Covid-19/

Giulio Fanti contro la ritrattazione di PlosOne

Read time: 8 mins

Commento degli autori alla Retraction dell’articolo di PLOS ONE: “Atomic resolution studies detect new biologic evidences on the Turin Shroud”. The PLOS ONE Editors; Published: July 19, 2018 https://doi.org/10.1371/journal.pone.0201272


Caro Signore / Signora,

trovate nel seguito le nostre risposte alle preoccupazioni sollevate dagli editori di PLOS ONE. Vorremmo ricordare che il nostro documento è stato accettato per le pubblicazioni su PLOS ONE dopo l'arbitraggio positivo di tre arbitri per tre mesi.

Per vostra comodità, le preoccupazioni di PLOS ONE sono riportate in corsivo.

Sono state sollevate preoccupazioni sul fatto che i dati presentati in questo articolo [1] non siano sufficienti per supportare le conclusioni tratte; anche la provenienza, l'integrità e la disponibilità del materiale utilizzato per lo studio sono state messe in discussione. Alla luce di questi problemi, gli editori di PLOS ONE hanno rivalutato l'articolo pubblicato in consultazione con i membri del nostro comitato editoriale.

In [1] abbiamo dichiarato esplicitamente:

  1. "La fibra è stata fornita da B. M. Schwortz [18], come parte della Sindone di Torino Education and Research Association, Inc. (STERA Inc).
  2. Nel riferimento 18: Schwortz BM.-Mapping of Research Testpoint Aree sulla Sindone di Torino-IEEE 1982 Atti della Conferenza internazionale sulla cibernetica e la società 538-547 1982; http://www.shroud.com/mapping.htm
  3. "La Sindone di Torino Education and Research Association Inc. (STERA Inc.), rappresentata da B. Schwortz, è riconosciuta per aver fornito il nastro adesivo contenente la fibra della Sindone di Torino."

Quindi, l'origine della fibra è stata chiaramente dichiarata. L'integrità e la conservazione delle fibre sono state garantite poiché, dopo la sua estrazione dalla Sindone di Torino, è rimasta annegata tra il nastro adesivo e un vetrino da microscopio fino alla sua rimozione da parte di G. Fanti. Quindi, la fibra incontaminata è stata studiata da TEM senza alcun altro trattamento del campione grazie ad un recente metodo sviluppato nel nostro laboratorio per lo studio di materiali sensibili alle radiazioni da parte di elettroni ad alta energia in un TEM / STEM.

Sulla base della nostra valutazione interna e dei consigli ricevuti dai membri del comitato editoriale, gli editori di PLOS ONE temono che non ci siano controlli sufficienti per supportare le conclusioni relative al sangue umano o ai traumi fisici. Ad esempio, i controlli dell'inchiostro periodico e del sangue animale non sono stati inclusi nelle analisi di diffrazione e STEM, come sarebbe stato necessario per escludere interpretazioni alternative riguardanti il ​​materiale sulla fibra, e i risultati della creatinina non forniscono prove definitive di traumi o violenze.

Entrambi modelli di diffrazione elettronica bidimensionale e le trasformazioni di Fourier delle immagini di microscopia elettronica a trasmissione ad alta risoluzione, acquisite nell'area della fibra che appare pulita al microscopio ottico e prese in diversi orientamenti delle zone, consentono di riconoscere senza dubbi un composto chimico/biologico. I dati di diffrazione sperimentale sono stati anche confrontati con successo con le simulazioni pertinenti, come procedura ben stabilita in esperimenti accurati TEM / STEM. Le nostre analisi nello spazio di Fourier, riportate in [1] e nel file di informazioni di supporto, hanno mostrato chiaramente che i nostri dati sperimentali sono compatibili con la creatinina avente nuclei di ferriidrato all'interno. Le nanoparticelle osservate non sono compatibili con pigmenti, inchiostri e altri composti chimici/biologici, come esplicitamente spiegato in [1] (vedi pagina 7 e rif 13, 17 36 e 37). La creatinina si trova anche nel sudore, ma abbiamo trovato "creatinina legata a ossido di ferro, nuclei di ferritina". Questo è un composto diverso con una presenza trascurabile in organismi sani mentre può essere trovato in modo consistente solo nel siero del sangue in condizioni patologiche che producono la rottura delle cellule e l'interazione nel flusso sanguigno tra la creatinina e i gruppi di ferriidrati contenuti nella ferritina. Questo composto potrebbe essere correlato solo a una malattia renale acuta, conseguenza della rabdomiolisi. Questo è uno dei motivi per cui molti feriti in incidenti gravi potrebbero morire per malattie renali. Questa scoperta può essere collegata a un forte politrauma e che non può essere spiegata supponendo la contaminazione semplice con il sangue di qualcuno abbia accidentalmente toccato la Sindone di Torino mentre sanguinava. Potrebbe essere sangue animale. Ma, se fosse il caso, l'animale avrebbe subito un forte politrauma. Questo chiamerebbe l'intenzione di un artista di produrre un artefatto; ma perché dovrebbe usare il siero del sangue dopo la tortura? Dovremmo pensare che un artista nel Medioevo usasse il siero di sangue di una persona o di un animale torturato per produrre il modello esatto che qualcuno, usando l'attrezzatura e le tecnologie di molti secoli dopo, avrebbe rilevato? Le conclusioni scientifiche si basano su prove e logica. Questo è stato esplicitamente segnalato in [1].

