Maria Sybilla Merian: arte e natura, passione in evoluzione

Read time: 5 mins

Maria Sybilla Merian era un’ottima artista. A vantaggio della sua professione di naturalista, perché nell’Europa del XVIII secolo, in cui il fermento e la curiosità portavano i pionieri della curiosità scientifica a solcare mari e attraversare deserti sconosciuti, carta e penna erano l’arma dei naturalisti. Ai tempi in cui visse l’artista tedesca, il disegno naturalistico aveva un ruolo ben preciso: prima di essere arte era, infatti, fondamentale strumento di documentazione, insostituibile alleato delle scienze, archivio e codice di divulgazione era il mezzo con cui riprodurre nella maniera più oggettiva e fedele possibile ogni particolare del mondo naturale.

Le opere che Maria Sybilla realizzò osservando e documentando la Natura, tanto in Europa quanto durante le sue pionieristiche spedizioni nelle foreste del Suriname, fanno oggi parte di quel patrimonio “d’arte di scienza” che costituisce l’anima stessa, lo spirito e il simbolo delle scienze naturali. Oggi a carta e penna la scienza ha aggiunto molti strumenti per documentare se stessa. Si è attrezzata per indagare il micro per osservare il vicinissimo e l’immensamente lontano. Foto, video e computer grafica, l’immagine resta il mezzo espressivo d’elezione. In tutto questo che ruolo può ancora svolgere il disegno naturalistico?

Ne parlo con Annapaola Del Nevo e Maria Elena Gonano, due artiste che hanno ereditato l’intraprendenza e l’amore per la natura di Maria Sybilla e che, come lei, del loro talento e della loro passione per la rappresentazione del mondo sono riuscite a fare una splendida professione. Entrambe collaborano, con le loro illustrazioni scientifiche e naturalistiche con numerose case editrici italiane e straniere, illustrano e in interpretano il mondo per i ragazzi e lo spiegano attraverso le immagini; hanno parteciato a prestigiosi concorsi ed esposto le proprie opere in personali o collettive di illustrazione artistica.

“È vero, oggi esistono mezzi apparentemente più oggettivi di riproduzione della realtà naturale e scientifica. Ho usato però di proposito l’avverbio 'apparentemente', poiché a mio parere le immagini offerteci tramite questi mezzi si rivelano il più delle volte insufficienti all’occhio della maggioranza del pubblico utente, a vari livelli, della divulgazione scientifica e naturalistica” dice Maria Elena. Si spiega fornendo due esempi: il dettaglio e il tempo. L’illustrazione, nel caso di cellule, atomi e altri soggetti del micro mondo, ha un’efficacia didattica e divulgativa maggiore rispetto alle immagini di microscopi o strumenti di analisi scientifica, permettendo di evidenziare, scorporare, sottolineare e selezionare i particolari più rilevanti. Per quanto riguarda il fattore tempo, “nessuno strumento di ripresa potrà mai restituirci l’immagine di un essere che non è più” dice l’artista, riferendosi in particolare all’illustrazione paleonaturalistica, su cui si basano tutte le più moderne ricostruzioni 3D di ecosistemi perduti. Fotografia e illustrazione condividono l’intento di fermare e restituire i vari aspetti della Natura, ma le tavole di Maria Sybilla Merian, e più in generale le antiche rappresentazioni naturalistiche, evocano sensazioni ed emozioni particolari. “Le immagini hanno un forte potere evocativo, con minimi elementi riescono ad innescare catene di riferimenti, reti di ricordi e pensieri. E’ il vissuto che passando attraverso le mani dell’artista da l’impronta e gli conferisce l’identità facendo trasparire lo spirito” dice Annapaola del Nevo. “Quando la fotografia naturalistica diventa arte le emozioni generate sono molto simili” dice Maria Elena, che sottolinea come la differenza sia fondamentalmente nell’impatto visivo: “Davanti a una tavola di Robert Bateman, e lo stesso avviene per le antiche quanto suggestive illustrazioni della Merian, ci attrae la cura del dettaglio, la singola sfumatura… Mentre nell’immagine fotografica siamo forse più portati a cogliere la bellezza dell’insieme.”

Ma non sono solo emozioni quello che garantisce all’illustrazione naturalistica di conservare la sua peculiare nicchia rispetto alla fotografia, è anche la differenza negli obiettivi comunicativi.
“Con il disegno si riesce maggiormente a sintetizzare un concetto rispetto ad un’immagine fotografica che potrebbe risultare troppo ricca di informazioni e stimoli” dice Annapaola del Nevo, in ogni caso, prosegue l’autrice “anche  fotografare significa disegnare con la luce. Sono due strumenti d’espressione, che con linguaggi differenti mettono in luce la stessa bellezza intrinseca della natura. Ambedue hanno lo scopo di divulgare la conoscenza del mondo naturale.”

