fbpx Una visione sistemica per affrontare le pandemie e le loro conseguenze | Scienza in rete

Una visione sistemica per affrontare le pandemie e le loro conseguenze

Primary tabs

Tempo di lettura: 4 mins

Crediti immagine: Magda Ehlers/Pexels. Licenza: Pexels License

La tempesta sanitaria mondiale, emersa con l’attuale pandemia da virus Sars-Cov-2, esprime la quintessenza di una crisi ecologica e sanitaria convergenti, che ha colpito inesorabilmente tutti gli stati, in particolare il nord dell’Italia. Faccio quest’affermazione da osservatore e studioso di sistemi complessi, che evidenziano le contraddizioni di uno sviluppo economico che tende a enfatizzare una modernità tecnologica, per giustificare uno sfruttamento indiscriminato e senza limiti del capitale naturale, con gravi compromissioni degli ecosistemi e dei presupposti biologici della salute globale.

Diversi scienziati sostengono che le malattie infettive emergenti saranno sempre più frequenti perché collegate alla devastazione violenta e veloce di ecosistemi, causata dalla pressione esercitata dalla nostra specie. Altri scienziati e ricercatori, sorpresi dalla tempesta sanitaria, ritengono che siamo in guerra e sappiamo ancora poco del virus Sars-Cov-2. Dato che i sistemi fisici, biologici e sociali sono intimamente connessi e interdipendenti, può succedere che diversi virus, a seguito di perturbazioni antropiche degli habitat delle specie selvatiche ospiti, riescano a fare il salto di specie verso l’uomo, produrre mutazioni e mettere in ginocchio la vita sociale ed economica dell’intero pianeta. Un evento paradossale, che dimostra la fragilità umana e delle imponenti strutture tecnologiche e sociali di cui facciamo vanto.

Salute globale

Nell’ammissione di una presunta guerra scatenata dalla pandemia, credo che la conoscenza, la ricerca e le attività istituzionali non le si debbano solo limitare alla pur decisiva identificazione genetica del virus, come pure alla identificazione dei contagiati e allo sviluppo di un possibile vaccino. Queste sfide si devono accompagnare a ricerche e misure preventive su scala più vasta, indirizzate ai determinanti primari della pandemia. In uno studio pubblicato nel 2008 su Nature, realizzato dalla Zoological Society di Londra, gli autori affermano:

Le zoonosi di origine selvatica rappresentano la più consistente e crescente minaccia alla salute della popolazione mondiale tra tutte le malattie emergenti (...) le nostre scoperte rendono evidente l’ineludibile necessità di monitorare lo stato di salute globale e identificare nuovi patogeni potenzialmente trasmissibili all’uomo dalla fauna selvatica come misura preventiva nei confronti delle future malattie emergenti

Di poche settimane fa è la notizia del governo cinese di vietare il commercio di animali selvatici vivi; un provvedimento adottato anche in passato a seguito dell’epidemia di SARS del 2002 ma, in seguito, inspiegabilmente revocato.

Un aspetto fondamentale della ricerca e delle attività istituzionali dovrebbe concentrarsi sulle dinamiche che s’instaurano a livello ambientale ed ecosistemico, attivate da azioni e da relazioni sociali, politiche ed economiche, accelerate dagli imponenti flussi commerciali della globalizzazione. Al riguardo, dobbiamo costatare che è ancora poco valorizzato il lavoro prodotto dalla task force ambiente e salute dei 53 stati della Regione europea dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, un prezioso lavoro che tende a coniugare i diversi aspetti delle politiche sanitarie e ambientali, per armonizzare le decisioni su problematiche complesse.

Altrettando poco valorizzato il contributo e l’indirizzo proposto dalla Conferenza delle parti per l’attuazione della Convenzione per la Biodiversità, che riconosce il valore dell'approccio One Health per affrontare la questione trasversale della biodiversità e della salute umana, come approccio che integra le complesse relazioni tra uomo, microrganismi, animali, piante, agricoltura, fauna selvatica e ambiente, promuovendo una visione sistemica della salute per affrontare i rischi potenziali che hanno origine all’interfaccia tra la salute umana, quella degli ecosistemi e degli ambienti antropizzati.

Prevenzione ambientale e sanitaria

Evidenziare il ruolo della prevenzione primaria e della sanità pubblica, in particolare nella gestione del rischio delle malattie infettive emergenti e delle zoonosi pandemiche può fornire elementi strategici per individuare le misure per potenziare la resilienza dei sistemi di prevenzione ambientale e sanitaria. Tutto ciò presuppone una visione sistemica, la conoscenza e l’applicazione di modelli complessi, attraverso cui costruire e integrare le conoscenze e, nello stesso tempo, sviluppare consapevolezza sull’interdipendenza di molteplici fattori, per lo sviluppo delle politiche sanitarie, ambientali ed economiche a livello globale.

Alla luce di quanto emerge credo che governare la complessità della drammatica pandemia Covid-19 non è e non sarà semplice; ancora più difficile e imprevedibile sarà il governo dei suoi esiti e delle successive fasi a livello di programmi e di strategie sanitarie, ambientali, economiche e politiche.

In conclusione, l'emergenza Coronavirus può insegnarci molto e lo farà sicuramente. Essa nasce da una società globalizzata, che non può più avere la pretesa di continuare ad affrontare problemi complessi con metodi semplicistici, perseverando nella separazione delle parti scientifiche e di quelle istituzionali, perseguendo uno sviluppo economico insostenibile e in contrasto con la salute umana e planetaria.

 

Iscriviti alla newsletter

Le notizie di scienza della settimana

 

No spam, potrai cancellare la tua iscrizione in qualsiasi momento con un click.

 

prossimo articolo

Il pasticcio del pallone cinese

L'astrofisica Patrizia Caraveo ripercorre la saga del pallone stratosferico cinese che ha monopolizzato i media la scorsa settimana e che è stato abbattuto poi il 4 febbraio dai piloti militari statunitensi. Purtroppo, è difficile sapere che tipo di strumentazione portasse, però la vicenda spiega perché i militari sostengono che almeno la metà degli avvistamenti degli UFO (oggi UAP o Unidentified Aerial Phenomena), siano in effetti dei palloni.

Il pallone sonda cinese fotografato da Chase Doak, Wikipedia. Licenza: CC-BY 4.0

Io sono una scienziata spaziale ma ho lavorato per anni fianco a fianco con colleghi che costruivano strumenti da far volare con palloni stratosferici. All’inizio del 1990 ho persino partecipato alla campagna di lancio di un pallone dal Brasile: volevamo osservare l’emissione gamma della supernova che era scoppiata nel febbraio dell’anno prima nella Grande Nube di Magellano e dovevamo portare il nostro rivelatore sopra la parte più densa dell’atmosfera proprio grazie a un pallone.