Pertanto, riteniamo che le principali conclusioni dell'articolo, incluse le seguenti affermazioni, non siano sufficientemente supportate:
"Sulla base delle prove sperimentali dei nostri studi TEM con risoluzione atomica, l'uomo avvolto nella ST ha sofferto di un forte politrauma"
"La fibra era impregnata di un siero di sangue tipico di un organismo umano che ha subito un forte trauma"
"Su scala nanometrica è codificato uno scenario di grande sofferenza registrato sulle nanoparticelle attaccate alle fibre di lino.

Queste conclusioni sono raggiunte secondo le evidenze fornite nel documento, che nessuno ha scientificamente contraddetto e seguendo la logica che rende improbabile un'opera d'arte fatta da qualcuno in grado di prevedere l'evoluzione scientifica nel 21° secolo. Tuttavia, abbiamo anche proposto di riformulare queste frasi come segue, per attenuare le conclusioni:

"Sulla base delle prove sperimentali dei nostri studi TEM con risoluzione atomica, l'uomo avvolto nel TS potrebbe aver subito un forte politrauma".
"La fibra era impregnata di un siero di sangue tipico di un organismo che potrebbe aver subito un forte trauma"
"Su scala nanometrica potrebbe essere codificato uno scenario di grande sofferenza registrato sulle nanoparticelle attaccate alle fibre di lino".

Ma, per gli editori di PLOS ONE, anche queste blande affermazioni sono state considerate inappropriate.

Inoltre, i risultati di questo articolo sono stati basati sull'analisi di una singola fibra (circa 1 mm di lunghezza e 15 μm di diametro) dalla Sindone di Torino. La dipendenza da una singola piccola fibra prelevata dalla Sindone di Torino nel 1978 mette in discussione la validità delle affermazioni nelle sezioni Risultati e Conclusioni che mettono a confronto le nuove scoperte con quelle riportate negli studi precedenti sulla Sindone di Torino. Non è stato dimostrato che i risultati della fibra utilizzata nell'articolo di PLOS ONE possano essere generalizzati come applicabili ad altri campioni prelevati dalla Sindone di Torino, o che la contaminazione del campione possa essere esclusa.

Tutti gli esperimenti TEM fatti in tutto il mondo non vengono eseguiti su volumi macroscopici; quello che è sempre importante è che il campione deve essere rappresentativo del materiale in studio e che l'esperimento deve essere eseguito su centinaia di aree del campione per avere un risultato significativo in termini statistici. Sicuramente, non ha senso che una singola piccola fibra del tessuto fosse bagnata dal siero di una persona morta con gravi problemi ai reni e che nel tessuto di lino non ci fossero altre fibre bagnate da questo siero. Certo, i nostri esperimenti non possono dire chi sia questa persona e quando fosse avvolto nel tessuto di lino. Per quanto riguarda la statistica degli esperimenti, abbiamo eseguito centinaia di esperimenti TEM, come al solito in accurati esperimenti TEM, su diverse particelle della fibra che indicizzano diversi assi di zona della creatinina legata al ferriidrato [1]. Gli esperimenti sono riproducibili, STERA ha alcune fibre e la Sindone di Torino è di proprietà del Vaticano. Gli interessati dovrebbero chiedere a loro i campioni. Abbiamo anche offerto la fibra utilizzata per il nostro studio per riprodurre o contraddire i nostri esperimenti in modo non distruttivo.

