ISS: ufficiale la nomina di Oleari alla presidenza

Read time: 3 mins

Fabrizio Oleari è il nuovo presidente dell'Istituto Superiore di Sanità. Oleari andrà a sostituire così Enrico Garaci - a capo dell'organismo tecnico-scientifico da più 10 anni - su proposta del Ministro della Salute Renato Balduzzi. L’ufficializzazione della nomina è arrivata con la firma del decreto da parte del Presidente del Consiglio dei Ministri in carica Mario Monti.

“Occorre sempre più potenziare l’Istituto Superiore di Sanità", ha dichiarato Oleari "perché oggi siamo di fronte a grandi sfide in Italia, in Europa e nel mondo intero, soprattutto nel campo delle prevenzione. Il compito che ci attende è integrare sempre più strettamente prevenzione, cura e riabilitazione, considerando fondamentale e sempre più strategico il ruolo della ricerca scientifica”. Commentando il passaggio di consegne ai vertici dell'ISS, Renato Balduzzi ha ribadito il ruolo dell'IStituto come strumento fondamentale per tutto il Servizio Sanitario Locale. “Con la nomina di Fabrizio Oleari si rafforza ancora di più il ruolo dell’Istituto Superiore di Sanità come organismo tecnico-scientifico al servizio dell’intera sanità italiana, del Ministero della Salute e delle Regioni”. 

Tuttavia è proprio il carattere "scientifico", più volte ricordato dal Ministro in merito alle funzioni dell'ISS - e quindi dei suoi rappresentanti - ad aver suscitato diverse polemiche all'annuncio della nomina del nuovo presidente lo scorso gennaio, a ridosso delle elezioni politiche.
A Oleari è stata infatti contestata la sua lontanaza dal mondo della ricerca scientifica, pur riconoscendo la sua innegabile preparazione e capacità professionale. Secondo i contestatari, nella rosa di candidati - che comprendeva Ruggiero De Maria, direttore scientifico dell'Istituto dei tumori Regina Elena e Paolo Vineis, a capo della cattedra di Epidemiologia ambientale dell'Imperial college di Londra - Oleari era l'unico a non poter presentare nel curriculum i requisiti minimi di esperienza documentata in materia di ricerca e sperimentazione nei settori di attività propri dell'istituto.

Il senatore Ignazio Marino è stato tra i primi a sollevare questo problema, ponendo il veto durante la votazione di gennaio in commissione Igiene e sanità del Senato (conclusa con 12 voti favorevoli alla nomina e 7 contrari). "Oleari è l'unico tra i cinque candidati finalisti che non è uno scienziato", ha spiegato e ribadito in questi giorni Marino "mentre in qualsiasi altro Paese del mondo al vertice degli istituti di sanità ci sono uomini di scienza, persone che fanno ricerca e pubblicano lavori su riviste scientifiche. La stessa legge modificata da Monti per arrivare alla nomina con una procedura internazionale, iniziata ad agosto dell'anno scorso con grande rigore, prevedeva tra i requisiti per la selezione un curriculum orientato alla ricerca".

L'ex Presidente Enrico Garaci ha voluto salutare con ottimismo la nuova nomina: "Sono certo che il dottor Oleari, di cui conosco e apprezzo il valore umano e le capacità professionali, saprà operare con continuità".

Autori: 
Sezioni: 
Sanità
Lavorato da / tipo di lavorazione: 
autore
stato: 
bozza

altri articoli

Le notizie di scienza della settimana #104

Il biologo molecolare russo Denis Rebrikov ha dichiarato che ha intenzione di impiantare nell'utero di una donna embrioni geneticamente modificati con la tecnica CRIPSR entro la fine dell'anno. L'obiettivo sarebbe quello di prevenire che la madre, colpita da una forma di HIV resistente ai farmaci antiretrovirali, trasmetta il virus ai propri figli. Per farlo, Rebrikov userebbe la tecnica CRISPR-Cas9 per disattivare il gene CCR5, in modo simile a quanto fatto dallo scienziato cinese He Jiankui che lo scorso novembre aveva annunciato di essere stato il primo a far nascere una coppia di gemelle con questo procedimento (He voleva però evitare la trasmissione del virus dell'HIV dal padre alle figlie). La legislazione russa proibisce l'editing del genoma umano in senso generale, ma la legge sulla fertilizzazione in vitro non vi fa esplicito riferimento, e dunque Rebrikov potrebbe trovarsi di fronte un vuoto normativo che conta di colmare chiedendo l'autorizzazione di una serie di agenzie governative, a partire dal Ministero della salute. Scienziati ed esperti di bioetica si dicono preoccupati. La tecnologia non è ancora matura, motivo per cui qualche mese fa un gruppo di importanti ricercatori del campo avevano chiesto di mettere a punto una moratoria sul suo utilizzo in embrioni destinati all'impianto in utero. Non è chiaro poi se i rischi superino i benefici. In primo luogo, la disattivazione del gene CCR5 protegge dalla trasmissione del virus dell'HIV nel 90% dei casi. In secondo luogo, il rischio di mutazioni off-target e on-target indesiderate è ancora molto alto. Rebrikov sostiene che la sua tecnica ne riduca drasticamente la frequenza, ma finora non ha pubblicato alcuno studio scientifico che lo dimostri. Nell'immagine: lo sviluppo di embrioni umani geneticamente modificati con la tecnica CRISPR per correggere una mutazione responsabile della cardiomiopatia ipertrofica (lo studio, condotto nel laboratorio di Shoukhrat Mitalipov presso la Oregon Science and Health University di Portland, risale al 2017 ed è stato pubblicato su Nature). Credit: Oregon Science and Health University. Licenza: OHSU photos usage

Dove finisce la plastica dei ricchi?

Ogni anno gli Stati Uniti producono 34,5 milioni di tonnellate di rifiuti di plastica. 1 milione di tonnellate vengono spedite fuori dal continente. Fino a qualche anno fa la maggior parte veniva spedita in Cina e Hong Kong, ma nel 2017 la Cina ha chiuso le porte a questo tipo di importazioni, autorizzando solo l'arrivo della plastica più pulita e dunque più facile da riciclare.