fbpx Meno trasporto su gomma, più ricerca! | Scienza in rete
Covid-19/

Meno trasporto su gomma, più ricerca!

Tempo di lettura: 3 mins

Il Governo Monti con la spending review taglia in modo indiscriminato i fondi agli enti di ricerca, scientifici umanistici e ambientali, compromettendo importanti progetti di ricerca. I tagli previsti in tre anni ammontano a 210 milioni di euro (33.147.093 nel 2012 e 88.392.247 per il 2013 e 2014). Il Governo però decide di non togliere un solo euro ai generosi aiuti di Stato che da anni vengono elargiti agli autotrasportatori per un costo annuale di 400 milioni di euro a carico della collettività. Anzi, in modo del tutto improprio per la finalità del decreto, questa cifra viene garantita anche per l’anno 2013. Il settore del trasporto delle merci su strada contribuisce non solo all’inquinamento dell’aria e delle nostre città, ma anche alle emissioni di CO2 per le quali dovremo pagare pesanti multe se l’Italia sforerà i limiti dettati dai trattati internazionali. Nel 2010, secondo i dati Ispra, i veicoli pesanti hanno prodotto oltre 22 milioni di tonnellate di CO2. Bisognerebbe invece puntare sulla manutenzione e l’ammodernamento degli attuali 16.000 km di rete ferroviaria esistente, per un efficace riequilibrio modale, merci e passeggeri.

Per qualificare non solo a parole la spesa pubblica, chiediamo un emendamento al decreto che sposti alla ricerca una parte dei fondi destinati agli autotrasportatori, annullando così i tagli previsti. Ne beneficerebbe l’ambiente e farebbe bene alla qualità dello sviluppo tanto invocata. 

Qui è possibile firmare l'appello.

I primi firmatari:

Vincenzo  Balzani (Chimico, Professore emerito  - Università Bologna)
Carlo Bernardini (Fisico, Professore emerito - Università La Sapienza di Roma)
Luigi Campanella (Chimico, Professore emerito, Università La Sapienza di Roma)
Bernardo De Bernardinis (Presidente Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale)
Umberto Guidoni (Astronauta, Divulgatore scientifico) 
Margherita Hack (astrofisica)
Giorgio Parisi (Fisico, Professore Università La Sapienza di Roma, premio Planck per la Fisica) 
Aurelio Angelini (Sociologo, Professore Università di Palermo, Presidente Comitato Scientifico UNESCO-DESS 2005-2014)
Umberto Arena (Professore Ingegneria Chimica, Dipartimento di Scienze Ambientali, Seconda Università di Napoli)
Edoardo Bai (Epidemiologo – ISDE)
Fabrizio Bianchi(Dirigente di ricerca Cnr, Pisa)
Salvatore Bimonte (Professore Associato di Economia, Dipartimento di Economia Politica e Statistica, Università di Siena)
Enrico Bonari (Professore di Agronomia e Coltivazioni Erbacee, Direttore dell'Istituto di Scienze della Vita della Scuola superiore Sant'Anna di Pisa) 
Marcello Buiatti (Professore di Genetica, Università di Firenze)
Mario C. Cirillo (Responsabile Servizio Valutazioni Ambientali Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale)
Liliana Cori (Tecnologo CNR)
Rino Falcone (Direttore Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione del CNR)
Marco  Frey (Professore, Direttore Istituto di Management, Scuola Superiore Sant'Anna di Pisa) 
Leone Fronzoni(ricercatore Dipartimento di Fisica, Università di Pisa)
Pietro Greco (Giornalista e scrittore - Fondazione Idis-Città della Scienza - Condirettore Scienzainrete)
Ugo Leone (professore di Politica Ambientale, Università di Napoli, Presidente Ente Parco del Vesuvio)
Pietro Lucisano (Presidente corso di Laurea Magistrale Scienze dell'educazione e della formazione facoltà di Filosofia, Università degli Studi La Sapienza di Roma)
Marco Marchetti (Professore, Direttore Dipartimento di BioScienze e Territorio, Università del Molise)
Gianni Mattioli (Fisico, Professore  Università La Sapienza di Roma, presidenza Comitato Scientifico UNESCO-DESS 2005-2014)
Simonetta Monechi (Professore Dipartimento Scienze della Terra, Università di Firenze)
Enzo Naso (Ingegnere, Professore Dipartimento di Meccanica e Aeronautica, Università La Sapienza di Roma - Direttore CIRPS)
Enzo Pranzini (Professore Dipartimento Scienze della Terra, Università di Firenze)
Tommaso Ruggeri (Presidente del Consiglio Scientifico dell’INdAM Istituto nazionale di alta matematica)
Massimo Scalia (Fisico e matematico, Professore  Università La Sapienza di Roma, presidenza Comitato Scientifico UNESCO-DESS 2005-2014)
Simonetta Tunesi (Ricercatore UCL Environment Institute di Londra)
Alessandro Vercelli (Professore di Economia, Università di Siena)
Flavia Zucco (Biologa, Donne e scienza)

Aiuta Scienza in Rete a crescere. Il lavoro della redazione, soprattutto in questi momenti di emergenza, è enorme. Attualmente il giornale è interamente sostenuto dall'Editore Zadig, che non ricava alcun utile da questa attività, se non il piacere di fare giornalismo scientifico rigoroso, tempestivo e indipendente. Con il tuo contributo possiamo garantire un futuro a Scienza in Rete.

E' possibile inviare i contributi attraverso Paypal cliccando sul pulsante qui sopra. Questa forma di pagamento è garantita da Paypal.

Oppure attraverso bonifico bancario (IBAN: IT78X0311101614000000002939 intestato a Zadig srl - UBI SCPA - Agenzia di Milano, Piazzale Susa 2)

altri articoli

La progressione della seconda ondata in Italia e nelle regioni per classi di età

Composizione gruppo di lavoro AIE: Paola Angelini, Serena Broccoli (Regione Emilia-Romagna); Lucia Bisceglia, Anna Maria Nannavecchia (Regione Puglia); Federica Michieletto, Eliana Ferroni, Filippo Da Re (Regione Veneto); Salvatore Scondotto, Alessandro Arrigo (Regione Sicilia); Paolo Vineis, Carlo Di Pietrantonj (Regione Piemonte); Mario Braga, Francesco Profili (Regione Toscana); Angelo D'Argenzio, Pietro Buono, Alessandro Perrella (Regione Campania); Daniel Fiacchini, Marco Pompili (Regione Marche); Paola Michelozzi, Federica Nobile, Francesco Vairo (Regione Lazio); Marco Cristofori (Regione Umbria); Francesco Forastiere, Stefania Salmaso, Carla Ancona, AIE.

La seconda ondata della pandemia nel nostro Paese è stata caratterizzata da casi molto più giovani rispetto a quelli identificati nella prima ondata di marzo-aprile. Secondo l’ultimo report dell’ISS (18 novembre 2020), a partire dall’inizio di maggio si è verificata una diminuzione importante del numero di casi in tutte le fasce di età, con un decremento più marcato nei soggetti di età maggiore di 50 anni.