Covid-19/

Adam Cooper

Il dottor Adam Cooper è uno scienziato sociale interdisciplinare applicato con oltre 10 anni di esperienza diretta nel servizio civile britannico. La sua attenzione si concentra sull'uso della consulenza tecnica per la politica (soprattutto energetica) e sullo sviluppo di nuovi metodi sul campo per la ricerca socio-tecnica. Adam è docente di Scienze Sociali e Politiche Pubbliche presso STEaPP dal settembre 2013. Prima di entrare a far parte dell'UCL è stato responsabile del Social Science Engagement presso il Dipartimento dell'Energia e dei Cambiamenti Climatici del Governo britannico a partire dal 2011. Durante questo periodo ha creato il primo gruppo di esperti di scienze sociali di Whitehall (Whitehall Social Science Expert Panel) e ha sviluppato la prima Evidence Strategy del dipartimento. Tra il 2006 e il 2011 Adam è stato il responsabile della ricerca presso il Dipartimento di Cultura, Media e Sport, dove ha guidato il Culture and Sport Evidence Programme - un programma strategico interdisciplinare di ricerca e analisi volto a informare direttamente la politica culturale.  È entrato nel Servizio Civile del Regno Unito nel 2002 lavorando prima nell'area della povertà infantile, prima di lavorare all'analisi per sostenere la strategia di sviluppo della forza lavoro per l'assistenza sociale ai bambini. Adam ha conseguito un dottorato di ricerca in Neuropsicologia cognitiva a Birmingham, un MSc in Scienze Cognitive e Linguaggio Naturale a Edimburgo e un BSc in Psicologia a Stirling.

Ripensare la consulenza scientifica in un futuro post-COVID-19

Dopo la crisi Covid-19, la consulenza scientifica deve assolutamente aggiornarsi. Paesi con uffici di consulenza scientifica solidi come il Regno Unito hanno hanno reagito spesso peggio di altri Paesi, come la Corea del Sud, praticamente quasi sprovvisti di tali organi. Secondo gli autori, la consulenza scientifica deve basarsi su una scienza più diversificata (scienze sociali, ingegneristiche, ...) e su una consulenza, appunto, più moderna. In altre parole, serve una figura di consulente scientifico più multidisciplinare.

Immagine: Westminster; licenza: Pixabay License.

Questo articolo sulla consulenza scientifica è stato originariamente commissionato e pubblicato dalla Campagna per le Scienze Sociali del Regno Unito nell'ambito del programma COVID-19 (Campaign for Social Science as part of its COVID-19 programme) Traduzione: Jacopo Mengarelli. Supervisione: Alessandro Allegra.