“Proprio per le differenti caratteristiche insite nei due mezzi”, prosegue Maria Elena “la fotografia di per sé mi sembra colga un attimo particolare di quel soggetto, animale o vegetale che sia; un fugace, unico, spesso affascinante aspetto della sua esistenza. L’illustrazione invece mi pare prolungare indefinitamente il suo essere completo nel tempo. Non solo a livello iconografico” - come esemplificato dalla sua opera Albero nelle quattro stagioni - “ma proprio per quella particolare lentezza comunicativa, che più facilmente ci porta a conoscere il soggetto nella sua forma ideale, nella sua essenza assoluta, anziché relativa ad un istante."

L’amore per la Natura e il desiderio di tradurla in arte non bastano però. Maria Elena e Annapaola, per diventare professioniste della comunicazione scientifica illustrata hanno dovuto intraprendere loro stesse un importante percorso di apprendimento. Per poter riprodurre la Natura, restandole fedele, bisogna capirla, esserle confidente... bisogna studiarla, insomma. Ogni soggetto rappresentato ha richiesto ad Annapaola e Maria Elena una lunga preparazione fatta di studio, ricerca e documentazione fino al punto, come dice Maria Elena, da far diventare un fiore o un animale “uno di famiglia”.

"A differenza dei paesi anglosassoni dove l’illustrazione naturalistica ha da sempre un ruolo di rilievo nel mercato artistico, in Italia è l’aspetto divulgativo-didattico che ha avuto la meglio", spiega Annapaola, che spesso espone le sue opere in gallerie specializzate in wildlife nel Regno Unito. Ma, se purtroppo è vero che la sensibilità artistica del nostro paese non è ancora pronta ad accogliere nel mercato questa splendida espressione, Maria Elena rassicura gli amanti del genere: “Disegno naturalistico e scientifico hanno ancora un brillante presente e un altrettanto probabile futuro” e le opere di queste due artiste non lasciano dubbi al fatto che debba proprio essere così!".

Per approfondimenti:

Maria Elena Gonano  
Anna Paola del Nevo 

altri articoli

Le notizie di scienza della settimana #104

Il biologo molecolare russo Denis Rebrikov ha dichiarato che ha intenzione di impiantare nell'utero di una donna embrioni geneticamente modificati con la tecnica CRIPSR entro la fine dell'anno. L'obiettivo sarebbe quello di prevenire che la madre, colpita da una forma di HIV resistente ai farmaci antiretrovirali, trasmetta il virus ai propri figli. Per farlo, Rebrikov userebbe la tecnica CRISPR-Cas9 per disattivare il gene CCR5, in modo simile a quanto fatto dallo scienziato cinese He Jiankui che lo scorso novembre aveva annunciato di essere stato il primo a far nascere una coppia di gemelle con questo procedimento (He voleva però evitare la trasmissione del virus dell'HIV dal padre alle figlie). La legislazione russa proibisce l'editing del genoma umano in senso generale, ma la legge sulla fertilizzazione in vitro non vi fa esplicito riferimento, e dunque Rebrikov potrebbe trovarsi di fronte un vuoto normativo che conta di colmare chiedendo l'autorizzazione di una serie di agenzie governative, a partire dal Ministero della salute. Scienziati ed esperti di bioetica si dicono preoccupati. La tecnologia non è ancora matura, motivo per cui qualche mese fa un gruppo di importanti ricercatori del campo avevano chiesto di mettere a punto una moratoria sul suo utilizzo in embrioni destinati all'impianto in utero. Non è chiaro poi se i rischi superino i benefici. In primo luogo, la disattivazione del gene CCR5 protegge dalla trasmissione del virus dell'HIV nel 90% dei casi. In secondo luogo, il rischio di mutazioni off-target e on-target indesiderate è ancora molto alto. Rebrikov sostiene che la sua tecnica ne riduca drasticamente la frequenza, ma finora non ha pubblicato alcuno studio scientifico che lo dimostri. Nell'immagine: lo sviluppo di embrioni umani geneticamente modificati con la tecnica CRISPR per correggere una mutazione responsabile della cardiomiopatia ipertrofica (lo studio, condotto nel laboratorio di Shoukhrat Mitalipov presso la Oregon Science and Health University di Portland, risale al 2017 ed è stato pubblicato su Nature). Credit: Oregon Science and Health University. Licenza: OHSU photos usage

Dove finisce la plastica dei ricchi?

Ogni anno gli Stati Uniti producono 34,5 milioni di tonnellate di rifiuti di plastica. 1 milione di tonnellate vengono spedite fuori dal continente. Fino a qualche anno fa la maggior parte veniva spedita in Cina e Hong Kong, ma nel 2017 la Cina ha chiuso le porte a questo tipo di importazioni, autorizzando solo l'arrivo della plastica più pulita e dunque più facile da riciclare.