Covid-19/

La Bellezza, l'Etica e l'Arbitrarietà dei codici

Read time: 5 mins

Il legame tra estetica ed etica

Propongo ora una definizione di tipo naturalistico-evolutivo e sistemico dell'estetica (intesa come plesso di capacità-attività sensibili, in particolare di fronte agli oggetti belli):

  • L'estetica è la percezione soggettiva (ma condivisa) del nostro legame immersivo con l'ambiente, legame caratterizzato da una profonda ed equilibrata armonia dinamica. Questo legame si esplica nel riconoscimento, in primo luogo sensibile ed emotivo, degli oggetti belli.

Vorrei fare un importante passo ulteriore, asserendo che, nella mia visione naturalistica, l'estetica è legata a doppio filo con l'etica. Per l'etica propongo questa definizione:

  • L'etica è la capacità, soggettiva e intersoggettiva, di concepire e compiere azioni capaci di mantenere sano ed equilibrato il legame immersivo con l'ambiente. Queste azioni mantengono e incrementano la bellezza.

Etica ed estetica sono due facce della stessa medaglia perché derivano dalla forte coimplicazione sistemica ed  evolutiva tra specie e ambiente e sono entrambe "rispecchiamenti" in noi di questa coevoluzione. Se l'estetica è il sentimento (inter)soggettivo dell'immersione armonica (cioè vitale) nell'ambiente e l'etica è il sentimento (inter)soggettivo di rispetto per l'ambiente e di azione armonica con esso, allora l'etica ci consente di mantenere l'estetica e l'estetica ci serve da guida nell'operare etico. Etica ed estetica affondano le loro radici nella nostra storia evolutiva, anzi nella coevoluzione tra noi e l'ambiente.

Questo innesto evolutivo primordiale riguarda gli oggetti belli, mentre i concetti belli, per esempio quelli che alcuni ritrovano nella matematica, sono molto più recenti sotto il profilo della filogenesi, quindi il riconoscimento della loro eventuale bellezza è più difficile, passa per la razionalità, è meno spontaneo e richiede un addestramento individuale specifico: nel caso degli oggetti naturali, questo addestramento l'hanno compiuto per noi le generazioni passate.

Si noti che c'è nelle definizioni proposte uno slittamento dal soggettivo all'intersoggettivo. Ciò è giustificato dalla comune natura e storia degli umani, a partire dai determinanti fisici e chimici fondamentali, attraverso le radici genetiche e biologiche condivise, fino alle esperienze esistenziali. La carica dell'elettrone, la forza di gravità, la massa del protone e via dicendo: tutte queste caratteristiche hanno condizionato la nascita e lo sviluppo della vita sulla terra e si sono impresse in noi, tanto da giustificare il detto, risalente a Vitruvio (80-23 a. C.) e caro agli alchimisti, secondo cui il macrocosmo (il mondo) e il microcosmo (l'uomo) si corrispondono.

Inoltre pare che la vita sulla terra abbia avuto un'origine unica, tanto che il DNA di tutti i viventi è lo stesso. Su queste premesse e sul fatto che le esperienze individuali sono molto simili tra loro, si può sostenere con una certa ragione che gli uomini sono più o meno uguali e che perciò sono in grado di sentire e di pensare più o meno allo stesso modo. Fatta salva, naturalmente, l'insostituibile e insopprimibile individualità (e valore) di ciascuno.

Se così non fosse, il tentativo sempre rinnovato di comunicare, di dialogare, di narrare non avrebbe alcun esito. Invece qualche esito ha. Non possiamo entrare nel segreto ripositorio delle menti altrui, ma per analogia con la nostra mente possiamo congetturare con un certo successo ciò che gli altri pensano. Questa intersoggettività conspecifica si può estendere anche all'estetica e all'etica: le cose belle e le azioni buone sono riconosciute tali da (quasi) tutti.

Amiamo i tramonti, le montagne innevate, le sgargianti livree dei pesci tropicali, il corpo flessuoso delle nostre compagne perché nel corso dei millenni i nostri progenitori hanno contemplato migliaia e migliaia di queste immagini, imprimendole in sé come sigilli inestirpabili carichi di senso e di valore. In questo senso la bellezza di un oggetto non viene percepita, piuttosto viene (platonicamente) riconosciuta. Forse non sappiamo dare la definizione di bello, ma sappiamo riconoscere il bello quando lo vediamo.

L'arbitrarietà dei codici

Molti sarebbero d'accordo nel riconoscere che oggi l'estetica si trova in una situazione di crisi. Alcuni si chiedono addirittura se l'homo technologicus, cioè l'ibrido uomo-tecnologia in cui si sta trasformando l'homo sapiens sapiens abbia ancora bisogno di bellezza e in particolare di arte. Non so rispondere, ma il problema si pone. Posso tuttavia indicare una possibile causa di questa crisi: l'arbitrarietà dei codici. Come ci ha fatto capire bene la teoria dell'informazione, in genere i segni e i codici dell'uomo sono arbitrari, nel senso che l'associazione tra un oggetto (significato) e un segno (significante) che lo rappresenta è del tutto libera. Per esempio l'oggetto "albero" non ha nulla a che fare con la parola "albero" o con la parola "arbre" o "fa" o "tree" o "Baum" ecc. Scoperta questa arbitrarietà, ci si è chiesti se i codici rappresentativi usati nell'arte e considerati "naturali" non fossero per caso anch'essi arbitrari, e si è visto che la loro asserita naturalità era dovuta semplicemente alla tradizione, all'uso, all'antichità. La dimensione temporale e la sedimentazione storica sono state ignorate e si è decretato che tutti i codici sono arbitrari: a questo punto, un codice vale l'altro e si possono introdurre i codici rappresentativi più capricciosi.

In musica, in architettura nelle arti figurative e in parte anche nella narrativa l'estetica tradizionale (da non chiamare più naturale) è stata scardinata: di qui le invenzioni cubiste, futuriste, astrattiste, combinatorie, tonali, dodecafoniche...

Poi, è ovvio, quest'orgia di arbitrarietà è stata temperata da una più matura riflessione: i codici inventati "tanto per provare" si sono dimostrati meno efficaci, meno gradevoli, meno validi sotto il profilo emotivo e suggestivo. Così i vecchi codici naturali sono stati in parte rivalutati, si è visto che sono più consoni alla nostra fisiologia e alla nostra psicologia, che si sono evolute in interazione con la formazione di quei codici: insomma i codici tradizionali sarebbero i più adatti al loro ambiente (che è costituito dagli umani) e sarebbero dunque il frutto di una "selezione" di tipo darwiniano. Ma non ci può essere un ritorno al passato, quindi la situazione attuale è all'insegna della confusione tra vecchio ripudiato e nuovo non ancora consacrato.

Aiuta Scienza in Rete a crescere. Il lavoro della redazione, soprattutto in questi momenti di emergenza, è enorme. Attualmente il giornale è interamente sostenuto dall'Editore Zadig, che non ricava alcun utile da questa attività, se non il piacere di fare giornalismo scientifico rigoroso, tempestivo e indipendente. Con il tuo contributo possiamo garantire un futuro a Scienza in Rete.

E' possibile inviare i contributi attraverso Paypal cliccando sul pulsante qui sopra. Questa forma di pagamento è garantita da Paypal.

Oppure attraverso bonifico bancario (IBAN: IT78X0311101614000000002939 intestato a Zadig srl - UBI SCPA - Agenzia di Milano, Piazzale Susa 2)