La più grande nave solare al mondo è approdata in Laguna

Read time: 5 mins

Giovedì mattina nella piccola e silenziosa Isola della Certosa, a Venezia, già di buon mattino l'aria era un misto di odore di porto e di sigari di buona qualità. In quello che negli ultimi anni sta diventando un fiore all'occhiello per il settore nautico lagunare d'elite infatti, è approdata la Tûranor - Planet Solar, il più grande catamarano completamente a energia solare, che in 584 giorni ha fatto letteralmente il giro del mondo.

Partita dal porto di Monaco il  27 settembre 2010, il 4 maggio 2012 la nave vi faceva rientro avendo toccato 52 tappe in tutti i continenti e 28 paesi, navigando attraverso l'Atlantico, il canale di Panama, il Pacifico, l'Oceano Indiano, il Golfo di Aden e il Canale di Suez.

Nata dall'idea dello svizzero Raphael Domjian, che desiderava fare il giro del mondo come un moderno Phileas Fogg su di una barca alimentata solo a energia solare, e diventata realtà grazie all'incontro con l'imprenditore tedesco Immo Stroeher, Planet Solar è stata costruita a Kiel in soli 18 mesi, grazie alla collaborazione con l'Università di Ginevra.
Oggi questa nave a emissioni zero, completamente autonoma dal punto di vista energetico, sta vivendo una seconda vita, trasformandosi in una piattaforma per la ricerca scientifica. Nel 2013 attraverso la campagna Deepwater, con l'obiettivo di analizzare i processi nell'interfaccia oceano-atmosfera della Corrente del Golfo, e successivamente con il progetto TerraSubmersa al largo della costa greca, precisamente nelle acque del Golfo di Argo, nel quale Planet Solar è stata utilizzata per misurazioni geofisiche che permetteranno agli archeologi di ricostruire i paesaggi sottomarini di carattere antropico di epoca preistorica.

A ben guardarlo, questo gioiello della tecnologia solare sembra una sorta di navicella spaziale, essendo letteralmente ricoperto per tutta la sua superficie superiore di pannelli solari, che si possono aprire per raccogliere più luce, come delle enormi ali che si spiegano. Sebbene sia la più grande nave solare al mondo però, Planet Solar non è certo una “grande nave”, di quelle tanto combattute in laguna. È lunga infatti 35 metri e larga circa 23, ed è dotata di 512 metri quadrati di pannelli solari, che fanno sì che per navigare non ci sia bisogno di nemmeno una goccia di carburante. Non a caso è stato scelto il nome Tûranor, tratto dalla saga del Signore degli Anelli di J.R.R. Tolkien, che significa proprio “potere del Sole”.
E se durante i suoi spostamenti non dovesse esserci abbastanza sole, la nave, che  accumula calore anche se il cielo è oscurato fino all'80%, è comunque in grado di garantire 72 ore di autonomia. È infatti provvista di due motori elettrici da 60 kW che possono raggiungere una potenza massima di 120 kw.

Planet Solar rimarrà ormeggiata nell'isola veneziana fino a maggio 2015 e non è un caso che sia stata scelta proprio la Certosa per ospitare il riposo invernale di questa barca innovativa. La Certosa è infatti teatro nell'ultimo decennio di un ambizioso progetto di riqualificazione ambientale ed economica, un'isola che per quasi un secolo, fino agli anni '60, è stata utilizzata come fucina per la produzione di prodotti bellici, armi e siluri.
Verso la fine degli anni '90, dopo trent'anni di abbandono, sono cominciati studi di fattibilità di una riqualificazione dell'isola, e alla fine si è deciso di optare per un partnerariato pubblico/privato tra il Comune di Venezia e “Vento di Venezia” una società fondata nel 2003. Come spiega durante la conferenza stampa che ha presentato Planet Solar in laguna Alberto Sonino, fondatore della società, nonché “padre” del polo nautico Vento di Venezia, questo partnerariato prevede che Vento di Venezia si accolli i costi economici della riqualificazione, che consta di una bonifica ambientale dell'isola e della costruzione di un parco pubblico. Parallelamente agli oneri però, Vento di Venezia ha ottenuto anche la concessione di installare attività commerciali ed economiche sull'isola. Possibilità che negli ultimi anni si è già tradotta nella messa a punto di un ricovero per barche private a 300 posti, attrezzati per imbarcazioni a vela e a motore dai 6 fino ai 50 metri, cioè veri e propri yacht, un cantiere che realizza barche tradizionali veneziane e si occupa della manutenzione di natanti e imbarcazioni in genere, attività di promozione degli sport d'acqua, una scuola nautica e una struttura alberghiera per accogliere i turisti. Oltre alla costruzione del parco pubblico naturalistico che ad oggi è ancora cantiere e il cui termine è fissato per il 2015.

