fbpx Sergio Castellari | Scienza in rete
SciRe/

Sergio Castellari

Sergio Castellari è un climatologo, esperto di adattamento climatico e riduzione rischio disastri presso l’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV) a Bologna. Ora è Attaché – Esperto Clima e Ambiente alla Rappresentanza Permanente d’Italia alle Nazioni Unite a New York (USA). È stato per sei anni esperto nazionale distaccato presso l’Agenzia Europea per l’Ambiente dell’UE a Copenhagen (Danimarca). Ha lavorato come senior scientist al Centro Euro-Mediterraneo sui Cambiamenti Climatici (CMCC) di Bologna.

Ha partecipato a progetti internazionali e nazionali nel campo dei cambiamenti climatici e delle politiche di adattamento ai cambiamenti climatici. Ha coordinato il progetto nazionale SNAC finanziato dal MATTM (Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare), che ha elaborato la Strategia Nazionale di Adattamento ai Cambiamenti Climatici per l’Italia, poi adottata dal MATTM nel giugno 2015.

Per circa un decennio è stato il Focal Point Nazionale per l’Italia dell’Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC) dell’ONU, e un esperto climatico e negoziatore del MATTM in delegazioni italiane in sessioni multilaterali come IPCC, UN Framework Convention on Climate Change (UNFCCC) e UN Convention to Combat Desertification (UNCCD). Il 25 ottobre 2007 ha ricevuto insieme agli altri esperti italiani coinvolti nelle attività IPCC un diploma di riconoscimento dal Presidente del Consiglio Romano Prodi e dal Ministro Alfonso Pecoraro Scanio.

È stato docente del corso “Cambiamenti climatici e Politiche Internazionali” al Dottorato di Scienze e Gestione dei Cambiamenti Climatici dell’Università Ca’ Foscari (Venezia). È autore di articoli scientifici su riviste internazionali, di rapporti tecnici e di articoli di divulgazione in riviste nazionali. È stato co-curatore del libro “I cambiamenti climatici in Italia: evidenze, vulnerabilità, impatti” pubblicato nell’aprile 2010. È uno dei fondatori dell’associazione non profit Italian Climate Network.