Animalisti contro Garattini, la solidarietà del Gruppo 2003

Read time: 3 mins

La scienza è parte integrante, anzi preponderante, della cultura contemporanea. Eppure oggi accade che esponenti politici vogliano negare il diritto di parola in pubblico a uno degli scienziati italiani più stimati al mondo, Silvio Garattini. La sua colpa è di aver detto la verità riguardo la sperimentazione sugli animali: Garattini non si è stancato di ricordare che non se ne può fare a meno se si vuole continuare a cercare nuove cure, per esempio contro il cancro; e che la nuova legge approvata dal parlamento italiano il 31 luglio scorso, senza tener conto della Direttiva 2010/63/UE del Parlamento europeo e del Consiglio  del 22 settembre 2010 sulla protezione degli animali utilizzati a fini scientifici, impedisce ai ricercatori di fare bene il loro lavoro in questo paese. Verità ribadite peraltro da tutta la più autorevole comunità scientifica, nazionale e internazionale.

Si possono avanzare buone ragioni morali per fare a meno degli esperimenti sugli animali, purché si sia disposti a rinunciare ai vantaggi che producono; così come molti, per le stesse ragioni, si astengono dal nutrirsi delle loro carni. Non è etico, invece, sostenere il contrario della verità, e cioè che la sperimentazione sugli animali è del tutto inutile per il progresso della medicina, non produce alcun beneficio per la salute, e può essere sempre sostituita da altri metodi.
Questo capovolgimento della realtà era già un indizio preoccupante di regressione del dibattito pubblico, ma ora siamo al punto in cui si chiede agli organizzatori del Festival della mente di Sarzana di non far parlare in pubblico Garattini (invitato a parlare su un argomento che non riguarda gli animali), semplicemente perché “sgradito”. 
Con la minaccia di boicottare la partecipazione di Silvio Garattini al Convegno di Sarzana è oggi in gioco qualcosa di assai più importante, rispetto al tema della sperimentazione animale e della scienza in sé: è in gioco la libertà di espressione  e il rispetto delle regole del confronto democratico e civile, in un Paese che non deve arrendersi al populismo e ad alcuna forma di compiacenza per atti di imbavagliamento dell'opinione avversaria.

Il Gruppo 2003 per la ricerca scientifica condanna questo attacco alla libertà di pensiero, esprime a Silvio Garattini piena solidarietà e gratitudine per il suo impegno e ricorda con una sola voce che tutti gli uomini di scienza hanno un dovere nei confronti della società: dire la verità che conoscono, anche quando è sgradita a una parte dell’opinione pubblica e invita tutte le rappresentanze politiche a intervenire con forza per garantire la dovuta libertà di pensiero e riportare il dibattito sulla sperimentazione animale nell’ambito della dovuta correttezza e conoscenza.

Il Gruppo 2003 per la ricerca scientifica

Redatto e approvato da:

Maria Pia Abbracchio
Giabfranco Balbo
Vincenzo Balzani
Alessandro Bressan
Franco Brezzi
Giuliano Buzzetti
Ernesto Carafoli
Cesare Chiosi
Mario Clerici
Domenico Ferrari Cesena
Rocco De Nicola
Gaetano Di Chiara
Giovanni Dosi
Brunangelo Falini
Eleuterio Ferranini
Filippo Frontera
Gabriele Ghisellini
Isabella Gioia
Carlo La Vecchia
Giuseppe Mancia
Tommaso Maccacaro
Pier Mannuccio Mannucci
Alberto Mantovani
Laura Maraschi
Marco Ajmone Marsan 
Attilio Maseri
Ugo Montanari
Gino Nicolais
Giorgio Parisi
Riccardo Patacchini
Rino Rappuoli
Giuseppe Remuzzi
Alvio Renzini
Giacomo Rizzolatti
Sergio Romagnani
Maria Grazia Roncarolo
Nicoletta Sacchi
Paolo Santicioli
Roberto Satolli
Silvano Sozzani
Luigi Stella 
Guido Tabellini 



Se vuoi sottoscrivere l'appello del Gruppo2003, scrivi a: [email protected]

Articoli correlati

altri articoli

Le notizie di scienza della settimana #104

Il biologo molecolare russo Denis Rebrikov ha dichiarato che ha intenzione di impiantare nell'utero di una donna embrioni geneticamente modificati con la tecnica CRIPSR entro la fine dell'anno. L'obiettivo sarebbe quello di prevenire che la madre, colpita da una forma di HIV resistente ai farmaci antiretrovirali, trasmetta il virus ai propri figli. Per farlo, Rebrikov userebbe la tecnica CRISPR-Cas9 per disattivare il gene CCR5, in modo simile a quanto fatto dallo scienziato cinese He Jiankui che lo scorso novembre aveva annunciato di essere stato il primo a far nascere una coppia di gemelle con questo procedimento (He voleva però evitare la trasmissione del virus dell'HIV dal padre alle figlie). La legislazione russa proibisce l'editing del genoma umano in senso generale, ma la legge sulla fertilizzazione in vitro non vi fa esplicito riferimento, e dunque Rebrikov potrebbe trovarsi di fronte un vuoto normativo che conta di colmare chiedendo l'autorizzazione di una serie di agenzie governative, a partire dal Ministero della salute. Scienziati ed esperti di bioetica si dicono preoccupati. La tecnologia non è ancora matura, motivo per cui qualche mese fa un gruppo di importanti ricercatori del campo avevano chiesto di mettere a punto una moratoria sul suo utilizzo in embrioni destinati all'impianto in utero. Non è chiaro poi se i rischi superino i benefici. In primo luogo, la disattivazione del gene CCR5 protegge dalla trasmissione del virus dell'HIV nel 90% dei casi. In secondo luogo, il rischio di mutazioni off-target e on-target indesiderate è ancora molto alto. Rebrikov sostiene che la sua tecnica ne riduca drasticamente la frequenza, ma finora non ha pubblicato alcuno studio scientifico che lo dimostri. Nell'immagine: lo sviluppo di embrioni umani geneticamente modificati con la tecnica CRISPR per correggere una mutazione responsabile della cardiomiopatia ipertrofica (lo studio, condotto nel laboratorio di Shoukhrat Mitalipov presso la Oregon Science and Health University di Portland, risale al 2017 ed è stato pubblicato su Nature). Credit: Oregon Science and Health University. Licenza: OHSU photos usage

Dove finisce la plastica dei ricchi?

Ogni anno gli Stati Uniti producono 34,5 milioni di tonnellate di rifiuti di plastica. 1 milione di tonnellate vengono spedite fuori dal continente. Fino a qualche anno fa la maggior parte veniva spedita in Cina e Hong Kong, ma nel 2017 la Cina ha chiuso le porte a questo tipo di importazioni, autorizzando solo l'arrivo della plastica più pulita e dunque più facile da riciclare.