fbpx Premio giovani ricercatrici e ricercatori edizione 2023 | Scienza in rete

Premio giovani ricercatrici e ricercatori edizione 2023

Tempo di lettura: 7 mins

Il Gruppo 2003 per la ricerca scientifica indice la terza edizione del Premio giovani ricercatrici e ricercatori (2023) per promuovere l’attività di ricerca e richiamare l’attenzione delle istituzioni e dell’opinione pubblica sulle nuove generazioni di scienziate e scienziati, risorsa preziosa per il futuro del nostro Paese. «Il premio è rivolto a tutti i giovani che vogliano misurarsi con i grandi temi scientifici, sociali ed economici del momento» spiega la presidente del Gruppo 2003 Maria Pia Abbracchio. «Rispetto alla passata edizione, che ha visto ben 370 domande, il Gruppo 2003 ha deciso infatti di privilegiare non le discipline ma i temi giudicati più rilevanti e che non a caso sono compresi anche nel Programma nazionale della ricerca e nella programmazione europea, cercando di stimolare approcci multi e transdisciplinari. Ci aspettiamo molti articoli scientifici interessanti che verranno valutati da apposite giurie costituite in seno al Gruppo 2003, associazione che comprende ben 120 ricercatori highly cited attivi in Italia».

I premi che verranno assegnati riguardano dieci ambiti disciplinari: 1 Agricoltura, 2 Alimentazione, 3 Biodiversità, 4 Clima, 5 Cybersecurity, 6 Energia, 7 Intelligenza artificiale, Big Data e High Performance Computing per la sostenibilità, 8 Nuovi materiali, 9 Salute, 10 Astrofisica e Spazio.

Potranno partecipare al premio con un loro studio le giovani ricercatrici e i giovani ricercatori che lavorano in istituzioni di ricerca italiane, pubbliche o private no profit.

Le candidature dovranno pervenire entro il 10 luglio 2023 al link www.scienzainrete.it/candidatura-premio. I 10 vincitori - uno per area disciplinare - verranno selezionati entro i primi di ottobre e premiati con diploma e 3.000 euro a testa in una cerimonia presso la sede centrale del Consiglio Nazionale delle Ricerche a Roma il 6 novembre 2023. Verrà anche assegnata a una ricercatrice della categoria Astrofisica e Spazio una Borsa di studio ASI in ricordo di Giovanni Bignami, dell'importo di 5.000 euro. Tutte le informazioni per partecipare al Premio si trovano alla pagina dedicata al regolamento.

Maria Pia Abbracchio, presidente del Gruppo 2003 per la ricerca scientifica

«Auspichiamo che molti giovani partecipino, in quanto, come forse è noto a molti, lo scopo del Gruppo è proprio quello di promuovere la ricerca scientifica in Italia, valorizzando i talenti dei giovani e attraendo anche nuovi giovani al lavoro di ricerca. E per questo ringraziamo gli sponsor che hanno reso possibile questa nuova edizione del Premio» prosegue Maria Pia Abbracchio. «Il premio sarà conferito ai vincitori in occasione del convegno annuale del Gruppo 2003, che si terrà il 6 novembre 2023 a Roma, in occasione anche dei festeggiamenti del centenario del Consiglio Nazionale delle Ricerche e, in quell'occasione, i vincitori saranno invitati a presentare un breve sunto dei loro lavori».

Il Premio giovani ricercatrici e ricercatori 2023 è in collaborazione con il Consiglio Nazionale delle Ricerche, ed è sostenuto da: Fondazione Enel (Knowledge Partner)* e da Agenzia Spaziale Italiana **, Chiesi, Federazione Nazionale Dirigenti e Alte Professionalità dell'Agricoltura e dell'Ambiente, Fondazione Bracco ***, Istituto Nazionale di Astrofisica, Prysmian Group.

* Fondazione Enel è Knowledge Partner del Premio giovani ricercatrici e ricercatori 2023, offrendo a Gruppo 2003, oltre al proprio contributo scientifico, il sostegno economico per i premi della categoria Clima e della categoria Energia.
** Il sostegno di Agenzia Spaziale Italiana (ASI) si concretizza nella borsa di studio "in memoria di Giovanni Bignami" che sarà assegnata a una ricercatrice della categoria Astrofisica e Spazio.
*** Il sostegno della Fondazione Bracco è indirizzato alle ricercatrici. 

 



Scienza in rete è un giornale senza pubblicità e aperto a tutti per garantire l’indipendenza dell’informazione e il diritto universale alla cittadinanza scientifica. Contribuisci a dar voce alla ricerca sostenendo Scienza in rete. In questo modo, potrai entrare a far parte della nostra comunità e condividere il nostro percorso. Clicca sul pulsante e scegli liberamente quanto donare! Anche una piccola somma è importante. Se vuoi fare una donazione ricorrente, ci consenti di programmare meglio il nostro lavoro e resti comunque libero di interromperla quando credi.


prossimo articolo

Quando il genere cambia la ricerca

Il premio ATENƏ del CNR valorizza la gendered innovation, premiando i tre migliori prodotti scientifici che abbiano inglobato nel proprio disegno la prospettiva di genere. I lavori premiati appartengono ai tre diversi settori ERC, cioè Scienze fisiche e ingegneria, Scienze della vita e Scienze umane e sociali, e sono esempi di come l’integrazione della prospettiva di genere fornisca risultati che rispondono maggiormente ai bisogni della società e del mondo produttivo.

Immagine di Freepik

I manichini utilizzati più comunemente per i crash test riproducono l’anatomia del corpo medio maschile. Per rappresentare i corpi femminili, si utilizza una versione in scala ridotta di questi stessi manichini. Quando si testa la sicurezza delle automobili, quindi, non ci sono manichini che modellino le forme femminili né la loro tolleranza alle lesioni, la biomeccanica, l'allineamento della colonna vertebrale e così via. La conseguenza è che le donne riportano lesioni più gravi degli uomini in incidenti analoghi.