fbpx MeetMeTonight: vieni a conoscere la scienza | Scienza in rete

MeetMeTonight: vieni a conoscere la scienza

Primary tabs

Read time: 3 mins

“La notte dei ricercatori rappresenta una significativa opportunità per Milano di confermare il proprio fondamentale ruolo nel campo dell’innovazione, poiché non può esserci sviluppo economico e crescita senza ricerca”. Con queste parole l’Assessore alle Politiche per il lavoro, Sviluppo economico, Università e ricerca del Comune di Milano, Cristina Tajani ha presentato la nuova edizione di MEETmeTONIGHT.

Il 27 settembre, i giardini “Indro Montanelli” faranno da scenario, dalle 10.00 alle 24.00, alla giornata evento, che cercherà di avvicinare al mondo della scienza grandi e piccoli. Numerosi gli appuntamenti da non perdere: ci sarà la possibilità di creare una “propria cellula” nel corso del laboratorio “Dalle staminali all’uomo: l’avventura delle cellule” oppure partecipare al gioco ASTROKIDS: il gioco del cosmo. Si potranno, inoltre, scoprire i segreti della migrazione cellulare o simulare maxi emergenze per salvare vite umane.

"La Regione Lombardia – sottolinea l'Assessore alle Attività produttive, Ricerca e innovazione di Regione Lombardia, Mario Melazzini - anche quest'anno ha deciso di sostenere attivamente la ‘Notte dei Ricercatori’ confermando il suo forte impegno a favore della ricerca. Siamo convinti infatti dell’importanza di promuovere questo tipo di eventi che hanno il merito di mostrare come la ricerca non sia qualcosa di astratto, ma uno strumento efficace per produrre crescita, sviluppo e occupazione, capace di generare e attrarre nuovi investimenti anche dall'estero”.

La serata non sarà solo un’occasione per imparare qualcosa, nel corso dell’evento, infatti, i partecipanti potranno assistere alle divertenti performance musicali dei ricercatori che prenderanno parte al contest MEETmeTONIGHT – Music Festival. La figura del ricercatore è al centro anche di “Faccia a faccia con la ricerca”, un concorso fotografico, aperto a tutti, che ha l'intento di raccontare con una immagine il mondo della ricerca scientifica, per ritrarre in modo efficace e originale la figura del ricercatore, descrivere ciò che succede all'interno dei laboratori di ricerca e qual è l'impatto concreto, visibile del lavoro del ricercatore nella vita quotidiana dei cittadini. "Condividere con tutti i milanesi la passione dei nostri ricercatori, comunicare il valore della ricerca scientifica in un'atmosfera gioiosa e partecipata è un'occasione straordinaria, osserva Gianluca Vago, Rettore dell’Università degli Studi di Milano e dello stesso avviso è Marcello Fontanesi, Rettore dell'Università degli Studi di Milano-Bicocca: “La Notte dei Ricercatori ci permette di mostrare quanto sia bello, entusiasmante, sicuramente impegnativo ma soprattutto molto concreto e utile a tutti il lavoro dei nostri ricercatori.”

Ad aprire la Notte dei Ricercatori sarà il dibattito “Perché non possiamo fare a meno della ricerca", che si terrà il 26 settembre alle 20.45 presso il Museo di Storia Naturale a cui prenderanno parte Tito Boeri, Pro Rettore Università Bocconi; Silvio Garattini, Direttore IRCCS Istituto di Ricerche Farmacologiche ‘Mario Negri’; Francesca Pasinelli, Direttore Generale di Telethon; Gianluca Vago, Rettore Università degli Studi di Milano.
 

MeetMeTonight è promosso, dal Politecnico di Milano, dall’Università degli Studi di Milano, dall’Università degli Studi di Milano – Bicocca e dal Comune di Milano con il contributo di Fondazione Cariplo e Regione Lombardia unitamente a molteplici realtà universitarie e istituzionali lombarde.

Scienza in rete racconterà con uno speciale storify l’intera giornata.

 


Scienza in rete è un giornale senza pubblicità e aperto a tutti per garantire l’indipendenza dell’informazione e il diritto universale alla cittadinanza scientifica. Contribuisci a dar voce alla ricerca sostenendo Scienza in rete. In questo modo, potrai entrare a far parte della nostra comunità e condividere il nostro percorso. Clicca sul pulsante e scegli liberamente quanto donare! Anche una piccola somma è importante. Se vuoi fare una donazione ricorrente, ci consenti di programmare meglio il nostro lavoro e resti comunque libero di interromperla quando credi.


prossimo articolo

I negazionisti climatici cambiano tattica, ma sono sempre loro

Il negazionismo climatico ha una nuova faccia: quella che costruisce sfiducia nella scienza e nelle tecnologie rinnovabili – in massima parte già mature per fare la transizione energetica – e che minimizza gli impatti del riscaldamento globale. Serve prendere le misure.

Immagine realizzata con l’AI Runway

Ormai non si può più dire (e credere) che il riscaldamento globale non esiste o che non è causato dall’uomo. Le evidenze sono schiaccianti da decenni e purtroppo, come previsto, stiamo già iniziando a osservarne gli impatti sul nostro benessere, molto mal distribuiti geograficamente e socialmente.