fbpx ERC: formidabili gli italiani, ma all'estero | Scienza in rete
SciRe/

ERC: formidabili gli italiani, ma all'estero

Tempo di lettura: 3 mins

"Preparing Scientific Equipment". Credit: photo by National Eye Institute - Licenza: CC BY-SA 2.0.

 

 

 

I ricercatori italiani? I più bravi di tutti, in termini relativi. L’Italia della scienza: non vuole venirci nessuno. Questa è - ancora una volta - la fotografia estrema che emerge dai dati statistici dei Consolidator Grants appena assegnati dell’European Research Council. Si tratta di fondi assegnati a progetti presentati da ricercatori europei e non con esperienza di ricerca successiva al PhD tra 7 e 12 anni da spendersi in uno dei paesi europei.

Come mostrato nella figura 1, quest’anno sono state presentati 2.538 progetti: la maggior parte (45%) nelle scienze fisiche e ingegneristiche, seguiti da quelli in scienza della vita (31%) e infine dalle scienza sociali e umane (24%). Sono stati selezionati e hanno vinto grant fino a 2 milioni di euro 329 progetti (il 13% di quelli presentati). Per la maggior parte, (46%) il successo ha arriso ai progetti in fisica e ingegneria; il 31% il grant è andato a progetti in scienze della vita e il 23% a progetti in scienze sociali e umanistiche. Insomma, il successo nei tre settori è stato assolutamente proporzionale ai progetti presentati.

La selezione, dunque, è stata altissima. Ed è stata effettuata solo sulla base del merito. Senza riguardo alcuno alle nazionalità dei candidati.

Figura 1

Ma i dati più interessanti, per quanto riguarda il nostro paese, sono evidenti in figura 2: quelli relativi alla distribuzione per nazionalità dei vincitori. Ebbene, in termini assoluti i ricercatori - con 33 progetti vincitori - sono secondi solo ai colleghi tedeschi (55 vincitori). Ma tenuto conto che in Germania la comunità scientifica è almeno quattro volte superiore a quella italiana e, soprattutto, è più ricca, potendo contare su investimenti rispetto al Pil del 2,9%, contro l’1,3% dell’Italia, possiamo ben dire che, in termini relativi, gli italiani sono primi.

D’altra parte, anche in termini assoluti, hanno preceduto francesi e inglesi, che, ancora una volta, sono in comunità ben più numerose e ricche di quella italiana. Dunque, i ricercatori italiani si sono dimostrati i più bravi di tutti. Non è la prima volta.

Ma qui terminano le note positive. Tra i vincitori italiani il numero di donne è molto basso. C’è un tetto di cristallo che ancora impedisce alla ricercatrici italiane di imporsi.

Figura 2

Ora, diamo uno sguardo alla figura 3, quella che prende in considerazione i paesi dove i vincitori andranno a spendere i loro grant. La situazione cambia radicalmente. Spenderanno i loro soldi in Italia solo 14 tra i vincitori. E sono tutti italiani. Questo dato ha due risvolti. Su 33 italiani vincitori, ben 19 (il 58%) andranno a lavorare all’estero. In nessun altro paese la fuoriuscita è stata così imponente sia in termini assoluti che in termini relativi.

Ma c’è un aspetto del dato ancora peggiore, se possibile. Nessun ricercatore straniero ha scelto l’Italia come paese dove spendere il suo grant.

L’insieme di questi dati parla, ancora una volta, chiarissimo. I ricercatori italiani sono molto bravi, tra i più bravi al mondo. Ma il sistema Italia non ha alcun appeal: né per gli italiani né per gli stranieri

Figura 3

La maggior parte dei ricercatori scegli paesi ben più attrezzati. Il Regno Unito, malgrado la Brexit; la stessa Germania; la Francia; ma anhe l’Olanda o la Svizzera. Ma anche l’Austra, la Danimarca, il Belgio.

Eppure nel nostro paese esistono istituzioni scientifiche di valore assoluto. Uno per tutti, il Laboratorio Nazionale del Gran Sasso, tra i piùgrandi centri sotterranei di ricerca al mondo.

Occorrerebbe una riflessione ampia e seria di tutto il Paese su questa dicotomia: i ricercatori italiani bravissimi, il sistema Italia senza nessun appeal. La contraddizione è così stridente, che difficilmente potrà durare a lungo. Dobbiamo scegliere: o puntare sui nostri bravissimi ricercatori e ribaltare la situazione del sistema Italia, o rassegnarci al declino scientifico pressoché totale.

Aiuta Scienza in Rete a crescere. Il lavoro della redazione, soprattutto in questi momenti di emergenza, è enorme. Attualmente il giornale è interamente sostenuto dall'Editore Zadig, che non ricava alcun utile da questa attività, se non il piacere di fare giornalismo scientifico rigoroso, tempestivo e indipendente. Con il tuo contributo possiamo garantire un futuro a Scienza in Rete.

E' possibile inviare i contributi attraverso Paypal cliccando sul pulsante qui sopra. Questa forma di pagamento è garantita da Paypal.

Oppure attraverso bonifico bancario (IBAN: IT78X0311101614000000002939 intestato a Zadig srl - UBI SCPA - Agenzia di Milano, Piazzale Susa 2)

altri articoli

Biodinamico: se la politica perde i riferimenti della realtà

Il DDL 988 approvato dal Senato il 20 maggio scorso e ora in attesa di essere discusso alla Camera, ha suscitato le critiche della comunità scientifica riguardo alla proposta di equiparare le pratiche dell'agricoltura biodinamica a quelle biologiche. Anche l'Accademia dei Lincei si è schierata contro, con un comunicato molto duro in cui chiede alla Camera di evitare che "pratiche basate su insensate credenze esoterico/astrologiche che sembrano uscite da un trattato di stregoneria" vengano finanziate dai cittadini di un paese che fa parte del G8 e ora presiede il G20. Ma, denuncia Rino Falcone, il sostegno dell'agricoltura biodinamica denuncia l'affermazione di un pensiero post-scientifico che si materializza nelle parole di Carlo Petrini, fondatore del movimento Slow Food, in un recente commento "è il lavoro contadino che sfama il mondo, e non la scienza, che deve quindi essere supporto e non egemonia". 

Immagine di Pixabay.

Pochi giorni fa, il 13 giugno 2021, la Commissione Ricerca dell’Accademia dei Lincei, con un atto assai irrituale rispetto alle cautele che sempre ne hanno caratterizzato la propria azione, si è pronunciata con un comunicato durissimo nei riguardi del DDL 988 approvato dal Senato della Repubblica il 20 maggio e che norma l’agricoltura biologica inserendo però nella Legge anche una equiparazione con la cosiddetta “agricoltura biodinamica”.