La moda di 5.000 anni fa: recenti studi sugli indumenti di Ötzi

Read time: 4 mins

Il Trinity College di Dublino, in collaborazione con il Centro studi EURAC di Bolzano, ha analizzato le pelli degli indumenti indossati da Ötzi, la mummia del Similaun, nel venticinquesimo anniversario del suo ritrovamento.

La mummia di Ötzi, ritrovata nel 1991 nella zona del Giogo di Tisa in Val Senales, è una delle più studiate al mondo per il suo particolare processo di mummificazione naturale e la presenza di abiti e oggetti. Ötzi visse durante l'Età del Rame e, probabilmente, era un cacciatore appartenente a una cultura agro-pastorale.

Recentemente grazie al sequenziamento e alle analisi del DNA mitocondriale, è stato possibile determinare a quali animali appartenessero le pelli cucite insieme per produrre i suoi indumenti.

A occuparsi del progetto è stata anche Valeria Mattiangeli. Milanese di origine, ha studiato biologia con una tesi sul comportamento dei daini e ha conseguito un dottorato in genetica delle popolazioni, finanziato dall’Unione Europea. Oggi lavora presso il Laboratorio di genetica molecolare del Trinity College di Dublino, laboratorio specializzato nello studio del DNA antico.

La ricercatrice si è resa disponibile a "incontrare" in videoconferenza gli studenti della 5°A (sezione di potenziamento scientifico) del liceo classico Tito Livio di Milano per illustrare come si è svolta l'analisi e quali sono stati i risultati ottenuti.

Com'è possibile studiare il DNA di un reperto di oltre 5000 anni?
Il DNA antico, frammentato e corto a causa della degradazione a cui è soggetto nel corso del tempo, viene integrato e amplificato tramite avanzate tecniche di sequenziamento, in modo tale da poter ottenere un genoma il più completo possibile.

Come si possono identificare gli animali da cui furono ricavate le pelli?
E’ necessario prelevare dalle pelli campioni biologici da cui estrarre il DNA, che viene poi comparato, tramite processi di allineamento, a genomi di varie specie animali presenti nelle banche dati del DNA, al fine di determinare la specie di appartenenza.

Perché è stato utilizzato il DNA mitocondriale e non quello nucleare?
A causa della degradazione naturale dovuta al trascorrere del tempo non sempre è possibile utilizzare il DNA nucleare, che permetterebbe di ottenere un maggior numero di informazioni. Il processo di ricostruzione del genoma attraverso il DNA mitocondriale risulta più semplice in quanto esso, oltre a essere presente in più copie (in una cellula sono presenti più mitocondri, mentre il nucleo è uno solo), è molto più corto.

Quanto tempo richiede uno studio di questo tipo, dalla raccolta del campione al sequenziamento?
Durante le analisi, il rischio di contaminazione del DNA è molto alto, perciò è necessario dedicare parte del tempo alla pulizia degli strumenti e a ricoprire ogni parte del corpo del ricercatore con appositi indumenti. Ogni campione va fotografato e classificato, affinché ne rimanga traccia anche dopo l'utilizzo. La fase di estrazione del DNA richiede circa tre giorni [A1]. Invece la macchina di sequenziamento è molto più rapida e impiega “solo” otto ore a svolgere il lavoro [A2]. Una volta ottenuta la sequenza del DNA, questa va allineata o confrontata con altre sequenze di riferimento per determinarne la provenienza.

Quali sono stati i risultati delle vostre analisi?
Le analisi hanno evidenziato che per gli indumenti erano state utilizzate pelli di cinque animali diversi: alcuni domestici come vitello, capra e pecora, altri selvatici come capriolo e orso. Ad esempio, i gambali erano costituiti da pelli di capra e pecora cucite insieme; il cappello, di pelle di orso; la faretra, di pelle di capriolo. Tutte le pelli, cucite insieme con maestria con tendini di animali e fili d'erba, erano state trattate con grassi animali per la concia.

