SARS-CoV-2: la bufala degli Ogm e il salto di specie

Tempo di lettura: 3 mins

Un articolo pubblicato la scorsa settimana su Il Manifesto sostiene che il salto di specie del nuovo coronavirus sia imputabile agli organismi geneticamente modificati, o transgenici. Una teoria che non ha alcuna base scientifica e che richiama, ancora una volta, alla necessità di verificare le fonti.
Crediti immagine: Frederick Burr Opper/Wikimedia Commons. Licenza: dominio pubblico

Il «passaggio di specie» di un organismo patogeno dall’animale all’essere umano, che spiega la diffusione del coronavirus SARS-CoV-2, sarebbe colpa, tra le altre, dell’introduzione nell’ecosistema di organismi geneticamente modificati (Ogm). Questa la fantasiosa teoria elaborata in un articolo che sta facendo il giro dei social, nell’incredulità degli esperti: «Il virus degli Ogm nel “salto di specie”» pubblicato il giovedì 12 marzo su ilmanifesto.it, a firma di Francesco Bilotta.

L’autore ci informa che per spiegare i salti di specie compiuti dai virus è necessario prendere in considerazione «l’inquinamento genetico del pianeta causato dalla presenza di centinaia di organismi geneticamente modificati». E conclude dicendo che «gli organismi geneticamente modificati sono, di fatto, nuove specie che vengono inserite negli ecosistemi e che possono compromettere il loro l’equilibrio. Questa contaminazione genetica – secondo l’autore – pone seri problemi di sicurezza ambientale e contribuisce a determinare quegli squilibri che favoriscono il salto di specie».

Numerosissime, negli ultimi venti anni, le campagne di disinformazione scientifica: dal protocollo Di Bella, alle staminali di Vannoni, alla Xylella. L’articolo in questione mostra però che tutto è ancora possibile, non in natura, ma nella propaganda antiscientifica: la bufala dell’Ogm dietro il salto di specie e al SARS-CoV-2 potrebbe essere di tutte la più grande sino a ora, per fantasia e complottismo (ingrediente coerente e decisivo nella maggioranza delle fake news).

Dunque, cerchiamo di smontarla. Non per protagonismo, ma per evitare, come sempre accade quando diventano virali certe fandonie, di buttare alle ortiche centinaia di conquiste in campo tecnologico e scientifico che hanno allungato la qualità di vita dell’uomo e favorito il progresso.

Sono conosciute più di 200 specie di virus che infettano l’uomo. Più di due terzi infettano anche altri vertebrati (mammiferi o, in misura molto minore, uccelli). Il «passaggio di specie», che è sempre avvenuto, da quando esiste la vita, è favorito principalmente da due fattori: dal fatto che le «chiavi» per entrare nelle cellule – i recettori cellulari – da parte, per esempio, di un patogeno, sono spesso molto simili in specie diverse, e dalla prolungata vicinanza fra uomini e gli animali che portano il virus.

È chiaro da tempo che l’affollamento del pianeta e il naturale desiderio di spostarsi non può che favorire questo processo, mentre una più attenta gestione degli allevamenti e della commercializzazione di alimenti lo può ostacolare. Cosa c’entri questo con il fatto che sia coltivata una pianta che porta nel suo genoma un gene proveniente da un’altra specie o una nuova copia di un suo gene è invece molto chiaro: non c’entra nulla ed è un’altra incredibile bufala, che ha solo il potere di spaventare la gente. A questo punto ci si domanda se l’autore conosca la differenza fra un gene e un virus e sappia cosa sia una pianta.

Non esiste alcuna base scientifica, o dato sperimentale in tutta la storia documentata della scienza, che permetta di ipotizzare un ruolo delle piante modificate in laboratorio nei salti di specie dei virus animali. L’assurdità scientifica di queste ipotesi non dà nessun aiuto a cercare di limitare l’epidemia in atto, e anzi procura potenzialmente allarmi - come non ne avessimo abbastanza, in questo delicato momento.

Queste precisazioni sono quindi dovute al cittadino, non sono un attacco ai professionisti dell’informazione ma anzi un invito a seguire una delle regole fondamentali che accomunano proprio le nostre professioni, quella di giornalista e quella di scienziato, e cioè: la verifica delle fonti. Se qualcuno vi dicesse che la birra fa ricrescere i capelli correremmo pubblicarlo (l’uno sul quotidiano e l’altro sulla rivista scientifica) o andremmo prima a verificare chi lo ha detto? Il punto quindi è: prendere le distanze da ciò che non è verificabile e basare le affermazioni su fonti che possono essere verificate.

 

Aiuta Scienza in Rete a crescere. Il lavoro della redazione, soprattutto in questi momenti di emergenza, è enorme. Attualmente il giornale è interamente sostenuto dall'Editore Zadig, che non ricava alcun utile da questa attività, se non il piacere di fare giornalismo scientifico rigoroso, tempestivo e indipendente. Con il tuo contributo possiamo garantire un futuro a Scienza in Rete.

E' possibile inviare i contributi attraverso Paypal cliccando sul pulsante qui sopra. Questa forma di pagamento è garantita da Paypal.

Oppure attraverso bonifico bancario (IBAN: IT78X0311101614000000002939 intestato a Zadig srl - UBI SCPA - Agenzia di Milano, Piazzale Susa 2)

altri articoli

Il vero atto di resistenza è stare a casa, non in scooter

"A differenza dei disciplinati sudditi del biopotere, l’intellettuale fa invece resistenza e compie il sacrificio di godersi per un paio d’ore lo spettacolo di una città deserta e bellissima". Ma può farlo solo grazie alla maggioranza disciplinata che prova proteggere anche la sua salute. Il commento di Cristian Fuschetto all'articolo di Edoardo Cicelyn sul Corriere del Mezzogiorno.
Crediti immagine: Pexels/Pixabay. Licenza: Pixabay License

Come la salute anche la libertà è una di quelle cose di cui ti accorgi davvero solo quando non ce l’hai più. Come mura dotate di uno strano senso dell’ironia, ci vai a sbattere contro solo quando scompaiono. Lo sperimentiamo in questi giorni, in cui ordinanze di ministri, governatori, sindaci hanno ridotto a tal punto le libertà personali che il gesto di andare a buttare l’immondizia comincia con l’essere vissuto con spirito clandestino.

Aiuta Scienza in Rete a crescere. Il lavoro della redazione, soprattutto in questi momenti di emergenza, è enorme. Attualmente il giornale è interamente sostenuto dall'Editore Zadig, che non ricava alcun utile da questa attività, se non il piacere di fare giornalismo scientifico rigoroso, tempestivo e indipendente. Con il tuo contributo possiamo garantire un futuro a Scienza in Rete.

E' possibile inviare i contributi attraverso Paypal cliccando sul pulsante qui sopra. Questa forma di pagamento è garantita da Paypal.

Oppure attraverso bonifico bancario (IBAN: IT78X0311101614000000002939 intestato a Zadig srl - UBI SCPA - Agenzia di Milano, Piazzale Susa 2)