 70 per cento quella per malattie cardiovascolari, messo sotto controllo gran parte delle malattie metaboliche, eliminato virus e batteri killer; che ci permette insomma di vivere più o meno serenamente, in media, oltre i 75 anni di età. Ma che non riesce ancora a risolvere il dramma delle malattie neurogenerative, tra gli altri. Vannoni, invece, sostiene di esserne capace. Ma non vuole dire a nessuno come fa.

Lasciamo da parte il fatto che l’uomo è al centro di un vortice di affari dei quali L’Espresso ha rivelato entità e squallore sul numero dell’11 luglio scorso: 3832450. Lasciamo stare e proviamo, ben sapendo che possiamo solo avvicinarci, a metterci dalla parte dei malati.
Sono persone tremendamente sofferenti, colpite da malattie senza cura. Cos’hanno da perdere? Niente. Se la cura di Vannoni non funziona, moriranno e soffriranno come sono comunque destinati a fare. Chi accomuna questo caso italiano al caso Di Bella per molti versi coglie nel segno, ma dimentica che molti malati di cancro allora abbandonarono le cure tradizionali per quella dell’anziano medico modenese e andarono così incontro a una morte precoce e forse a maggiori sofferenze. I malati di Vannoni non hanno oggi alternative. È una buona ragione per affidarsi a un esperto di marketing invece che a un neurologo?

No, di certo. La medicina scientifica, pur nei suoi limiti e nelle sue non rare degenerazioni, ha imparato a prendersi cura del malato nelle diverse fasi del suo percorso. Sa attutire i sintomi, alleviare il dolore, gestire il decorso, anche il più inclemente. Non significa guarire, come promette l’uomo col codino, lo sappiamo bene. Significa però curare al meglio. E senza nessun costo. All’interno di quel grande esperimento di solidarietà sapiente che è il nostro Servizio sanitario nazionale. E significa mettere insieme tutte le conoscenze possibili, più o meno nuove e innovative, per fare il possibile. Perché se una cura dovesse uscire da qualunque laboratorio del mondo, quella arriverebbe di sicuro nelle mani dei neurologi o degli staminologi che operano nei grandi istituti scientifici.
Per questo, decisamente e senza dubbi, è meglio affidarsi a loro che non a un signore che ha brevettato un metodo senza senso, come hanno appena certificato i cervelloni dell’Istituto Superiore di Sanità.

Vannoni porta i “suoi” malati in piazza. Li ha convinti che nella Costituzione c’è scritto che tutti abbiamo diritto alle cure e che la libertà di cura è un principio irrinunciabile. Ne sono convinta anch’io. Ma se la legge bene la Costituzione, Vannoni scoprirà che “La Repubblica tutela la salute”. Potremmo disquisire per giorni su cosa questo significhi. Ma di certo, io credo, significa che la Repubblica ha il dovere di impedire che esperti di marketing si mettano a infilare aghi nel corpo dei suoi cittadini. E ha il dovere di accompagnare al meglio i cittadini nel loro percorso di dolore. La Repubblica, appunto. Con, i suoi organismi istituzionali: il servizio sanitario nazionale, che ha le sue regole, definite collegialmente. Piaccia o non piaccia al marketing. E la libertà di cura? Vuol dire essenzialmente essere liberi di curarsi o no, significa, io credo, anche di poter chiedere la sospensione delle cure. E, per molti, significa poter decidere di non affidarsi al Servizio sanitario nazionale. Scelta dolorosa, per me inconcepibile; ma tutelata dalla Costituzione. Ben sapendo, però, che se ci stai dentro devi rispettarne le regole (quelle della medicina scientifica) e se ne esci la Repubblica non può più nulla per te.

Daniela Minerva

Fonte: Il Vaso di Pandora

Aiuta Scienza in Rete a crescere. Il lavoro della redazione, soprattutto in questi momenti di emergenza, è enorme. Attualmente il giornale è interamente sostenuto dall'Editore Zadig, che non ricava alcun utile da questa attività, se non il piacere di fare giornalismo scientifico rigoroso, tempestivo e indipendente. Con il tuo contributo possiamo garantire un futuro a Scienza in Rete.

E' possibile inviare i contributi attraverso Paypal cliccando sul pulsante qui sopra. Questa forma di pagamento è garantita da Paypal.

Oppure attraverso bonifico bancario (IBAN: IT78X0311101614000000002939 intestato a Zadig srl - UBI SCPA - Agenzia di Milano, Piazzale Susa 2)

altri articoli

Antartide sopra i 2°C: punto di non ritorno?

antartide

All’inizio del 2020 le temperature nell’Antartico hanno superato per la prima volta i 20°C e questa non è in alcun modo una buona notizia. Uno studio pubblicato su Nature stima che, restando sotto i 2°C di aumento della temperatura globale media per fine secolo, avremmo almeno circa 1.3 metri di mare in più. Se dovessimo superare i 2°C, si arriverebbe anche a 2.4 metri (per ogni grado in più).

Immagine: Pixabay License.

Un cubetto di ghiaccio in un bicchiere d’acqua, se si scioglie, non contribuisce a far innalzare il livello del liquido. Questo è facilmente verificabile applicando le note leggi di Archimede. Allo stesso modo, non è il ghiaccio galleggiante, come gli iceberg, che determina l’aumento del livello del mare, ma, come sappiamo, i ghiacci continentali. L’Antartide ha un’estensione di circa 14 milioni di km2, un volume di quasi 27 milioni di km3 e detiene più della metà delle risorse di acqua dolce della Terra.