Il trasporto cellulare vince il Premio Nobel per la Medicina

Read time: 3 mins

L'Accademia Reale Svedese delle Scienze ha assegnato il Premio Nobel per la Fisiologia o Medicina a James E. Rothman, Randy W. Schekman e Thomas C. Südhof.
Il riconoscimento è arrivato per le ricerche sul modo in cui la cellula organizza il suo sistema di trasporti. Secondo il Comitato del Karolinska Institutet, i tre biologi hanno “svelato i principi molecolari che regolano il traffico di vescicole, uno dei più importanti sistemi di trasporto all'interno delle nostre cellule”.
Il meccanismo di trasporto molecolare è alla base di quasi tutte le funzioni fondamentali dell'organismo, a partire dallo scambio di segnali all'interno del cervello e tra quest'organo e il resto del corpo. Le cellule producono molecole come ormoni, neurotrasmettitori, citochine ed enzimi che devono essere consegnate in altri organelli all’interno della cellula o esportati fuori dalla cellula.
Queste molecole sono trasportate in piccoli "pacchetti" chiamati vescicole, disturbi in questo sistema hanno effetti deleteri e contribuiscono all’istaurarsi di malattie come quelle neurologiche, diabete o disordini immunologici.
I tre scienziati sono riusciti a capire come "i carichi di proteine e altre molecole raggiungano il posto giusto al momento giusto" all'interno delle cellule umane.
A partire dagli anni settanta, Randy W. Schekman della Berkeley University incomiciò a studiare i meccanismi genetici alla base del trasporto cellulare, identificando tre classi di geni che controllano il processo di assemblaggio della membrana e regolano il «traffico» delle vescicole cellule eucariote. Non è il primo premio ricevuto, già nel 2002 ha ricevuto il premio Albert Lasker per la ricerca medica di base e il Louisa Gross Horwitz Prize della Columbia University insieme a James Rothman proprio per la loro scoperta del "traffico" della membrana cellulare.
Rothman della Yale University ha avuto il merito d’identificare il sistema di proteine che permette alle vescicole di unirsi al «carico». L'esistenza di diverse proteine che si legano in modo specifico alle vescicole assicura che le molecole arrivino a destinazione senza errori. Gli stessi geni identificati da Schekman, nei lieviti sono stati trovati da Rothman nei mammiferi, rivelando un antica origine evolutiva del sistema di trasporto.
Il biologo tedesco Thomas C. Südhof, utilizzando il “macchinario” scoperto da Rothman e Schekman, ha compreso i meccanismi attraverso i quali le vescicole, con grande precisione, rilasciano il proprio contenuto. Gran parte del suo lavoro si è sviluppato sullo studio delle principali proteine che mediano le funzioni presinaptiche e posto le basi per la nostra attuale comprensione del rilascio di neurotrasmettitore vescicola-mediata.

Quello per la Medicina è il primo dei Nobel assegnati quest'anno. I riconoscimenti per Fisica, Chimica, Letteratura, Pace ed Economia saranno annunciati nel corso di questa e della prossima settimana.
I tre scienziati hanno ricevuto il premio di 8 milioni di corone svedesi, pari a circa 900mila euro, che si suddivideranno.

Autori: 
Sezioni: 
Nobel per la Medicina
Lavorato da / tipo di lavorazione: 
autore
stato: 
bozza

altri articoli

Biodiversità appesa a un filo

Torna l'allarme lanciato 57 anni fa Rachel Carson con "Primavera silenziosa". Un nuovo studio, pubblicato su Science, analizza l'abbondanza dell'avifauna negli Stati Uniti e in Canada negli ultimi cinquant'anni. I risultati sono sconfortanti: si registra una perdita del 29 per cento dell'avifauna, corrispondente a quasi tre miliardi di uccelli. Crediti: 3D_Maennchen/Pixabay. Licenza: Pixabay License

Torna l'allarme lanciato 57 anni fa Rachel Carson con "Primavera silenziosa". Un nuovo studio, pubblicato su Science, analizza l'abbondanza dell'avifauna negli Stati Uniti e in Canada negli ultimi cinquant'anni. I risultati sono sconfortanti: si registra una perdita del 29 per cento dell'avifauna, corrispondente a quasi tre miliardi di uccelli. Uno dei dati più preoccupanti, inoltre, è che tale perdita non riguarda solo le specie a rischio, ma anche quelle comuni e più importanti per gli ecosistemi. La ricerca arriva in contemporanea a una lettera firmata da oltre 1.600 scienziati, tra cui il "padre della biodiversità" Thomas Lovejoy, che chiede finanziamenti urgenti per la tutela della biodiversità.