Covid-19/

Test rapidi per SARS-CoV-2: perché adottarli subito

Tempo di lettura: 3 mins

Pubblichiamo l'appello di dieci ricercatori sulla necessità di adottare i test rapidi per SARS-CoV-2.

Immagine: Designed by Freepik

È inutile nasconderlo: uno dei grandi problemi legati al controllo dei contagi da COVID-19 è legato alla complessità del sistema diagnostico basato sui classici tamponi. Il test richiede personale dedicato e adeguatamente bardato per proteggersi, l’inserimento di un bastoncino in fondo al naso, procedura che oltre a risultare fastidiosa è assolutamente operatore-dipendente, nel senso che a seconda di come viene fatto il prelievo si potrà avere un risultato più o meno attendibile, e, infine, l’esecuzione del test in laboratorio. In condizioni di alta richiesta diagnostica, come inevitabilmente sarà durante la circolazione del virus dell’influenza il prossimo autunno-inverno, mentre alcuni laboratori saranno attrezzati per gestire grandi numeri, la maggior parte del territorio italiano sarà in difficoltà e non riuscirà a produrre i referti in tempi accettabili (24 ore).

Naturalmente, il sistema dei tamponi è anche quello che ha fatto la differenza nei mesi passati, che ci ha permesso di identificare i positivi, sintomatici e non, e di fare quel tracciamento che è stato un chiaro successo nella gestione strategica della pandemia. Ma in questi mesi, molte aziende e ricercatori si sono messi all’opera per creare un metodo diagnostico più agevole e veloce. Adesso, con la riapertura di scuole e università, è arrivato il momento di utilizzarli.

Il primo passo verso una semplificazione è rappresentato dal test molecolare sulla saliva [1,2], già validato e approvato dalla Food & Drug Administration (FDA) degli USA, che consente di saltare tutta la procedura legata al prelievo del campione. Ai soggetti da analizzare è richiesto semplicemente di raccogliere la saliva in un contenitore: nessun operatore, minore invasività, nessuna coda per il prelievo. E anche le fasi successive, grazie a modifiche del protocollo di analisi molecolare, sono più veloci e molto più economiche, altro fattore da considerare nella gestione di una pandemia. Il basso costo del test, stimato inferiore a 10 dollari, quindi pochi euro, consentirebbe un ampio utilizzo nelle scuole e nelle università, permettendo di ottenere rapidamente quel monitoraggio sanitario che insegnanti e famiglie si aspettano.

Il secondo passo è basato invece sull’utilizzo di test rapidi che invece di riconoscere l’RNA del virus identificano le sue proteine, i cosiddetti “test antigenici” (l’antigene è la porzione di proteina o altra componente virale riconosciuta da un anticorpo). Al momento, FDA ha approvato 4 test, tutti basati sul tampone nasale. Questi test hanno il vantaggio chiaro della rapidità della risposta (pochi minuti), ma lo svantaggio dovuto alla raccolta del campione, come illustrato sopra. In Italia, il test rapido antigenico è utilizzato a Fiumicino, sembra con risultati soddisfacenti, e non si capisce perché un test adatto a identificare potenziali positivi in aeroporto non possa andar bene per monitorare nel tempo studenti e personale della scuola o dell’università.

Ma l’ultimo, definitivo passo per la diagnostica rapida del SARS-CoV-2 sarà un test salivare antigenico a basso costo e sufficientemente sensibile e specifico da poter essere ripetuto periodicamente, col minimo disagio per l’individuo e senza richiedere personale specializzato. I test per l’identificazione delle proteine sulla saliva hanno dimostrato una buona sensibilità che è però inferiore a quella dei classici tamponi “molecolari”. La minore sensibilità potrebbe non identificare come positivi i soggetti con carica virale bassa (soggetti “falsi negativi”) e quindi farli sfuggire al sistema di identificazione. Tuttavia, considerato il costo modesto di questi test, la rapidità della risposta, e la loro ripetibilità a breve distanza di tempo (per esempio, una volta alla settimana), riteniamo che sia arrivato il momento di prendere in seria considerazione questi nuovi strumenti diagnostici economici e rapidi per convivere con il virus SARS-Cov2 durante la riapertura di scuole e Università ed essere preparati all’arrivo dell’epidemia d’influenza.

Firmatari
Sergio Abrignani
Adriana Albini
Franco Buonaguro
Francesco Cecconi
Alessandro Quattrone
Guido Poli
Luca Scorrano
Stefano Vella
Elisa Vicenzi
Antonella Viola

Referenze bibliografiche
1. Wyllie AL, et al. Saliva or Nasopharyngeal Swab Specimens for Detection of SARS-CoV-2. N
Engl J Med. August 28, 2020. PMID: 32857487
2. Service RF. Spit shines for easier coronavirus testing. Science 2020 Aug 28;369(6507):1041-
1042. doi: 10.1126/science.369.6507.1041.

Aiuta Scienza in Rete a crescere. Il lavoro della redazione, soprattutto in questi momenti di emergenza, è enorme. Attualmente il giornale è interamente sostenuto dall'Editore Zadig, che non ricava alcun utile da questa attività, se non il piacere di fare giornalismo scientifico rigoroso, tempestivo e indipendente. Con il tuo contributo possiamo garantire un futuro a Scienza in Rete.

E' possibile inviare i contributi attraverso Paypal cliccando sul pulsante qui sopra. Questa forma di pagamento è garantita da Paypal.

Oppure attraverso bonifico bancario (IBAN: IT78X0311101614000000002939 intestato a Zadig srl - UBI SCPA - Agenzia di Milano, Piazzale Susa 2)

altri articoli

Antartide sopra i 2°C: punto di non ritorno?

antartide

All’inizio del 2020 le temperature nell’Antartico hanno superato per la prima volta i 20°C e questa non è in alcun modo una buona notizia. Uno studio pubblicato su Nature stima che, restando sotto i 2°C di aumento della temperatura globale media per fine secolo, avremmo almeno circa 1.3 metri di mare in più. Se dovessimo superare i 2°C, si arriverebbe anche a 2.4 metri (per ogni grado in più).

Immagine: Pixabay License.

Un cubetto di ghiaccio in un bicchiere d’acqua, se si scioglie, non contribuisce a far innalzare il livello del liquido. Questo è facilmente verificabile applicando le note leggi di Archimede. Allo stesso modo, non è il ghiaccio galleggiante, come gli iceberg, che determina l’aumento del livello del mare, ma, come sappiamo, i ghiacci continentali. L’Antartide ha un’estensione di circa 14 milioni di km2, un volume di quasi 27 milioni di km3 e detiene più della metà delle risorse di acqua dolce della Terra.