Covid-19/

Un viaggio tra i ghiacci e nel tempo

Read time: 2 mins
Miniatura app: 
Valutazione media per questa versione: 
nessuna
Valutazione di Scienza in rete: 
interessante
Dimensione: 
92.4 MB
Prezzo: 
gratis
Titolo: 
CLAST
22/02/2013
Autore: 
Smile Dragon
Anteprima: 
CLAST è una app didattica che consente di approfondire le proprie conoscenze sull'Antartide e di fare un viaggio nel tempo grazie ai risultati del progetto scientifico internazionale ANDRILL.
Lingua: 
italiano, inglese

CLAST (CLimate in Antarctica for Sediments and Tectonics) è una app didattica che consente di approfondire le proprie conoscenze sull'Antartide attraverso nozioni di geologia e scienze della terra.
CAST consente inoltre di fare un viaggio nel tempo alla scoperta delle caratteristiche e dell'evoluzione della calotta glaciale antartica durante gli ultimi 150 mila anni. L'app infatti mette a disposizione una rappresentazione dei risultati del progetto scientifico internazionale ANDRILL.

[video: http://vimeo.com/40571970]

ANDRILL (ANtarctic geological DRILLing) è un progetto di ricerca internazionale e multidisciplinare che si prefigge di studiare il ruolo che l'Antartide ha avuto sul clima del nostro pianeta e sui suoi cambiamenti durante l'era Cenozoica (ultimi 65 milioni di anni).
Il progetto scientifico paleoclimatico ha studiato la composizione di carote di roccia lunghe oltre 1.000 m prelevate dal fondale marino. Le perforazioni profonde di sedimenti sono state effettuate nell'area di McMurdo.
I risultati ottenuti da queste perforazioni consentono di avere con estremo dettaglio nuove informazioni sulla storia evolutiva della calotta polare antartica e del clima durante gli ultimi 20 milioni di anni.
ANDRILL vede protagonisti vari centri di ricerca Italiani (CNR, Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, l'Università di Siena), università e centri di ricerca Americani, Neo Zelandesi e Tedeschi.

[video:http://youtu.be/j7Q0uDsZtS0]

[video:http://youtu.be/Xl75ChKPlj8]

[video:http://vimeo.com/18659358]

CLAST è stata realizzata grazie al lavoro di un gruppo di ricercatori del progetto ANDRILL e al supporto del Programma Nazionale di Ricerca in Antartide (PNRA), dell'Università degli Studi di Padova e dell'Università degli Studi di Siena, della Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo, del Museo Nazionale dell'Antartide e del Museo delle Scienze di Trento.

Poiché lo scopo di CAST è proprio quello di essere utilizzata a fini didattici, sul sito sono disponibili molti materiali per insegnanti e studenti utili al fine di comprendere tutte le funzioni dell'app e i principali metodi usati dai ricercatori per ricostruire la storia climatica dell'Antartide.

Animazioni:
Avanzamento e regressione della piattaforma di ghiaccio
Dimensioni del continente antartico
Ghiacciai (con scheda di lavoro)
Cambiamenti climatici e oceani

Attività didattiche pronte da svolgere in classe:
Libro completo con 15 attività didattiche
Attività didattica completa sull'animazione didattica delle piattaforme di ghiaccio
Ruolo delle regioni polari e il bilancio radiattivo

Approfondimenti:
Materiali bibliografici e altri progetti e risorse per la scuola

Corsi per insegnanti, progetti e associazioni:
SPES Scuola Polare Estiva per Insegnanti
APECS Italy
ANDRILL Propgetto Smilla
Educapoles

Anteprime dell'app:

clast

clast

clast

clast

Aiuta Scienza in Rete a crescere. Il lavoro della redazione, soprattutto in questi momenti di emergenza, è enorme. Attualmente il giornale è interamente sostenuto dall'Editore Zadig, che non ricava alcun utile da questa attività, se non il piacere di fare giornalismo scientifico rigoroso, tempestivo e indipendente. Con il tuo contributo possiamo garantire un futuro a Scienza in Rete.

E' possibile inviare i contributi attraverso Paypal cliccando sul pulsante qui sopra. Questa forma di pagamento è garantita da Paypal.

Oppure attraverso bonifico bancario (IBAN: IT78X0311101614000000002939 intestato a Zadig srl - UBI SCPA - Agenzia di Milano, Piazzale Susa 2)

altri articoli

Enrico Giovannini: ora puntiamo su sostenibilità e resilienza

Pandemia e crisi climatica sono facce della stessa medaglia: l’insostenibilità del nostro modello di sviluppo. L’accordo europeo da 750 miliardi di euro, il Next Generation EU, non serve solo per sollevare le economie dal baratro, ma anche per trasformare le società e indirizzarle su un sentiero di sviluppo sostenibile. Abbiamo parlato di questo e altro con Enrico Giovannini1, portavoce dell’Alleanza Italiana per lo Sviluppo Sostenibile (ASviS).

Immagine: da biografieonline.it, licensa CC BY-NC-ND.

Enrico Giovannini, dal 22 settembre all’8 ottobre si è tenuto il Festival dello Sviluppo Sostenibile – organizzato ogni anno da ASviS – che si è concentrato ovviamente sul post-pandemia. Next Generation EU: per quali progetti usare le risorse europee e quali spunti prendere dal cosiddetto «comitato Colao»?