fbpx L'aereo USA è troppo pesante, ma non buttate giù il motore | Scienza in rete
SciRe/

L'aereo USA è troppo pesante, ma non buttate giù il motore

Read time: 3 mins

Il budget per la ricerca dei National Institutes of Health (NIH) degli Stati Uniti d’America è, per quest’anno, di 31,1 miliardi di dollari. La maggioranza repubblicana al Congresso ha proposto lo scorso 11 febbraio di tagliarlo del 9,5% portandolo a 29,5 miliardi. Tre giorni dopo, nel giorno di San Valentino, il presidente Barack Obama ha proposto di aumentarlo del 2,3% per l’anno 2012, portandolo a 31,8 miliardi di dollari.

Il budget per la ricerca della National Science Foundation (NSF) è, per il 2011, di 6,9 miliardi di dollari. La maggioranza repubblicana al Congresso ha proposto di tagliarlo del 5,8% portandolo a 6,5 miliardi di dollari. Il presidente Barack Obama ha proposto di aumentarlo del 13,0% per l’anno 2012, portandolo a 7,8 miliardi.

Il budget corrente dell’Ufficio per la Scienza del Department of Energy (DOE) è di 4,9 miliardi di dollari. La maggioranza repubblicana al Congresso ha proposto di tagliarlo del 22,5% portandolo a 4,0 miliardi di dollari. Il presidente Barack Obama ha proposto di aumentarlo del 10,2% per l’anno 2012, portandolo a 5,4 miliardi.

Non c’è dubbio, intorno al bilancio federale è in atto un duro braccio di ferro tra la nuova maggioranza repubblicana al Congresso e il Presidente Barack Obama. Un braccio di ferro che coinvolge anche le risorse per la ricerca.

La maggioranza repubblicana pensa che il più grande problema degli Stati Uniti sia il debito pubblico. Che occorra abbattere il deficit del bilancio federale, giunto a 1.500miliardi di dollari. E che bisogna iniziare subito, con un taglio di 62 miliardi per la spesa corrente del 2011. Il taglio deve includere anche la spesa per la ricerca scientifica. Soprattutto nei settori delle nuove fonti energetiche e della lotta ai cambiamenti climatici. 

Il Presidente democratico non nega che occorre diminuire il debito pubblico. Ma esclude che i tagli debbano riguardare la spesa per la ricerca. Aumentare la spesa anche in tempi di vacche magre è una scelta strategica «to win the future», per vincere il futuro. Barack Obama è convinto che se gli Stati Uniti non vogliono perdere la sfida che viene dalle economie emergenti e, in particolare dalla Cina, gli Usa devono conservare e incrementare la loro leadership scientifica e tecnologica. Anche e soprattutto nei settori ritenuti, a loro volta, strategici delle nuove fonti di energia e, più in generale della “green economy”.

Non sappiamo come terminerà il braccio di ferro. I forti tagli al bilancio corrente votati dal Congresso dovranno essere negoziati col Senato, dove i democratici hanno la maggioranza. E se anche ci saranno, sostengono gli esperti, saranno fortemente ridimensionati anche e soprattutto nel settore della ricerca. Allo stesso tempo il budget federale per l’anno 2012 proposto dal Presidente dovrà essere rivisto al ribasso, se vorrà passare al Congresso.

Ne sapremo di più nei prossimi giorni. Certo la sfida è inedita. Ed è altrettanto certo che in questo momento negli Usa si fronteggiano due visioni diverse del futuro degli Stati Uniti e del ruolo della scienza nel futuro degli Stati Uniti.

I repubblicani pensano che l’aereo americano sia troppo carico, rischi di perdere quota e, dunque, deve buttare giù zavorra. Barack Obama sostiene che sì, l’aereo è troppo carico. Ma l’unica cosa da non fare se non si vuole precipitare è buttare giù il motore.

Aiuta Scienza in Rete a crescere. Il lavoro della redazione, soprattutto in questi momenti di emergenza, è enorme. Attualmente il giornale è interamente sostenuto dall'Editore Zadig, che non ricava alcun utile da questa attività, se non il piacere di fare giornalismo scientifico rigoroso, tempestivo e indipendente. Con il tuo contributo possiamo garantire un futuro a Scienza in Rete.

E' possibile inviare i contributi attraverso Paypal cliccando sul pulsante qui sopra. Questa forma di pagamento è garantita da Paypal.

Oppure attraverso bonifico bancario (IBAN: IT78X0311101614000000002939 intestato a Zadig srl - UBI SCPA - Agenzia di Milano, Piazzale Susa 2)

altri articoli

Futuro della ricerca italiana: una conversazione con Maria Cristina Messa

Maria Cristina Messa, ministra dell'università e della ricerca, deve affrontare la riforma delle carriere dei ricercatori di università e enti pubblici di ricerca, con l'obiettivo di ridurre il precariato e facilitare la mobilità tra istituti e anche da e verso l'estero. Inoltre, il suo ministero dovrà gestire 15 miliardi del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza e il nuovo Fondo Italiano per la scienza, istituito con il decreto "Sostegni bis".

Nell'immagine Maria Cristina Messa. Credit: Università degli studi di Milano-Bicocca, elaborazione Scienza in rete.

Maria Cristina Messa, professoressa ordinaria di diagnostica per immagini all’Università di Milano Bicocca ed ex rettrice nella stessa università, è stata nominata ministra dell’Università e Ricerca del governo Draghi a febbraio 2021. È la prima donna a ricoprire questo ruolo, la sesta se si considera il periodo di accorpamento del ministero dell’università con quello dell'istruzione. Nei primi mesi di incarico, ha nominato un’altra donna (Maria Chiara Carrozza) a capo del CNR. Forse anche questa scelta fa parte della modernizzazione di cui ha parlato più volte la ministra.