Amianto: più rifiuti ma ancora nessun trattamento

Read time: 4 mins

Il 14 marzo scorso il Parlamento Europeo ha suggerito a tutti gli stati membri di optare per impianti di trattamento per l'amianto che ne modifichino la composizione chimica, ma a oggi in Italia, sebbene i brevetti non manchino, impianti di questo tipo non ce ne sono.
Smaltire l'amianto nel nostro Paese significa sostanzialmente sotterrarlo, trasportarlo in siti di stoccaggio, ovvero discariche speciali, dove il materiale viene isolato in celle dedicate e ricoperto con materiali appropriati in modo che non emetta tossicità.
Lo raccontano i dati Inail nel dossier Amianto pubblicato di recente, i quali mostrano che anche se in Italia vige il divieto di utilizzare l'amianto in edilizia dal 1992, siamo ancora ben lontani dal riuscire a estirpare questa fonte altamente tossica per la nostra salute, e anno dopo anno i rifiuti che vengono portati nelle discariche aumentano.
Nel frattempo però le discariche effettivamente attive sono sempre di meno e costruirne di nuove non è certo cosa che si può in breve tempo.

Discarica non significa bonifica

A oggi ancora nessun impianto in vista eppure la legislazione in merito non manca. Il DM 248 del 2004 incoraggia, infatti, la creazione di centri per il trattamento dell'amianto, in due modi: tramite la messa a punto di strutture per trattamenti che riducono il rilascio di fibre cancerogene senza però modificare la struttura cristallografica dell'amianto, e impianti invece che eliminano definitivamente la cancerogenicità del prodotto modificandone la struttura. Questi vengono detti anche impianti di inertizzazione, poiché trasformano l'amianto in composti inerti e tra questi ci sono gli impianti a trattamento chimico e idrotermico e quelli che funzionano tramite processo termico, come gli impianti di litificazione, vetrificazione e ceramizzazione.

Ci sono i brevetti, ma non ancora i progetti

Come raccontano i dati ISS-Assoamianto i brevetti attualmente attivi sono parecchi, ma nessuno in fase di costruzione. E pensare che nel periodo dal 2011 al 2013 i metri cubi di amianto stoccati in discarica sono via via aumentati, e di conseguenza sono diminuite le capacità dei singoli impianti di accogliere ulteriori rifiuti. Nel frattempo le discariche attive sono sempre meno – nel 2011 erano 22 e nel 2013 il numero si è ridotto a 19 – e le possibilità di costruirne a breve di nuove sono – si legge nel dossier – scarse.
A giugno 2013 sarebbero 6 le nuove discariche in attesa di autorizzazione e 5 quelle che avrebbero richiesto l’ampliamento della loro struttura. Tuttavia, secondo Inail a ben vedere solo quelle richieste come ampliamento delle strutture già esistenti pare sarebbero realisticamente realizzabili nel prossimo futuro con una volumetria complessiva stimata di soli 228.211 metri cubi, grosso modo i metri cubi accettati in tutta Italia nel 2011. E geograficamente pare saranno le regioni del Centro a offrire una maggior disponibilità.

 

 

Solo una discarica su quattro è attiva


 


Precisamente 19 siti in esercizio su un totale di 73, di cui 42 chiusi, 6 in sospeso e 6, appunto, in attesa di autorizzazione. Eppure i siti contaminati individuati nel 2013 non sono pochi e interessano da nord a sud tutto lo stivale. La maglia nera va alle Marche con 14816 siti antropici contaminati, un numero altissimo se consideriamo che il secondo in classifica – la Provincia Autonoma di Bolzano – ne conta “solo” 3872.

 

Ancora molte le scuole contaminate

Nella categoria di edifici pubblici e privati a più alto rischio, al primo posto ci sono ancora una volta le scuole che rappresentano un terzo degli edifici contaminati con 116 siti su 319. Un lavoro sempre più urgente, quello della bonifica dei siti, e che per quanto riguarda le scuole si spera rientrerà all'interno di quel miliardo di euro per l'edilizia scolastica annunciato dal MIUR (ne abbiamo parlato qui). Dopo le scuole gli uffici delle pubbliche amministrazioni e le strutture sanitarie, ivi comprese le case di riposo.

 

 


I rifiuti previsti in arrivo nelle discariche nel prossimo futuro non saranno dunque pochi. Ma a oggi le discariche italiane saranno in grado di far fronte alla massa di rifiuti prodotti dalla auspicata messa in sicurezza delle aree ricche di amianto?
La risposta di Inail è negativa: per quanto si rispettino le condizioni di sicurezza, discarica non significa bonifica e nemmeno risoluzione del problema. Tuttavia il lato positivo c'è: i brevetti ci sono.
La ricerca italiana non sembra dunque impreparata ad accogliere i suggerimenti del Parlamento

Articoli correlati

altri articoli

Le notizie di scienza della settimana #104

Il biologo molecolare russo Denis Rebrikov ha dichiarato che ha intenzione di impiantare nell'utero di una donna embrioni geneticamente modificati con la tecnica CRIPSR entro la fine dell'anno. L'obiettivo sarebbe quello di prevenire che la madre, colpita da una forma di HIV resistente ai farmaci antiretrovirali, trasmetta il virus ai propri figli. Per farlo, Rebrikov userebbe la tecnica CRISPR-Cas9 per disattivare il gene CCR5, in modo simile a quanto fatto dallo scienziato cinese He Jiankui che lo scorso novembre aveva annunciato di essere stato il primo a far nascere una coppia di gemelle con questo procedimento (He voleva però evitare la trasmissione del virus dell'HIV dal padre alle figlie). La legislazione russa proibisce l'editing del genoma umano in senso generale, ma la legge sulla fertilizzazione in vitro non vi fa esplicito riferimento, e dunque Rebrikov potrebbe trovarsi di fronte un vuoto normativo che conta di colmare chiedendo l'autorizzazione di una serie di agenzie governative, a partire dal Ministero della salute. Scienziati ed esperti di bioetica si dicono preoccupati. La tecnologia non è ancora matura, motivo per cui qualche mese fa un gruppo di importanti ricercatori del campo avevano chiesto di mettere a punto una moratoria sul suo utilizzo in embrioni destinati all'impianto in utero. Non è chiaro poi se i rischi superino i benefici. In primo luogo, la disattivazione del gene CCR5 protegge dalla trasmissione del virus dell'HIV nel 90% dei casi. In secondo luogo, il rischio di mutazioni off-target e on-target indesiderate è ancora molto alto. Rebrikov sostiene che la sua tecnica ne riduca drasticamente la frequenza, ma finora non ha pubblicato alcuno studio scientifico che lo dimostri. Nell'immagine: lo sviluppo di embrioni umani geneticamente modificati con la tecnica CRISPR per correggere una mutazione responsabile della cardiomiopatia ipertrofica (lo studio, condotto nel laboratorio di Shoukhrat Mitalipov presso la Oregon Science and Health University di Portland, risale al 2017 ed è stato pubblicato su Nature). Credit: Oregon Science and Health University. Licenza: OHSU photos usage

Dove finisce la plastica dei ricchi?

Ogni anno gli Stati Uniti producono 34,5 milioni di tonnellate di rifiuti di plastica. 1 milione di tonnellate vengono spedite fuori dal continente. Fino a qualche anno fa la maggior parte veniva spedita in Cina e Hong Kong, ma nel 2017 la Cina ha chiuso le porte a questo tipo di importazioni, autorizzando solo l'arrivo della plastica più pulita e dunque più facile da riciclare.