fbpx Di notte spegniamo qualche rete dei telefoni | Scienza in rete

Di notte spegniamo qualche rete dei telefoni

Primary tabs

Read time: 3 mins

Gli articoli che affrontano i problemi legati all'approvvigionamento energetico e all'impatto del crescente consumo di energia sui cambiamenti climatici sono frequenti sui nostri giornali, ma l'articolo di Francesco De Leo, pubblicato sul Sole 24 Ore di domenica 1 novembre, affronta il problema da un punto di vista nuovo. De Leo evidenzia come le reti di telecomunicazione siano oggi tra i principali utenti di elettricità in Italia e nel mondo. Telecom Italia è il secondo utente di energia elettrica in Italia, dopo le ferrovie, ma prima di tante industrie pesanti. I nostri telefonini possono funzionare grazie alle circa 60 mila stazioni radio dei quattro operatori nazionali, che consumano complessivamente circa due miliardi di kWh all'anno, corrispondenti a una bolletta elettrica pari a circa 300 milioni di euro, con una emissione equivalente di anidride carbonica nell'atmosfera di oltre un milione di tonnellate.

L'approvvigionamento energetico rappresenta un costo importante per gli operatori (e quindi per i loro clienti) nei paesi sviluppati, ma può diventare un grave ostacolo per la realizzazione delle reti nei paesi in via di sviluppo, dove la distribuzione dell'energia elettrica può non essere capillare e può non raggiungere le potenze necessarie. In questi casi quindi una riduzione dei consumi diventa il presupposto necessario per l'offerta dei servizi.

Il mondo della ricerca accademica e industriale ha iniziato ad affrontare il problema del consumo energetico delle reti di telecomunicazioni da qualche anno, dopo decenni di grande sviluppo, durante i quali la disponibilità di energia veniva sempre data per scontata ed i problemi energetici non erano un elemento da prendere in considerazione nel progetto delle reti. Oggi invece i costruttori di apparati stanno cercando di ridurre i consumi e in qualche caso di sfruttare sorgenti alternative di energia (ad esempio, Ericsson ha sviluppato una stazione radio alimentata con pannelli solari) e i gruppi di ricerca delle principali università del mondo stanno studiando approcci per il cosiddetto "green networking".

Il gruppo di ricerca sulle reti di telecomunicazioni del Politecnico di Torino da tempo studia le possibilità per ridurre il consumo energetico delle reti, guardando sia a Intenet sia ai sistemi di telefonia cellulare. Nel secondo caso, i risultati più recenti dimostrano che si potrebbero ottenere enormi risparmi se nei periodi di ridotto utilizzo delle reti, invece di tenere accese le infrastrutture di tutti i quattro operatori che offrono il servizio nel nostro paese, si riducesse il numero di reti accese, permettendo agli utenti delle reti che vengono spente di accedere al servizio attraverso le reti accese (in roaming, secondo il gergo tecnico). Non bisogna inoltre trascurare il fatto che lo spegnimento degli apparati non indispensabili per l'erogazione del servizio implica anche la riduzione delle emissioni di energia elettromagnetica nell'atmosfera (il cosiddetto inquinamento elettromagnetico).

Le nostre valutazioni, che usano scenari parzialmente idealizzati, indicano che le riduzioni di consumo che si possono ottenere con questi semplici approcci sono sostanziali: a seconda dei casi si va dal 20% al 60%. D'altra parte, risulta abbastanza comprensibile il fatto che, essendo le reti progettate per fornire il servizio a tutti i clienti che lo desiderano durante i periodi di massimo utilizzo (la cosiddetta ora di punta), quando invece gli utenti sono pochi, per esempio di notte, non sia ragionevole mantenere l'operatività delle reti agli stessi livelli dell'ora di punta.

Volendo banalizzare, il nocciolo del discorso è che quando gli utenti sono pochi diventa ragionevole fornire il servizio mediante solo una rete, spegnendo le altre. In fondo, questo ci fa tornare a ciò che tutti da bambini ci siamo sentiti dire mille volte dai nostri genitori: quando esci dalla stanza spegni la luce!

ritratto di Michela MeoMichela Meo
Ingegneria elettronica, Politecnico di Torino

Articoli correlati

Scienza in rete è un giornale senza pubblicità e aperto a tutti per garantire l’indipendenza dell’informazione e il diritto universale alla cittadinanza scientifica. Contribuisci a dar voce alla ricerca sostenendo Scienza in rete. In questo modo, potrai entrare a far parte della nostra comunità e condividere il nostro percorso. Clicca sul pulsante e scegli liberamente quanto donare! Anche una piccola somma è importante. Se vuoi fare una donazione ricorrente, ci consenti di programmare meglio il nostro lavoro e resti comunque libero di interromperla quando credi.


prossimo articolo

Influenza aviaria, le infezioni nei bovini e la risposta sanitaria

Si riaccende l'attenzione sull'influenza aviaria, soprattutto dopo la recente scoperta di un ceppo ad alta patogenicità in bovini da latte negli Stati Uniti. Il salto di specie rimarca la capacità dei virus influenzali di adattarsi e infettare nuovi ospiti, aumentando la necessità di sistemi di sorveglianza e risposta efficaci. Nonostante i rischi, attualmente non ci sono prove di trasmissione diretta tra bovini; le misure di controllo si concentrano sulla prevenzione del contagio e la protezione dei lavoratori esposti.

Ora che la pericolosità delle infezioni da Covid-19 è stata domata, anche se non completamente sconfitta (più di 3.000 nuovi casi notificati negli ultimi 30 giorni e un non trascurabile numero di ricoveri in ospedale), i virus dell’influenza aviaria si riaffacciano all’attenzione di chi studia l’orizzonte di prossime eventuali minacce pandemiche. Soprattutto da quando, il 25 marzo 2024, i funzionari federali del Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti hanno annunciato di aver identificato un ceppo di influenza aviaria ad alta patogenicità in alcuni bovini da latte.