Così va il mondo della ricerca

Tempo di lettura: 4 mins

L’evoluzione del sistema di ricerca scientifica e sviluppo tecnologico (R&S) nel mondo non è stato intaccato dalla crisi economica e finanziaria che nell’anno che si va chiudendo, il 2009, ha raggiunto il suo apice.

Tuttavia il sistema della ricerca globale ha subito una profonda ristrutturazione al suo interno. La geopolitica della ricerca ha subito una nuova, drastica accelerazione. Si è riequilibrato il rapporto tra investimenti pubblici e privati. Si accentua la fatica con cui l’Europa in generale e l’Italia in particolare reggono il passo del resto del mondo.

Nel 2010 assisteremo a una ripresa degli investimenti globali in R&S, ma all’interno del nuovo quadro geopolitico, che ormai si va stabilizzando.

Sono queste, in estrema sintesi, le conclusioni che possiamo trarre dalla lettura del 2010 Global R&D Global Forecast, il nuovo rapporto annuale pubblicato nei giorni scorsi dalla rivista R&D Magazine.

Che il sistema globale della ricerca scientifica e dello sviluppo tecnologico non sia stato attaccato dalla crisi, lo dimostra i fatto che gli investimenti in R&S realizzati nel 2009 ammontano a 1112,5 miliardi di dollari (calcolati a potere di acquisto equivalente delle monete), contro i 1125,8 del 2008. L’erosione c’è stata. Ma solo dello 0,8%, a fronte di una diminuzione della ricchezza prodotta (PIL mondiale) che – ove si escludano due paesi, Cina e India – ha superato il 3,5%. Questa asimmetria indica che la ricerca e sviluppo si è imposta come uno delle principali strumenti anticrisi. Ormai gli investimenti in R&S ammontano stabilmente al 2% del PIL Mondiale (l’1,97%, per la precisione, nel 2009).

Ma questa sostanziale stabilità a livelli piuttosto alti degli investimenti, nasconde una profonda ristrutturazione geopolitica della R&S. In due soli paesi, Cina e India, gli investimenti sono aumentati. Anzi, sono fortemente aumentati: del 5,4% in India e addirittura del 20,9% in Cina. Negli altri 38 paesi presi in esame dagli esperti del R&D Magazine gli investimenti sono complessivamente diminuiti. E piuttosto seccamente: del 3,1% (in ogni caso gli investimenti in R&S sono diminuiti meno del PIL). Questa netta divergenza tra Cindia (Cina e India) e il resto del mondo conferma il progressivo spostamento verso il Pacifico dell’asse scientifico del mondo.

Ormai l’Asia investe in termini assoluti quasi quanto gli Stati Uniti (370 miliardi complessivi contro i 389 degli Usa, nel 2009) e in termini relativi è in un allineamento quasi perfetto con la media mondiale: 1,95% rispetto al PIL. Questa tendenza è rafforzata dal fatto che la Corea del Sud nel 2009 ha superato la Francia per investimenti assoluti in R&S, ormai, tra i cinque paesi che investono di più in R&S tre sono asiatici (Giappone, Cina e Corea del Sud, appunto). Se poi si tiene conto non solo del capitale finanziario, ma anche del capitale umano, l’Asia è ormai il contenente dove vive la maggioranza relativa degli scienziati e dei tecnici di tutto il mondo.

Una secondo elemento che si è imposto nel 2009 è un parziale riequilibrio tra investimenti pubblici e investimenti privati in R&S. La tendenza, in quasi tutto il mondo, è a un aumento della spesa pubblica. Gli investimenti in R&S (e in formazione) hanno assunto una funzione keynesiana e sono entrati a far parte dei «programmi di stimolo» in molti paesi, dagli Usa alla Cina, dalla Svezia, alla Germania, alla Francia. Nel medesimo tempo si è avuta una diminuzione degli investimenti in R&S delle imprese private, soprattutto nei paesi a economia matura (Usa, Giappone, Europa).

Già, l’Europa. I dati lo confermano: il Vecchio Continente non ce la fa a tenere il passo del resto del mondo. Gli investimenti in R&S in Europa ammontano all’1,69% del PIL. Meno – ormai significativamente meno – della media mondiale. In termini assoluti, l’Europa continua a perdere terreno: ormai i suoi investimenti rappresentano il 24,0% del totale mondiale, contro il 33,5% dell’Asia e il 39,4% delle Americhe. Ma il guaio è che la tendenza è verso un’ulteriore perdita di posizioni. Solo la Germania e i paesi del Nord Europa riescono a tenere il passo del resto del mondo. Il distacco dei paesi del Sud d’Europa è, invece, sempre più evidente.

L’Italia, in particolare, continua ad arrancare. Gli investimenti in R&S nel nostro paese nel 2009 ammontano a 18.684 milioni di dollari: ben 994 milioni in meno rispetto al 2008. Il taglio, secco, è stato di oltre il 5%. Ormai, con un’intensità di investimenti che non va oltre l’1,08% rispetto al PIL, il nostro paese investe oltre un terzo in meno della media europea e quasi la metà in meno della media mondiale. Di più: poiché la diminuzione degli investimenti in R&S è stata superiore alla diminuzione del PIL, il nostro paese sta accentuando e non riducendo la distanza che lo separa dall’economia della conoscenza, ritenuta in tutto il mondo l’economia del futuro.

A proposito di futuro, quali sono le previsioni per il prossimo anno? Gli esperti del R&D Magazine ritengono che nel 2010 ci sarà una ripresa degli investimenti mondiali in ricerca e sviluppo. L’aumento sarà del 4%. Che l’intensità degli investimenti sarà sostanzialmente stabile nelle economie mature, ma crescerà ancora molto rapidamente in Cina, in India e nelle altre economie emergenti. Che l’Europa continuerà a perdere terreno, vedendo (definitivamente?) allontanarsi l’obiettivo di Lisbona. Ormai è certo: nel 2010 l’Unione non sarà l’area leader al mondo dell’economia e della società della conoscenza.

Articoli correlati

altri articoli

Sperimentazione animale, i benefici per gli animali non umani

Un aspetto che spesso non emerge nel dibattito sulla sperimentazione animale è quello relativo alle ricadute benefiche che tale sperimentazione può avere sugli animali stessi. In questo articolo ne raccogliamo alcuni: dai farmaci a uso veterinario a quelli che, nati per la medicina umana (su cui si concentra la maggior parte degli sforzi della ricerca), oggi possono sono impiegati per la cura e la terapia degli animali non umani, fino agli esempi di come la sperimentazione consenta anche alcune strategia di conservazione per gli animali a rischio. Naturalmente, tali esempi non sono un motivo per non investire sullo sviluppo di nuovi metodi, ma vogliono rappresentare uno spunto di riflessione nell'analisi costi-benefici che la sperimentazione animale, un argomento complesso in cui s'intrecciano etica, economia e politica, porta con sé.
Crediti immagine: J C/Pixabay. Licenza: Pixabay License

Parlare di sperimentazione animale significa parlare di un argomento davvero complesso. Chiama in causa aspetti etici, economici e politici intersecati tra loro, che influenzano fortemente la ricerca scientifica e, di conseguenza, il benessere dell'essere umano. Ma solo di quest'ultimo? Nel dibattito sulla sperimentazione animale che si ritrova tanto spesso nella cronaca, un aspetto a volte trascurato è che, nell'analisi costi-benefici, tra i benefici può rientrare anche, in alcuni casi, lo sviluppo di farmaci (e non solo) a uso veterinario.