Mezzogiorno, quoziente di intelligenza e razzismo

Tempo di lettura: 3 mins

Nel numero di gennaio-febbraio 2010 di Intelligence è apparso un articolo di Richard Lynn (In Italy, north-south differences in IQ predict differences in income, education, infant mortality, stature and literacy), in cui l’autore sostiene che le popolazioni dell’Italia meridionale sarebbero meno intelligenti di quelle dell’Italia settentrionale perché caratterizzate da un QI (quoziente di intelligenza) più basso. E che essendo risultato il QI significativamente correlato con il reddito, il livello d’istruzione, eccetera, sarebbe proprio il basso QI a determinare l’arretratezza del nostro Mezzogiorno. Lynn ha anche scoperto il motivo per cui le popolazioni del nostro sud avrebbero un QI più basso: perché si sarebbero mescolate geneticamente con popoli provenienti dal Vicino Oriente e dal Nord Africa.

QI medio delle popolazioni indigene secondo gli studi di Lynn
QI medio delle popolazioni indigene secondo gli studi di Lynn

La “riflessione” di Lynn è particolarmente seccante per noi italiani, ma Lynn aveva già sostenuto che le popolazioni dell’Europa del nord sarebbero intellettualmente superiori a quelle del sud; e allargando l’orizzonte al mondo intero, che gli asiatici sarebbero più intelligenti degli europei, ma che entrambi sarebbero di gran lunga più intelligenti degli africani. Insomma, i migliori geni dell’intelligenza sarebbero distribuiti nell’area boreale, e al suo interno alle latitudini più alte, i peggiori in quella australe. 

Eppure, le ricerche sulla storia evolutiva umana dovrebbero indurre a essere cauti nell’assegnare la qualifica di “superiore-più intelligente” a noi europei e “inferiore-meno intelligente” agli africani. Perché noi e loro siamo le popolazioni della nostra specie più imparentate geneticamente. La specie Homo sapiens, infatti, si è originata in Africa circa 200.000 anni fa. Da lì, poi, alcune popolazioni sono migrate verso oriente, dove hanno iniziato ad accumulare mutazioni diverse da quelle dei gruppi africani da cui si erano separate; e solo molto tempo dopo, 40.000 anni fa, altre popolazioni si sono staccate dal tronco comune africano per popolare l’Europa. Quindi, non c’è stato il tempo per l’evoluzione, che ha il suo ritmo, di trasformare tutti i geni della “scarsa intelligenza” africana nella “eccellente intelligenza” europea.

Ma torniamo al QI e alla pretesa che misuri l’intelligenza. Come ha detto Henry Harpending, l’intelligenza è qualcosa di cui tutti parlano e a cui tutti fanno riferimento, ma per la quale non abbiamo ancora una definizione neppure approssimativa. E allora, come si può confondere il grado di intelligenza di una persona con il suo livello di QI? Il QI è certamente informativo sul rendimento scolastico, per il quale è stato costruito, o su quello lavorativo, ma assolutamente estraneo all’intelligenza.

Pensiamo che la cosa ancora più illuminante sull’argomento sia la tabella pubblicata da Ashley Montagu nel libro del 1942 Man’s most dangerous myth (La razza. Analisi di un mito, Einaudi, 1966). I punteggi di QI riportati erano relativi alle reclute statunitensi della I Guerra Mondiale. E il valore medio per i neri degli stati del nord degli USA era leggermente maggiore (40,5) di quello dei bianchi degli stati del centro-sud degli USA (40,3). Forse perché il nord era più ricco di stimoli culturali rispetto al sud anche per la parte più povera della popolazione: i neri appunto.

Ci sembra che sul caso italiano sollevato da Lynn si possa concludere così: forse non è stato il più basso punteggio di QI dei meridionali a determinare la Questione Meridionale, quanto piuttosto il contrario. Buona istruzione e buone opportunità culturali in genere, all’interno di condizioni di vita soddisfacenti, forse aiutano ad alzare il QI.

Lynn R. World distribution of the intelligence of indigenous peoples from, 2006
Per un maggiore approfondimento si può consultare il blog che Gianfranco Biondi e Olga Rickards tengono sul sito de Il Sole24Oore, all'indirizzo http://rickardsbiondi.nova100.ilsole24ore.com/

Olga Rickards
Antropologia Molecolare, Università di Roma

altri articoli

Sperimentazione animale, i benefici per gli animali non umani

Un aspetto che spesso non emerge nel dibattito sulla sperimentazione animale è quello relativo alle ricadute benefiche che tale sperimentazione può avere sugli animali stessi. In questo articolo ne raccogliamo alcuni: dai farmaci a uso veterinario a quelli che, nati per la medicina umana (su cui si concentra la maggior parte degli sforzi della ricerca), oggi sono impiegati per la cura e la terapia degli animali non umani, fino agli esempi di come la sperimentazione consenta anche alcune strategia di conservazione per gli animali a rischio. Naturalmente, tali esempi non sono un motivo per non investire sullo sviluppo di nuovi metodi, ma vogliono rappresentare uno spunto di riflessione nell'analisi costi-benefici che la sperimentazione animale, un argomento complesso in cui s'intrecciano etica, economia e politica, porta con sé.
Crediti immagine: J C/Pixabay. Licenza: Pixabay License

Parlare di sperimentazione animale significa parlare di un argomento davvero complesso. Chiama in causa aspetti etici, economici e politici intersecati tra loro, che influenzano fortemente la ricerca scientifica e, di conseguenza, il benessere dell'essere umano. Ma solo di quest'ultimo? Nel dibattito sulla sperimentazione animale che si ritrova tanto spesso nella cronaca, un aspetto a volte trascurato è che, nell'analisi costi-benefici, tra i benefici può rientrare anche, in alcuni casi, lo sviluppo di farmaci (e non solo) a uso veterinario.