Covid-19/

Il trasferimento di conoscenze in ambiente e salute

Read time: 3 mins

Il binomio “ambiente e salute” è stato oggetto, negli ultimi anni, di un interesse crescente nell'ambito accademico e della ricerca. Da un lato, infatti, si sono accresciute le conoscenze relative agli effetti delle attività antropiche sull'ambiente, dall'altro si stanno evolvendo metodologie e strumenti per una valutazione degli impatti stessi e delle loro correlazioni con gli effetti sulla salute.

Esperienze concrete vengono discusse durante la Conferenza ‘Sharing a vision for environment and health research in Europe’ promossa dalla Rete ERA-ENVHEALTH, che si svolge a Parigi il 13 e 14 giugno. La sensibilità sul tema ambiente e salute è cresciuta anche a livello politico e sociale, traducendosi in una costate crescita di domanda di partecipazione alla decisione pubblica da parte della cittadinanza. Parallelamente, emerge una maggiore attenzione da parte dei decisori pubblici sulle conoscenze scientifiche e sugli strumenti di valutazione a supporto dei processi decisionali, tali da prendere in considerazione le conoscenze scientifiche e i determinanti di salute non tradizionalmente considerati, come i fattori socio-economici.

Come è evidente, si tratta di un sistema molto complesso di interazioni tra elementi di natura diversa che determinano influenze, relazioni e decisioni. Nell'ambito del progetto di Rete ERA-ENVHEALTH, l'Istituto di Fisiologia Clinica del CNR ha risposto all'attenzione crescente a livello nazionale e internazionale sul tema individuando una serie di esperienze reali di produzione di conoscenza e uso, o mancato uso, delle stesse nelle politiche pubbliche, di tipo sia preventivo che risolutivo. Il gruppo italiano era composto anche da ARPA Emilia-Romagna, ARPA Toscana, Medici per l’Ambiente e una filosofa eticista che lavora presso l’Università Humboldt di Berlino. I sette casi studiati, molto diversi tra loro sono: le ondate di calore, le radiofrequenze, il biomonitoraggio umano, il radon, il rumore, cambiamenti climatici e aria indoor. La loro analisi ha fatto emergere una serie di dinamiche, di complesse e interessanti interazioni tra i cosiddetti “stakeholder”, letteralmente i “portatori di interessi/di poste in gioco”, dove pesano fattori che facilitano od ostacolano il trasferimento delle conoscenze alle decisioni.

La ricerca ha portato alla definizione di una metodologia di analisi in grado di isolare, caso per caso, due tipologie di elementi: quelli strutturali che dovrebbero influenzare in positivo o in negativo il trasferimento delle conoscenze, e quelli contestuali che influenzano di fatto le dinamiche analizzate, favorendole o bloccandole. I casi analizzati vengono discussi durante la Conferenza ‘Sharing a vision for environment and health research in Europe’ promossa dalla Rete ERA-ENVHEALTH, in corso a Parigi. Durante la presentazione dei risultati dell'analisi vengono messi in evidenza quegli elementi risultati comuni a tutte le esperienze analizzate, illustrando come in alcuni casi essi si siano rivelati fattori positivi e in altri fattori negativi.

Questa analisi ha permesso di mettere in evidenza una serie di aspetti che i ricercatori possono tenere in considerazione tanto nel disegno della loro ricerca, quanto nella realizzazione e finalizzazione della stessa, allo scopo di massimizzare l'uso dei risultati come base per la presa di decisioni, ma anche per rendere i risultati stessi “usabili”, comprensibili e “risolutivi” rispetto alle questioni poste nelle esperienze reali. Gli esiti di questa analisi hanno permesso di realizzare, insieme al lavoro di altri due gruppi di lavoro della Rete ERA-ENVHEALTH, un documento contenente idee e raccomandazioni per i ricercatori, per migliorare le dinamiche di interrelazione, rendere più efficace la comunicazione dei risultati e tentare di “personalizzarli” per consentirne un uso contestuale, adatto alle problematiche specifiche e in grado di offrire delle soluzioni. Scegliendo di approfondire lo studio di casi concreti, si sono integrate le ricerche realizzate sul tema dalla Rete ERA-ENVHEALTH con esperienze sul  campo, che appaiono essenziali per una scienza pensata come strumento utile a prendere decisioni e programmare azioni concrete in un contesto di incertezza e crescente complessità.

Aiuta Scienza in Rete a crescere. Il lavoro della redazione, soprattutto in questi momenti di emergenza, è enorme. Attualmente il giornale è interamente sostenuto dall'Editore Zadig, che non ricava alcun utile da questa attività, se non il piacere di fare giornalismo scientifico rigoroso, tempestivo e indipendente. Con il tuo contributo possiamo garantire un futuro a Scienza in Rete.

E' possibile inviare i contributi attraverso Paypal cliccando sul pulsante qui sopra. Questa forma di pagamento è garantita da Paypal.

Oppure attraverso bonifico bancario (IBAN: IT78X0311101614000000002939 intestato a Zadig srl - UBI SCPA - Agenzia di Milano, Piazzale Susa 2)

altri articoli

Propagazione di SARS-CoV-2, distanziamento e mascherine

Simonetta Pagliani ripercorre le informazioni che abbiamo sulla propagazione di SARS-CoV-2, dalle cui caratteristiche dipende l'efficacia del distanziamento fisico e quella delle mascherine. Il testo deriva dalla presentazione che Simonetta Pagliani ha fatto nel webinar  della Associazione Alessandro Liberati «Accuratezza dei test diagnostici, DPI, politiche di distanziamento e lockdown», tenutosi i 27 ottobre, trasmesso anche su Scienza in rete: https://www.scienzainrete.it/articolo/accuratezza-dei-test-diagnostici-d...

Crediti immagine: Background photo created by user3802032 - www.freepik.com

Protezione popolazione generale e addetti a compiti sanitari

Il lockdown totale, con la radicale diminuzione della mobilità individuale, ha sicuramente arginato il dilagare dell’epidemia, riducendo R0, che esprime il numero d’infezioni secondarie generate da un individuo infetto durante l’intero periodo infettivo, in una popolazione suscettibile, al tempo 0 di un’epidemia.