E se gli indumenti di Ötzi fossero stati realizzati con la pelle di un animale estinto, come lo avreste identificato?
E’ possibile comparare il DNA sequenziato con quello di un animale estinto se quest’ultimo è presente in una banca dati del DNA. Altrimenti si può ipotizzare quale fosse la sequenza del genoma di un organismo di cui non esistono più esemplari, partendo da alcuni frammenti e allineandoli con quelli dell’animale più vicino dal punto di vista filogenetico.

Gli studi sugli indumenti di Ötzi ci dicono che apparteneva a una comunità di cacciatori esperti: le pelli utilizzate per realizzare la faretra e il cappello, infatti, appartengono ad animali di due specie selvatiche difficili da cacciare. Inoltre, in base alle informazioni ottenute sugli animali cacciati è possibile formulare ipotesi sui territori di provenienza e sullo stile di vita della comunità di cacciatori.

L'uomo venuto dal ghiaccio si dimostra ogni giorno una fonte inesauribile di conoscenze e informazioni: attraverso lo studio di Ötzi dialoghiamo col passato proiettandoci verso il futuro.

[A1] Una volta estratto il DNA va “preparato per il sequenziamento (library prep) e questo procedimento richiede 1-2 giorni.
[A2] Nel caso specifico di Ötzi è stato usato un sequenziatore “rapido” che ha prodotto dati (circa 20milioni di sequenze di 65bp) in 8 ore. Questo va bene per il mtDNA. Quando però si usa il DNA nucleare sono necessarie molte più sequenze. Si usano quindi sequenziatori più potenti gestiti da società. In quel caso si ottengono 200 milioni di sequenze di circa 100bp e ci mettono anche 3-4 settimane. Se si pensa che i nostri campioni contengono solo una percentuale di DNA endogeno (cioè del campione, il resto è contaminazione) che può variare da 0.1 a 70%. Fate un po’ voi i conti di quant sequenze di 100bp ci vogliono per avere tutto il genoma umano sequenziato. Tenendo conto che per essere sicuri nel caso di varianti (cambio di nucleotide) si cerca di avere più sequenze allineate allo stesso punto!

altri articoli

Le notizie di scienza della settimana #100

Mauro Ferrari, pioniere nel campo delle nanotecnologie per la cura dei tumori metastatici, è stato nominato direttore dello European Research Council (ERC). Succederà al matematico francese Jean-Pierre Bourguignon a partire dal 1° gennaio 2020 e per quattro anni sarà alla guida dell'agenzia di finanziamento della ricerca di base dell'Unione Europea che dal 2007 a oggi ha assegnato circa 9 000 grant per un totale di 17 miliardi di euro. Una laurea in matematica a Padova e un dottorato in ingegneria meccanica a Berkeley, Ferrari, negli Stati Uniti da oltre trent'anni, promette di promuovere la "superdisciplinarità", quell'attitudine verso la ricerca che costruisce nuova conoscenza al confine tra diversi campi pur rispettandoli. In Italia la sua nomina ha fatto scalpore. Nel 2014, nominato membro del comitato di valutazione del metodo Stamina dall'allora Ministra della salute Beatrice Lorenzin, dichiarò: «È il primo caso importante di medicina rigenerativa in Italia». Seguì un'ondata di proteste del mondo scientifico che raggiunse addirittura le pagine di Nature e costrinse Lorenzin a escluderlo dal comitato. Nel 2015 entrò a far parte del comitato di selezione degli enti di ricerca italiana e quando, nel dicembre scorso, Roberto Battiston non venne rinnovato a capo dell'Agenzia Spaziale Italiana e tutti i membri del comitato si dimisero, Ferrari rimase al suo posto. Nell'immagine: Mauro Ferrari durante il suo discorso di saluto dopo la nomina a prossimo direttore dell'ERC. Credit: European Research Council / Youtube.

Negazionismo climatico 

Negli Stati Uniti una tra le più alte percentuali di negazionisti climatici. È quanto emerge da un sondaggio, condotto tra febbraio e marzo dalla società YouGov in collaborazione con l'Università di Cambridge e il Guardian, che sta esplorando temi come populismo e globalizzazione in 23 Paesi del mondo e raccogliendo le posizioni dei cittadini su temi come cibo, tecnologia, immigrazione e ambiente.