Covid-19/

Il nuovo Bando Giovani Ricercatori “Alessandro Liberati"

Tempo di lettura: 5 mins

E’ facile trovare la strada seguendo le tracce di un gigante.

In coda alla seconda edizione del Programma di ricerca Regione-Università (PrRU), lo scorso anno, la Regione Emilia-Romagna ha finanziato, con circa 3 milioni di euro, un bando espressamente dedicato ai giovani ricercatori del suo Servizio sanitario regionale. Una decisione controcorrente in regime di spending review, e fortemente ispirata dal lavoro lungimirante di Alessandro Liberati. Si tratta dell’ultimo di una serie di bandi che, a partire dal 2007, la Regione ha dedicato alla ricerca transazionale, mettendo a disposizione circa 60 milioni di Euro attraverso le Aziende Ospedaliere Universitarie e gli IRCCS della Regione stessa.

Per quest’ultimo bando il successo della risposta da parte dei giovani ricercatori è indubbio: circa 150 proposte ricevute e 133 progetti ammessi a peer-review. L’importo del finanziamento per ciascun progetto della durata massima di 36 mesi era compreso tra 100.000 e 250.000 euro. L’età media di chi ha presentato un progetto si attesta sui 34 anni. Si trattava soprattutto di ricercatrici (64% dei progetti presentati).

Il bando è stato lanciato all’inizio del 2012 e la graduatoria finale, che ha visto 15 vincitori (vedi di seguito), è stata pubblicata a novembre dello stesso anno. L’intero processo di peer review ha coinvolto 219 valutatori esperti indipendenti sia italiani (esterni al Servizio sanitario regionale e al contesto accademico dell’Emilia-Romagna), sia stranieri (65%), con affiliazione riconducibile a 21 Paesi distribuiti in quattro continenti.

Il bando viene oggi rilanciato con altri 2,5 milioni di Euro, e con alcune modifiche che cercano di tener conto di quelli che potrebbero essere definiti i “Liberati Principles” e che la Regione vuole supportare nell’ambito della promozione di una ricerca scientifica utile al Servizio Sanitario pubblico. In questa nuova edizione è stato perfezionato il percorso di raccolta e di valutazione delle proposte (con Workflow della ricerca dedicato). Inoltre, è stato introdotto un incentivo alla pubblicazione dei risultati in fonti “open” in modo da favorire la ricaduta “pubblica” delle nuove conoscenze prodotte.

Nell’edizione del 2012 non erano state indicate aree tematiche specifiche entro cui disegnare le proposte, bensì tipologie di studi:

  • ricerca biomedica, finalizzata alla produzione di nuove conoscenze su tecnologie e interventi di potenziale rilevanza per il Servizio sanitario regionale; 
  • ricerca clinico-assistenziale, finalizzata al completamento delle conoscenze necessarie al trasferimento nella pratica dei servizi sanitari e alla valutazione delle effettive potenzialità e dell’impatto di tecnologie e interventi in ambito sanitario.

Nella nuova edizione, pur rimanendo la richiesta per queste tipologie di ricerca, sono state individuate alcune aree prioritarie quali Cardiovascolare; Diagnostica avanzata; Medicina rigenerativa e Trapianti; Neuroscienze; Oncologia; Patologie virali ed autoimmuni; Riabilitazione.

In un Paese dove l’investimento per la ricerca è molto basso - addirittura inferiore a quello di molti dei nostri partner europei - occorre pensare a strategie che ottimizzino processi e dinamiche utili alla realizzazione della ricerca, soprattutto quella dentro e per il Servizio sanitario nazionale (SSN). In tale contesto, l’indirizzo di Governance dato nel passato da Alessandro per una ricerca intesa come asset del servizio sanitario pubblico è una lezione di cui tener conto per il futuro.

Bando Giovani Ricercatori “Alessandro Liberati”, due edizioni di successo
(N.d.r. aggiornato a giugno 2013)


Edizione 2012: i 15 progetti ammessi a finanziamento  

1. HLA-G molecules as a prognostic marker of cytomegalovirus infection and transmission in pregnancy 
Roberta Rizzo - AOU FE

2. Prognostic impact of interval breast cancer detection in pT1a N0 M0 early breast cancer with HER2-positive status: a multicenter, population-based cancer registry study
Antonino Musolino - AOU PR

3. ANTI-3-18F-FAC BC (anti1-amino-3-18F-fluorocyclobutane-1-carboxylic acid) in comparison to 11C-CHOLINE PET/CT in the evaluation of patients with prostate cancer radically treated and with rising PSA
Cristina Nanni - AOU BO

4. A personalized medical approach to treat bacterial infections in patients with liver cirrhosis
Leonardo Calza - AOU BO

5. Tumour microenvironment: potential role of osteoporosis in the development of bone metastases: in vitro and in vivo studies
Veronica Borsari - IRCCS IOR

6. An improve of tumor regression with a cancer-risk modulated radiochemotherapy in local advanced rectal cancer (LARC ) can lead to avoid doing major surgery: a randomized phase II study
Francesco Fiorica - AOU FE

