Covid-19/

Paolo Anagnostou

Paolo Anagnostou si è laureato in Biologia presso l’Università di Roma “La Sapienza”, dove è attualmente assegnista di ricerca presso il dip.to di Biologia Ambientale. Ha conseguito il titolo di dottore di ricerca in “Biodiversità ed Evoluzione” presso l’Università di Bologna. Il principale settore di ricerca è l’antropologia molecolare ed attualmente si occupa della variabilità genetica di popolazioni sottoposte a fattori di isolamento culturale e/o geografico. Inoltre è particolarmente interessato alla disseminazione e la condivisione dei dati genetici e genomici nell’ambito dell’antropologia e, in una più ampia prospettiva, delle scienze dell’uomo.

 

Scientific data sharing: ricerca e open science, un workshop

Lo sviluppo di modelli e strumenti per una maggiore e più efficace condivisione dei dati rappresenta attualmente uno degli obiettivi prioritari per il mondo della ricerca. Mettere in comune dati e conoscenze non può che essere un fattore di progresso e un elemento in grado di favorire pratiche scientifiche più rigorose e trasparenti. E non solo! Tutti, dai singoli cittadini alle istituzioni, possono beneficiare dei vantaggi offerti da questa rivoluzione.

A fronte di vantaggi e potenzialità, alcuni importanti interrogativi devono, tuttavia, trovare una risposta:

"Opening Science to Society": educare alla condivisione

La rivoluzione digitale ha trasformato radicalmente i processi di produzione e diffusione dei risultati scientifici. Società scientifiche, comitati editoriali delle riviste ed enti di finanziamento sembrano oramai consapevoli del fatto che una condivisione robusta ed efficace dei dati sia indispensabile per sfruttare appieno le nuove acquisizioni, ottimizzare l’uso delle risorse e contribuire ad una scienza rigorosa e riproducibile. Sembrerebbe, quindi, che il processo sia ormai ben avviato e basti semplicemente attendere che il tempo produca i risultati attesi.