Perché il metodo Zamboni non convince

Tempo di lettura: 3 mins

Dove eravamo rimasti con la cura per la sclerosi multipla proposta dal dottor Zamboni? Zamboni è un chirurgo dell’Università di Ferrara che qualche anno fa cogliendo di sorpresa un po’ tutti ha annunciato che i suoi ammalati di sclerosi multipla tutti, nessuno escluso, avevano stenosi delle giugulari o delle vene azygos. Non era difficile prevedere che questo avrebbe suscitato l’interesse prima e l’entusiasmo poi di ammalati e delle loro associazioni, e dei giornalisti.

Ed è esattamente quello che è successo. Quando la gente sta male e muore e non c’è una cura e tu gli dici “c’è un restringimento delle vene, dilatiamole così di sclerosi multipla si potrà guarire” il successo è assicurato. C’è anche un’ipotesi anche plausibile che spiegherebbe il legame fra stenosi delle vene e attivazione del sistema immune. Forse l’ipossia danneggia la barriera tra sangue e cervello così i globuli rossi si accumulano nel cervello e nel midollo spinale e questo provoca una reazione immune. Da lì si arriva alla sclerosi multipla.

Forse, ma è tutto molto vago e prove non ce ne sono, nemmeno da studi sugli animali. A Buffalo hanno studiato 500 malati senza però riuscire a documentare che quelli con la sclerosi multipla avessero più stenosi degli altri. Da noi la Fondazione Italiana Sclerosi Multipla ha avviato uno studio controllato ma Zamboni non ha voluto prendervi parte. Così i neurologi (non tutti, si capisce) hanno cominciato a intervenire su queste stenosi, rimuovendole con l’idea che questo potesse ridurre il numero delle ricadute. Lo si fa per lo più sotto la pressione degli ammalati, ma anche, soprattutto nelle strutture private. perché così si ha un’altra procedura da far pagare al Servizio Sanitario Nazionale: efficace o no importa poco, quando si bada soprattutto al fatturato.

Intanto lo studio della Federazione Italiana va avanti, alla fine di dicembre erano stati reclutati già 730 ammalati con sclerosi multipla e 205 controlli sani. Risultati per adesso non ce ne sono. Nel frattempo è stato pubblicato un lavoro su Neurology da parte di un gruppo di ricercatori di Berlino, i pazienti non sono molti, 40 in tutto. Cosa hanno visto? Che non c’è nessun rapporto tra sclerosi multipla e stenosi della giugulare (leggi l'articolo). Un altro lavoro fatto in Italia, su 35 pazienti arriva alle stesse conclusioni. Ricercatori di Boston e di Montreal hanno persino provato a creare artificialmente una stenosi della giugulare nel topo (era ora, lo si sarebbe dovuto fare prima, molto prima di sottoporre tanti pazienti a una procedura che può anche essere pericolosa). Nessuno di quei topi sviluppa alcuna lesione né del cervello né del midollo spinale che ricordi quella della sclerosi multipla (leggi l'articolo).

Chi mi ha seguito fin qui penserà che ormai per la cura Zamboni non ci sono speranze e nemmeno per gli ammalati, purtroppo. Non è così. Zamboni ha avviato uno studio “Brave Dreams (BRAin VEnous Drainage Exploited Against Multiple Scleroisis) che si propone di valutare l’efficacia dell’angioplastica venosa nel controllo della sclerosi multipla. Chi lo finanzia? Associazioni di pazienti e Regione Emilia Romagna (una delle Regioni dove di solito fanno le cose bene per quanto riguarda la salute). Loro hanno scommesso sulla bontà della teoria di Zamboni al punto di trovare per questo studio 2,742 milioni di euro (leggi qui).

Intanto il presidente del comitato scientifico dell’Associazione Italiana per la Sclerosi Multipla ribadisce che “gli ammalati di sclerosi multipla devono avere chiaro che non esistono al momento motivi per farsi operare”. Il Lancet qualche tempo fa l’ha presa con filosofia. “Negli anni ne abbiamo viste di queste cose che come arrivano, spariscono”, certo che l’Italia in questo campo non si fa mancare proprio nulla. 

Articoli correlati

altri articoli

La sinfonia n° 13 di Šostakovič

L'annientamento della popolazione ebraica sul posto, al di fuori dei campi di sterminio, che i nazisti perpetrarono nella loro avanzata verso est dal mar Baltico al mar Nero, copre numericamente quasi la metà della Shoah. Babij Jar è un burrone non lontano da Kiev che, quando i tedeschi occuparono la città ucraina nel settembre del 1941, divenne la tomba della popolazione ebraica residente. E di intellettuali, partigiani ucraini, soldati prigionieri, addirittura calciatori della Dinamo che non si erano voluti far battere dalla squadra delle Forze Armate tedesche, ladri comuni, decine di migliaia di rom. A questo luogo, o meglio a ciò che rappresenta, Evgenij A. Evtušenko dedicò un poema, i cui versi sono stati immortalati dalla loro inclusione nella sinfonia n° 13 di Dmitrij D. Šostakovič. Poiché la sua intenzione era di rendere omaggio alle vittime innocenti non solo del nazismo, ma anche dello stalinismo, Šostakovič chiese poi a Evtušenko altri testi da introdurre nella sinfonia, che furono poi modificati su pressione di Nikita Chruščëv: “Vorrei scrivere una sinfonia per ciascuna delle vittime, ma è impossibile ed è per questo che dedico a tutte loro la mia musica”.
L'articolo di Simonetta Pagliani in occasione del Giorno della Memoria.
Crediti immagine: armenanno/Pixabay. Licenza: Pixabay License

La prima pattuglia russa giunse in vista del campo verso il mezzogiorno del 27 gennaio 1945. Fummo Charles ed io i primi a scorgerla: stavamo trasportando alla fossa comune il corpo di Sómogyi, il primo dei morti fra i nostri compagni di camera. Rovesciammo la barella sulla neve corrotta, ché la fossa era ormai piena, ed altra sepoltura non si dava: Charles si tolse il berretto, a salutare i vivi e i morti. Erano quattro giovani soldati a cavallo, che procedevano guardinghi, coi mitragliatori imbracciati, lungo la strada che limitava il campo.