Francesco Sylos Labini

Fisico. La sua attività di ricerca include: fisica statistica, la cosmologia, la dinamica gravitazionale. Ha pubblicato circa 70 articoli in riviste internazionali e di circa 40 contributi per conferenze internazionali. E' co-autore del libro Statistical Physics for Cosmic Structures (Springer Verlag 2005). E' anche editor di Dinamica e termodinamica di sistemi con a lungo raggio interazioni: teoria ed esperimenti (AIP, 2008).

Attualmente è ricercatore presso l'Istituto per i Sistemi Complessi del Consiglio Nazionale delle Ricerche. E' inoltre visiting professor presso il Dipartimento di Fisica della Università Cattolica degli Studi di Brescia, dove insegna Astrofisica.

Pagina di Francesco Sylos Labini

 

Dark energy, physical reality or illusion?

The standard model of cosmology, as opposed to the standard model of elementary particles, does not enjoy great generality: it is based on the simplest class of solutions among the solutions of Einstein's general relativity equations, that describe gravity and link matter distribution to the geometric properties of space-time. In particular, the basic assumption is that matter is approximated to a perfectly homogeneous fluid.

L'energia oscura, realtà fisica o illusione?

Il modello standard della cosmologia, al contrario del modello standard delle particelle elementari, non gode di una grande generalità: è basato sulla classe di soluzioni più semplice possibile delle soluzioni delle equazioni della Relatività Generale di Einstein che descrivono la forza di gravità e legano la distribuzione della materia alle proprietà geometriche dello spazio-tempo. In particolare l’assunzione basilare riguarda il fatto di approssimare la materia come un fluido perfettamente omogeneo.

La probabilità dell'improbabile

Ogni tanto ci sorprendiamo di vedere che degli eventi improbabili accadano: questi sono degli eventi straordinari in quanto si verificano raramente in quella che crediamo essere l'ordinaria realtà. Le grandi crisi economiche, come quella che stiamo vivendo, o altri eventi estremi, sono soprendendenti proprio perché si pensa che siano talmente improbabili che non si possano quasi mai verificare nella realtà. Il problema è dunque come valutare la probabilità che qualcosa avvenga, ed in particolare la distribuzione di probabilità di un certo fenomeno.