Idee innovative per rilanciare il settore agroalimentare

Read time: 3 mins

Fare impresa in Italia ed essere competitivi non è facile, anzi. Secondo l’ultimo rapporto del Global Economic Forum, siamo al 49esimo posto per competitività, sotto Portogallo, Polonia e Thailandia.
Questo nonostante la nostra economia sia tra le più avanzate e il paese risulti 29esimo come capacità di innovare (“Innovation and sophistication factor”).

L’incapacità di essere competitivi è multifattoriale, ma in buona parte dipende dalla profonda inefficienza delle istituzioni (siamo 106esini, sotto Honduras, Albania e Algeria), una situazione economica aggravata dal pesante debito pubblico e l’estrema difficoltà per le piccole medie imprese di accedere al credito.

Come uscirne e valorizzare, ad esempio, un settore così importante come quello del made In Italy? Per rispondere a questa problematica è nato il progetto “Alimenta2Talent”, organizzato dal Parco Tecnologico Padano di Lodi e promosso in collaborazione col Comune di Milano.
L’obiettivo dell’iniziativa, già alla seconda edizione, è quello di premiare idee di impresa particolarmente innovative in settori legati all’agroalimentare, alla bioeconomia e alla scienza della vita. La novità, rispetto ad altri progetti per lo sviluppo di nuove start-up, è che non si rivolge a chi ha già fatto impresa, ma a chi la vorrebbe fare e non ha gli strumenti necessari per riuscirci. Il motto è “la ricerca si fa impresa”: trasformare delle idee vincenti di ricerca e accademia in progetti concreti, rendendo i vincitori della competizione in imprenditori capaci di realizzare, avviare e mantenere una nuova impresa.

Il lancio della seconda edizione del progetto Alimenta2Talent è avvenuto a giugno 2014 con una call internazionale che ha visto la partecipazione di ben 100 team, provenienti da tutta Italia (il 30% da Milano). I progetti sono stati attentamente valutati da una Commissione Tecnica, composta da profili di alto spessore tecnologico e di business: un rappresentante di un fondo di investimento, il direttore generale di una società di brokeraggio tecnologico, i responsabili della Ricerca e Sviluppo del Parco Tecnologico e di altri istituti di ricerca. Su questi 100 sono stati selezionati 15 finalisti, la maggior parte tra i 25 e i 35 anni.

Il 24 novembre scorso, all’EXPOGATE di Milano, sono stati decretati i cinque vincitori. Le idee vincenti di questi aspiranti imprenditori vanno dalla progettazione di ecosistemi produttivi ecosostenibili alla riduzione e valorizzazione degli scarti alimentari, dalla distribuzione di prodotti tipici italiani alla produzione di alimenti per intolleranti e allergici. Tutte idee innovative che necessitano di un supporto.
Per questo motivo, da adesso partirà la fase più impegnativa del progetto, chiamata “Accelerating Program”: nessun premio in denaro per fare impresa, bensì un percorso passo a passo coi team vincitori della durata di sei mesi per fornire loro strumenti, persone e competenze. Il sostegno avverrà grazie a un gruppo di mentor, un advisor dedicato, uno spazio di co-working, il network del Parco Tecnologico e del Comune di Milano e, infine, 1500 al mese per potersi concentrare sull’idea di business, focalizzando obiettivi e strategie. Come si legge sul sito, un semestre di lavoro per imparare a trasformare un progetto iniziale innovativo in un business plan che possa essere presentato agli investitori e possa risultare realmente vincente.

Il successo di Orange Fiber, una startup che sviluppa innovativi filati sostenibili e vitaminici dagli agrumi, dimostra che la strategia è non solo possibile, ma vincente. Speriamo che anche i vincitori di quest’anno possano avere il successo che meritano, in Italia e all’estero. Ne abbiamo bisogno, per il nostro made In Italy e per la nostra competitività.

Aiuta Scienza in Rete a crescere. Il lavoro della redazione, soprattutto in questi momenti di emergenza, è enorme. Attualmente il giornale è interamente sostenuto dall'Editore Zadig, che non ricava alcun utile da questa attività, se non il piacere di fare giornalismo scientifico rigoroso, tempestivo e indipendente. Con il tuo contributo possiamo garantire un futuro a Scienza in Rete.

E' possibile inviare i contributi attraverso Paypal cliccando sul pulsante qui sopra. Questa forma di pagamento è garantita da Paypal.

Oppure attraverso bonifico bancario (IBAN: IT78X0311101614000000002939 intestato a Zadig srl - UBI SCPA - Agenzia di Milano, Piazzale Susa 2)

altri articoli

Una terapia anti taglio per fermare l'infezione da SARS-CoV-2

Parte della struttura cristallina, a risoluzione 1,75 Å, dell'enzima della proteasi del coronavirus SARS-CoV-2. Da Science.

Sono sempre le proteine a giocarsi i ruoli fondamentali nei processi chimici e biologici del nostro organismo. Possono avere nomi diversi, ma sempre di proteine si tratta. Una settimana fa, sulla rivista Science, è stato pubblicato lo studio di un ampio team, guidato dal virologo Rolf Hilgenfeld dell'Università di Lubecca, che ha decodificato la struttura tridimensionale (3D) di una speciale proteina, detta proteasi principale di SARS-CoV-2. 

Aiuta Scienza in Rete a crescere. Il lavoro della redazione, soprattutto in questi momenti di emergenza, è enorme. Attualmente il giornale è interamente sostenuto dall'Editore Zadig, che non ricava alcun utile da questa attività, se non il piacere di fare giornalismo scientifico rigoroso, tempestivo e indipendente. Con il tuo contributo possiamo garantire un futuro a Scienza in Rete.

E' possibile inviare i contributi attraverso Paypal cliccando sul pulsante qui sopra. Questa forma di pagamento è garantita da Paypal.

Oppure attraverso bonifico bancario (IBAN: IT78X0311101614000000002939 intestato a Zadig srl - UBI SCPA - Agenzia di Milano, Piazzale Susa 2)