La scienza tra i Top 100 di "Time"

Read time: 3 mins

La scienza è riuscita ad entrare nella lista (categoria “Pioneers”) delle Top cento persone più influenti del 2018 stilata dalla rivista americana Time! E ci è entrata con il sorriso dolce di una donna, Marica Branchesi, quindi doppio bonus! Tra i 100, solo un altro italiano, Giuliano Testa, un chirurgo esperto in trapianti.

Marica Branchesi tra i 100 Top influencer secondo Time

Mi racconta Marica che quando ha ricevuto l’email di Time che le annunciava la sua inclusione ha creduto fosse una email di spam, e per alcuni momenti è rimasta perplessa… ha dovuta rileggere l’email tre volte! Questa è Marica, una persona schiva ma con un carattere di ferro e con tanta passione per il mondo della scienza, tanta passione che vuole comunicare anche agli altri e farli emozionare.

Dopo gli studi e un passato puramente astrofisico, ora lei è orientata a un approccio più legato alla fisica che produce l’emissione dei fenomeni celesti. Durante il suo dottorato e poi nei tre anni di post-dottorato che abbiamo passato insieme, la nostra ricerca era rivolta allo studio in banda X degli ammassi di galassie, e alla ricerca ed evoluzione delle radiogalassie negli ammassi selezionati in banda X.

In prima fila nella “multi-messenger astronomy”

Ora la sua attività di ricerca, con la rivelazione delle onde gravitazionali, si rivolge più allo sviluppo della “multi-messenger astronomy” (come è stata definita), un’astronomia che usa le osservazioni sia delle onde elettromagnetiche che di quelle gravitazionali per investigare i fenomeni transienti più energetici dell’Universo. È grazie a lei che siamo riusciti ad avere l’evidenza delle onde gravitazionali anche ad altre lunghezze d’onda. Infatti sin dalla prima rivelazione nel 2015 Marica ha avuto il ruolo determinante di formare e tenere insieme due comunità, quella degli astronomi e quella dei fisici cosicché le onde gravitazionali non fossero rivelate solo come increspature nello spazio tempo, previste da Einstein circa 100 anni fa, ma anche come sorgenti sia ottiche che ad altre lunghezze d’onda dello spettro elettromagnetico.

Tra i 10 scienziati dell’anno per la rivista Nature

Due anni dopo, il 17 agosto 2017, 70 telescopi in tutto il mondo hanno puntato alle coordinate celesti segnalate da Marica, dove avveniva un altro evento di rivelazione delle onde gravitazionali. Le osservazioni hanno prodotto molti articoli scientifici, tra cui uno con 3.500 co-autori, tante erano le persone coinvolte! Alla fine del 2017 la rivista scientifica Nature l’ha inserita fra i 10 scienziati dell’anno. Marica è Presidente della commissione di Astrofisica delle onde gravitazionali della International Astronomical Union e membro del Comitato internazionale per le onde gravitazionali. Oggi, molti successi più tardi, lavora al Gran Sasso Science Institute dell’Aquila e fa parte dal 2009 del team di Virgo, l’antenna gravitazionale di Cascina (Pisa) gestita dall’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare.

Come lei stessa dice in un’intervista: “La chiave per far lavorare insieme astronomi e fisici è la scienza: per massimizzare la scienza, superare le difficoltà delle osservazioni e interpretare le osservazioni multi-messaggere è necessario lavorare insieme”. E si definisce così: “Sono un’astronoma che lavora molto bene con i fisici delle onde gravitazionali”.

 

altri articoli

L'intelligenza artificiale per studiare il plancton

Campione di plancton del Mare del Nord in un preparato del 1932. Crediti: Picturepest/Flickr. Licenza: CC BY 2.0

L’intelligenza artificiale (IA) è uno dei maggiori avanzamenti tecnologici degli ultimi anni. In genere, l’associamo alla produzione di automi che potrebbero, in un futuro non molto lontano, coadiuvare o anche sostituire l’essere umano nello svolgimento di attività pesanti o routinarie. Tuttavia, l’IA è uno degli strumenti di analisi di dati più promettenti tra quelli attualmente a disposizione del mondo scientifico.