7. Implementing diagnosis and treatment of depression in subjects with recent diagnosis of HIV-positivity by means of inflammatory biomarkers and standardized psychiatric monitoring
Silvia Ferrari - AOU MO (Baggiovara)

8. Search for novel genes responsible for familial colorectal polyposis
Giulia Piazzi - AOU BO

9. Development and validation of innovative methods for steroid hormone measurement in serum and saliva: applicability of new technologies in the clinical routine
Flaminia Fanelli - AOU BO

10. Diagnostics advances in hereditary breast cancer (Diane)
Elena Bonora - AOU BO

11. Development of new therapies for acute leukemias: biological aspects and clinical implications of immunogenic cancer cell death
Antonio Curti - AOU BO

12. BIOlogical and BIOphysical STimulation on IMplant Osteolysis and aseptic LO osening conditions: effects of pulsed electromagnetic fields and platelet derivatives (BIO.BIO.ST.IM.O.LO)
Matilde Tschon - IRCCS Istituto Ortopedico Rizzoli

13. Identification of innovative microRNA-based biomarkers and anti-cancer strategies for the treatment of hepatocellular carcinoma
Francesca Fornari - AOU BO

14. 5-metyl-tetrahydrofolate in the treatment of portal hypertension in cirrhotics in pharmacologic prophylaxis of variceal bleeding with beta-blockers: a double-blind randomized controlled trial
Ranka Vukotic - AOU BO

15. Molecular classification of hepatocellular carcinoma to select the more appropriate surgical treatment: liver transplantation or liver resection
Matteo Ravaioli - AOU BO

Edizione 2013: dati a confronto 

Dopo la chiusura della seconda edizione del bando, il 7 giugno 2013, è possibile stilare un primo bilancio, con un incremento di partecipazione e alcune conferme: hanno risposto 170 giovani ricercatori, il 30% dei quali ha replicato l'esperienza della prima edizione (151 proposte). La componente femminile è ancora predominante: il 63% dei progetti, infatti, vede una donna nel ruolo di Principal Investigator. La tipologia di studi di maggiore interesse continua ad essere la ricerca biomedica (per il 58%) rispetto a quella clinico-assistenziale (42%).

Distribuzione di aree tematiche per azienda
Tra le aree tematiche più specifiche previste quest'anno, Oncologia si riconferma la preferita dai ricercatori (35%). A seguire, Diagnostica avanzata (18%), Medicina rigenerativa e trapianti (13%), Neuroscienze (12%), Patologie virali ed autoimmuni, Cardiovascolare (9%) e Riabilitazione (2%).
Tra i proponenti, è l’Azienda ospedaliero-universitaria (AO-U) di Bologna ad aver concepito il maggior numero di progetti (28%). L’Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico (IRCCS), con l'Istituto Ortopedico Rizzoli, ne ha coperto il 25%, le AO-U di Ferrara e Parma il 16 e 15% rispettivamente, l’AO-U di Modena il 12% e l’IRCCS delle Scienze Neurologiche di Bologna il 4%.



Fonte dati 2013: laniusletter.it


Il Gruppo di Lavoro: Antonio Addis, Eleonora Corciolani, Barbara Mazzoni, Donato Papini, Silvia Pozzi, Cristina Predieri, Tania Salandin, Franca Serafini

 

Aiuta Scienza in Rete a crescere. Il lavoro della redazione, soprattutto in questi momenti di emergenza, è enorme. Attualmente il giornale è interamente sostenuto dall'Editore Zadig, che non ricava alcun utile da questa attività, se non il piacere di fare giornalismo scientifico rigoroso, tempestivo e indipendente. Con il tuo contributo possiamo garantire un futuro a Scienza in Rete.

E' possibile inviare i contributi attraverso Paypal cliccando sul pulsante qui sopra. Questa forma di pagamento è garantita da Paypal.

Oppure attraverso bonifico bancario (IBAN: IT78X0311101614000000002939 intestato a Zadig srl - UBI SCPA - Agenzia di Milano, Piazzale Susa 2)

altri articoli

Propagazione di SARS-CoV-2, distanziamento e mascherine

Simonetta Pagliani ripercorre le informazioni che abbiamo sulla propagazione di SARS-CoV-2, dalle cui caratteristiche dipende l'efficacia del distanziamento fisico e quella delle mascherine. Il testo deriva dalla presentazione che Simonetta Pagliani ha fatto nel webinar  della Associazione Alessandro Liberati «Accuratezza dei test diagnostici, DPI, politiche di distanziamento e lockdown», tenutosi i 27 ottobre, trasmesso anche su Scienza in rete: https://www.scienzainrete.it/articolo/accuratezza-dei-test-diagnostici-d...

Crediti immagine: Background photo created by user3802032 - www.freepik.com

Protezione popolazione generale e addetti a compiti sanitari

Il lockdown totale, con la radicale diminuzione della mobilità individuale, ha sicuramente arginato il dilagare dell’epidemia, riducendo R0, che esprime il numero d’infezioni secondarie generate da un individuo infetto durante l’intero periodo infettivo, in una popolazione suscettibile, al tempo 0 di un’epidemia.