 Il 2015 per Venezia non è infatti un anno qualsiasi. È l'anno di Expo e la città dei dogi ne è uno dei poli. Il tema che il Comitato Expo Venezia sulla base di un protocollo d’intesa firmato dal Comune di Venezia con il Comune di Milano ha proposto è l'acqua. L'acqua come tema su cui far convergere – si legge nel sito web dedicato -  “le iniziative legate all'Expo 2015 di Milano che punta su un turismo alternativo rispetto a quello tradizionale della città lagunare, non escludendo appendici enogastronomiche, alimentari, ittiche.”

L'arrivo di Planet Solar si inserisce dunque in una prospettiva più ampia per Venezia, dove il tema dell'acqua e quello dell'ecosostenibilità sono diventati veri e propri leitmotiv.
Ma Venezia a parte, Planet Solar è oggi un ambasciatore d'eccellenza per la tecnologia solare, non tanto per la possibilità di sostituire in futuro queste navi a quelle utilizzate oggi, quanto piuttosto per la possibilità di migliorare la ricerca scientifica. “Esistono già barche più piccole a energia solare, ma il nostro obiettivo non è costruire altre navi come questa, ma farci ambasciatori dell'energia solare.” ci racconta il capitano della Planet Solar Gerard D'Aboville. “Non è la nave del futuro, ma è una nave che ha un futuro, specie come strumento innovativo per le spedizioni scientifiche in mare”.

altri articoli

Le notizie di scienza della settimana #104

Il biologo molecolare russo Denis Rebrikov ha dichiarato che ha intenzione di impiantare nell'utero di una donna embrioni geneticamente modificati con la tecnica CRIPSR entro la fine dell'anno. L'obiettivo sarebbe quello di prevenire che la madre, colpita da una forma di HIV resistente ai farmaci antiretrovirali, trasmetta il virus ai propri figli. Per farlo, Rebrikov userebbe la tecnica CRISPR-Cas9 per disattivare il gene CCR5, in modo simile a quanto fatto dallo scienziato cinese He Jiankui che lo scorso novembre aveva annunciato di essere stato il primo a far nascere una coppia di gemelle con questo procedimento (He voleva però evitare la trasmissione del virus dell'HIV dal padre alle figlie). La legislazione russa proibisce l'editing del genoma umano in senso generale, ma la legge sulla fertilizzazione in vitro non vi fa esplicito riferimento, e dunque Rebrikov potrebbe trovarsi di fronte un vuoto normativo che conta di colmare chiedendo l'autorizzazione di una serie di agenzie governative, a partire dal Ministero della salute. Scienziati ed esperti di bioetica si dicono preoccupati. La tecnologia non è ancora matura, motivo per cui qualche mese fa un gruppo di importanti ricercatori del campo avevano chiesto di mettere a punto una moratoria sul suo utilizzo in embrioni destinati all'impianto in utero. Non è chiaro poi se i rischi superino i benefici. In primo luogo, la disattivazione del gene CCR5 protegge dalla trasmissione del virus dell'HIV nel 90% dei casi. In secondo luogo, il rischio di mutazioni off-target e on-target indesiderate è ancora molto alto. Rebrikov sostiene che la sua tecnica ne riduca drasticamente la frequenza, ma finora non ha pubblicato alcuno studio scientifico che lo dimostri. Nell'immagine: lo sviluppo di embrioni umani geneticamente modificati con la tecnica CRISPR per correggere una mutazione responsabile della cardiomiopatia ipertrofica (lo studio, condotto nel laboratorio di Shoukhrat Mitalipov presso la Oregon Science and Health University di Portland, risale al 2017 ed è stato pubblicato su Nature). Credit: Oregon Science and Health University. Licenza: OHSU photos usage

Dove finisce la plastica dei ricchi?

Ogni anno gli Stati Uniti producono 34,5 milioni di tonnellate di rifiuti di plastica. 1 milione di tonnellate vengono spedite fuori dal continente. Fino a qualche anno fa la maggior parte veniva spedita in Cina e Hong Kong, ma nel 2017 la Cina ha chiuso le porte a questo tipo di importazioni, autorizzando solo l'arrivo della plastica più pulita e dunque più facile da riciclare.