fbpx Piero Manfredi | Scienza in rete
Covid-19/

Piero Manfredi

È professore ordinario di Demografia presso l’Università di Pisa. Il suo campo principale di ricerca è la dinamica di popolazione delle malattie infettive. Ha contributi in varie aree tra cui il controllo delle infezioni mediante vaccinazione, gli effetti delle dinamiche demografiche sulla diffusione delle malattie infettive, la stima dei contatti sociali, le dinamiche dell'herpes zoster.
Insieme ad Alberto d’Onofrio, ha contribuito alla nascita e sviluppo dell'“Epidemiologia Comportamentale della Malattie infettive”.
Ha coordinato il progetto “Vaccine preventable disease modelling in the European Union and EEA/EFTA” finanziato dal Centro Europeo per la Prevenzione e il Controllo delle infezioni (ECDC, 2009-2012) e ha partecipato ai progetti Europei FLUMODCONT (FP7, "Modelling the spread of pandemic influenza and strategies for its containment and mitigation"), e POLYMOD (FP6, "Measuring and estimating contact patterns relevant for the transmission of airborne infectious diseases").

https://scholar.google.fr/citations?user=R-rp20sAAAAJ&hl=en
https://unimap.unipi.it/cercapersone/dettaglio.php?ri=4354

Se l’epidemia accelera cosa resta da fare?

Mentre l'aumento del numero di casi aumenta la preoccupazione, abbiamo ancora pochi dati sui reali rischi di esposizione nei diversi contesti; per capire cosa dobbiamo aspettarci, e quindi cosa possiamo fare, possiamo quindi solo ragionare con i dati noti finora.

Nell'immagine: Il quarto stato. Giuseppe Pellizza da Volpedo, 1898-1901. Elaborazione di Scienza in rete.

Dopo mesi di rilassamento, la crescita del numero dei casi confermati di Covid-19 osservata negli ultimissimi giorni (la famosa “seconda ondata”) ha di colpo fatto decollare il grado di ansietà dei media e dell’opinione pubblica. Come già succedeva nella prima fase, il governo ha subito risposto emanando una serie di provvedimenti: l’ultimo è il DPCM del 19 ottobre 2020, che fornisce un significativo numero di ulteriori indicazioni e regole di distanziamento i cui effetti, tuttavia, non sono affatto facilmente predittibili a priori.

I numeri del Covid-19 in Italia: maneggiare con cura

I dati forniti sui numeri di Covid-19 in Italia non sono di semplice interpretazione: ad esempio, il numero dei contagiati fornito quotidianamente dalla Protezione Civile non corrisponde al numero reale dei nuovi infetti, ma rispecchia quelli identificati dal SSN; inoltre, il periodo d'incubazione, seguito da quello necessario per i test e il passaggio del risultato a chi lo comunica fa sì che ci sia per forza un certo ritardo. Con queste premesse, proviamo qui a rispondere ad alcune delle domande sull'epidemia: la situazione italiana è peggiore di quella di altri Paesi? Le misure di contenimento funzionano, e quando vedremo il risultato? Cosa succederà alla fine dell'epidemia?
Crediti immagine: HubertPhotographer/Pixabay. Licenza: Pixabay License

In merito ai dati cui verosimilmente il pubblico italiano può accedere agevoin modo agevole andando oltre le fonti puramente giornalistiche sono ad esempio i bollettini dell’Istituto superiore di Sanità (ISS), aggiornati ogni tre giorni, e, a un livello più elevato, i dati dettagliati messi a disposizione dalla Protezione Civile ogni sera. Questi numeri includono il numero aggiornato di contagiati, guariti, deceduti e altro.

#tuttiacasa!

Le criticità nel contenimento dell’epidemia di Covid-2019 stanno venendo fuori in maniera prepotente, basta guardare il drammatico documento prodotto il 7 marzo da medici e infermieri lombardi che stanno sacrificandosi nella prima linea di argine al contagio. Nonostante questo, finita per fortuna l’orgia di polemiche politiche utilizzanti emergenza per fini di consenso, si stanno tuttavia ancora ascoltando voci che invocano la necessità di “non farsi condizionare dall’ansietà e mantenere una vita normale”.