fbpx Nuclear Security Summit 2016: nulla di nuovo contro l'"inverno nucleare" | Scienza in rete
Covid-19/

Nuclear Security Summit 2016: nulla di nuovo contro l'"inverno nucleare"

Tempo di lettura: 3 mins

Venerdì 1 Aprile si è concluso a Washington il quarto Nuclear Security Summit, certamente ultimo con questo formato e ultimo della Presidenza Obama, che aveva proposto questa serie di incontri ad alto livello nel suo discorso a Praga nel 2009. I precedenti si erano tenuti nel 2010 a Washington, nel 2012 a Seoul e nel 2014 a L’Aia. Obiettivo principale di ognuno di questi Summit era la creazione di un sistema globale di controlli e garanzie che impedisse a gruppi terroristici di impadronirsi di materiale nucleare (Uranio arricchito e/o Plutonio) per la costruzione di “bombe sporche” (in grado di rilasciare grandi quantità di materiale radioattivo) o addirittura di un ordigno a fissione. 

Come prevedibile, ancor più che nel passato, i lavori del Nuclear Security Summit 2016 si sono concentrati sul pericolo del terrorismo nucleare, e gli “Action Plans” approvati alla conclusione dei lavori riguardano sostanzialmente il supporto alle Nazioni Unite, all’Interpol, al Global Initiative to Combat Nuclear Terrorism, all’IAEA di Vienna per la lotta al terrorismo nucleare (qui).

Ben poca attenzione è stata però dedicata al problema degli arsenali nucleari dei P5 (Stati Uniti, Federazione Russa, Regno Unito, Francia, Cina) nonché di India, Pakistan e Israele, e ai pericoli della proliferazione orizzontale delle armi nucleari, con l’eccezione della reiterata preoccupazione per i programmi nucleari e di sviluppo missilistico della Corea del Nord. E mi sembra chiaro che fino a che resteranno installate circa 15.000 armi nucleari, di “Sicurezza Nucleare” non ce ne sarà.

L'assenza di Vladimir Putin tra i più di cinquanta Capi di Stato riunitisi a Washington è un segno quanto mai significativo e preoccupante del cammino che ancora deve essere fatto per arrivare a quel mondo libero da armi nucleari che lo stesso presidente Obama auspicava nel suo discorso di Praga del 2009, per il quale ricevette poi il Premio Nobel per la Pace, e che è da sempre l’obiettivo delle Conferenze Pugwash e dell’Unione Scienziati Per Il Disarmo.

I Parlamentari per la Non-Proliferazione e il Disarmo Nucleare, alla vigilia dell’apertura del NSS, hanno inviato ai Capi di Stato e ai delegati una lettera aperta “Sustainable nuclear security requires universal non-proliferation controls and nuclear disarmament measures” nella quale ribadiscono che solo eliminando tutte le armi nucleari si potrà eliminare il rischio che queste siano usate da un gruppo terroristico o da uno Stato per errore o per follia.

Penso che per avviare il cammino verso un mondo libero da armi nucleare sia necessario anche il contributo della società civile, forse oggi drammaticamente disattenta nei confronti di questi problemi e pericoli e magari, in parte, anche ottusamente impegnata a fomentare razzismo e a creare nuove e mantenere vecchie ingiustizie.

Francesco Lenci, già Dirigente Ricerca CNR Membro del Council delle Pugwash Conferences e del Consiglio Scientifico dell’USPID. Le idee e le opinioni riportate in questo articolo sono personali dell'autore e non rappresentano le posizioni delle Istituzioni.

Il nuovo video di New York Times sull'Inverno nucleare.

Aiuta Scienza in Rete a crescere. Il lavoro della redazione, soprattutto in questi momenti di emergenza, è enorme. Attualmente il giornale è interamente sostenuto dall'Editore Zadig, che non ricava alcun utile da questa attività, se non il piacere di fare giornalismo scientifico rigoroso, tempestivo e indipendente. Con il tuo contributo possiamo garantire un futuro a Scienza in Rete.

E' possibile inviare i contributi attraverso Paypal cliccando sul pulsante qui sopra. Questa forma di pagamento è garantita da Paypal.

Oppure attraverso bonifico bancario (IBAN: IT78X0311101614000000002939 intestato a Zadig srl - UBI SCPA - Agenzia di Milano, Piazzale Susa 2)

altri articoli

Caldo: più di un terzo dei decessi sono causati dalle attività umane

L'aumento delle temperature medie durante le stagioni calde è una delle conseguenze del cambiamento climatico. Secondo un recente studio pubblicato su Nature Climate Change, che ha analizzato quasi trent'anni di dati giornalieri su temperatura e mortalità, quasi il 40% delle morti associate al caldo in circa 700 località del mondo tra il 1991 e il 2018 sarebbero state causate dalle attività umane. In termini assoluti, le morti osservate durante le stagioni calde sono state 1 670 000, di cui circa 26 000 causate dal caldo e fra queste quasi 10 000 sarebbero di origine antropica. L'Europa  centrale e meridionale sono le zone più vulnerabili, ma l'impatto del caldo sulla mortalità è notevole anche in paesi meno vulnerabili ma in cui gli effetti del cambiamento climatico sono già molto importanti, come per esempio il Paraguay. Nell'immagine una piazza di Montreal durante l'ondata di calore del 2011. Fonte: Nicolas Longchamps / Flickr. Licenza: CC BY-NC 2.0.

Quasi diecimila morti avvenute durante le stagioni calde tra il 1991 e il 2018 in circa 700 località distribuite in 43 paesi del mondo sarebbero attribuibili all’aumento delle temperature medie causato dall’attività umana, circa lo 0,6% del 1 670 000 decessi registrati in totale e quasi il 40% dei circa 26 000 associati al caldo.