Inoltre, la dichiarazione Interessi in competizione per questo articolo [1] avrebbe dovuto dichiarare che il campione è stato fornito dalla Sindone di Torino Education and Research Association Inc. (STERA).

Come riportato sopra, abbiamo scritto tre volte che il modello è stato fornito da STERA. Non abbiamo segnalato nella sezione conflitto di interessi un conflitto di interessi con STERA, semplicemente perché STERA non ha dato alcun contributo sugli esperimenti, la loro interpretazione e la scrittura del documento. Tuttavia, abbiamo anche proposto di aggiungere un erratum nel documento per il conflitto di interessi, ma questo non è stato accettato da PLOS ONE.

Questi sono i motivi per cui non siamo d'accordo con le ritrattazioni.


Ulteriori commenti da parte di Giulio Fanti

Se si fosse parlato del tessuto di lino usato per avvolgere Tutankhamon non sarebbe sorto alcun problema, ma nel caso in questione molti pensano a Gesù Cristo. Se non si tiene separato l’aspetto scientifico da quello religioso possono infatti arrivare decisioni orientate all’obiettivo e quindi non scientifiche.

Nel caso si ipotizzasse il sangue di un animale, questo animale avrebbe dovuto subire forti traumi, non facili da giustificare.

Oltre a questa fibra di lino sotto esame, ne sono state già analizzate altre in [2], provenienti dalla stessa area; per queste è stato chiaramente dimostrato che le fibre analizzate contengono un particolare tipo di sangue (esposto a fonti di calore come quella del fuoco di Chambéry).

A conferma di questo studio, un altro lavoro [4] ha rilevato la presenza di emoderivati (biliverdina) proprio da fibre di lino sindoniche prelevate dalla stesa area.

Queste conclusioni emergono da decenni di studi su questo argomento e altre pubblicazioni (vedi per esempio [3] con i riferimenti ivi contenuti) hanno rivelato che in realtà la Sindone ha realmente avvolto un uomo e che quest’uomo morì dopo pesanti torture.

Altri autori potranno ripetere esperimenti simili per confermare o meno i nostri risultati, scoprire altri composti chimici / biologici, analizzare le fibre su scala nanometrica, ma in ambiente medico si dice che un singolo globulo rosso implica la presenza di sangue.

Bibliografia
1. Carlino E, De Caro L, Giannini C, Fanti G (2017) Atomic resolution studies detect new biologic evidences on the Turin Shroud. PLoS ONE 12(6): e0180487. https://doi.org/10.1371/journal.pone.0180487 pmid:28666007
2. Fanti G., Zagotto G., “Blood reinforced by pigments in the reddish stains of the Turin Shroud”, Journal of Cultural Heritage (2017), DOI: 10.1016/j.culher.2016.12.012 , http://www.sciencedirect.com/science/article/pii/S1296207417300092
3. Fanti G., Malfi P., “The Shroud of Turin – First century After Christ!”, Pan Stanford Publishing Pte. Ltd., Singapore, 2015.
4. Laude Jean-Pierre & G. Fanti, “Raman and Energy Dispersive Spectroscopy (EDS) Analyses of a Microsubstance Adhering to a Fiber of the Turin Shroud”, Applied Spectroscopy (2017), Vol. 71(10) 2313–2324 DOI: 10.1177/0003702817715291

Aiuta Scienza in Rete a crescere. Il lavoro della redazione, soprattutto in questi momenti di emergenza, è enorme. Attualmente il giornale è interamente sostenuto dall'Editore Zadig, che non ricava alcun utile da questa attività, se non il piacere di fare giornalismo scientifico rigoroso, tempestivo e indipendente. Con il tuo contributo possiamo garantire un futuro a Scienza in Rete.

E' possibile inviare i contributi attraverso Paypal cliccando sul pulsante qui sopra. Questa forma di pagamento è garantita da Paypal.

Oppure attraverso bonifico bancario (IBAN: IT78X0311101614000000002939 intestato a Zadig srl - UBI SCPA - Agenzia di Milano, Piazzale Susa 2)