fbpx Continuare a studiare dopo la laurea: quanto pesano le differenze di reddito | Scienza in rete
Covid-19/

Continuare a studiare dopo la laurea: quanto pesano le differenze di reddito

Tempo di lettura: 3 mins

In Italia, lo sappiamo, ci sono pochi laureati rispetto agli altri paesi europei. Ci sono però altri due aspetti che vengono solitamente meno sottolineati: il primo è che dal 2007 a oggi sono sempre meno i giovani che decidono di proseguire gli studi dopo la laurea, il secondo è la scarsa mobilità sociale del sistema universitario italiano, che fa sì che statisticamente chi proviene da contesti familiari meno favorevoli finisca per accontentarsi di un titolo di studio inferiore. Insomma, nonostante il sistema universitario italiano grazie a borse di studio e case dello studente favorisca l'accesso alla migliore istruzione di chi ha meno possibilità meglio di come fanno altri paesi, non si può proprio dire che produca come output una reale equità. I dati di cui stiamo parlando sono quelli raccolti da Almalaurea, pubblicati alla fine di aprile, e riguardano il 2015.

Aumenta chi si ferma dopo la laurea triennale

Nel 2015 i laureati che hanno dichiarato di non voler proseguire gli studi sono il 24% tra i laureati di primo livello (nel 2007 questa fetta rappresentava il 21% dei laureati triennali) e il 56% dei laureati di secondo livello, cioè fra magistrali biennali e a ciclo unico. Nel 2007 a non voler proseguire era il 50% del totale.

Un trend che si esprime anche nella scelta sempre più massiccia fra i laureati triennali di optare per un master di primo livello, quindi per un percorso più professionalizzante rispetto a una laurea magistrale. Si tratta di un dato che a pensarci bene non deve stupire, dal momento che come sottolineano diversi report su giovani e lavoro, il problema dell'università italiana è proprio la scarsa formazione professionale di laureati e diplomati, che li rende meno appetibili dei colleghi stranieri sul mercato del lavoro.

Chi viene da famiglie meno abbienti si ferma prima

Secondo gli ultimi dati OECD, nel 2015 la metà dei laureati italiani fra i 25 e i 34 anni ha lo stesso grado di istruzione dei propri genitori, e considerato lo scarso livello di studio medio degli italiani, di sicuro per noi non è una buona notizia. In realtà però quest'ultimo dato è il corollario. Il teorema è un altro: ancora oggi chi proviene da famiglie più istruite è più propenso a proseguire gli studi dopo la laurea o a intraprendere percorsi di studio più lunghi, le famose “lauree a ciclo unico”, come medicina e giurisprudenza. Un dato su tutti: il 43% dei laureati in medicina proviene da classi sociali elevate (cioè con entrambi i genitori laureati), e in generale il 34% degli iscritti a corsi di laurea magistrale a ciclo unico.

 

 

I figli di genitori che lavorano nell' “esecutivo” - come li definisce Almalaurea – rappresentano infatti il 22% dei laureati e sono più presenti in percentuale fra le lauree di primo livello rispetto ai livelli superiori. In particolare sono il 24% dei laureati dei corsi di primo livello, il 21% dei laureati magistrali biennali, solo il 15% dei laureati magistrali a ciclo unico. Per contro, i figli di famiglie più benestanti incidono sempre per il 22% sul totale dei laureati, ma in proporzione inversa: essi sono il 20% dei laureati di primo livello, il 22% dei magistrali biennali, e – come si diceva - il 34% fra i laureati magistrali a ciclo unico. Se vogliamo raggiungere gli standard europei, che prevedono almeno un 37% di laureati sull'intera popolazione (noi attualmente siamo al 24%, peggio di noi solo la Turchia) dobbiamo ripartire anche da qui.

@CristinaDaRold

Aiuta Scienza in Rete a crescere. Il lavoro della redazione, soprattutto in questi momenti di emergenza, è enorme. Attualmente il giornale è interamente sostenuto dall'Editore Zadig, che non ricava alcun utile da questa attività, se non il piacere di fare giornalismo scientifico rigoroso, tempestivo e indipendente. Con il tuo contributo possiamo garantire un futuro a Scienza in Rete.

E' possibile inviare i contributi attraverso Paypal cliccando sul pulsante qui sopra. Questa forma di pagamento è garantita da Paypal.

Oppure attraverso bonifico bancario (IBAN: IT78X0311101614000000002939 intestato a Zadig srl - UBI SCPA - Agenzia di Milano, Piazzale Susa 2)

altri articoli

Uno screening può aiutare a mantenere aperte le scuole? L'esperienza del Piemonte

Il programma di screening Scuola Sicura è stato avviato sperimentalmente nei primi tre mesi del 2021, in aggiunta alle correnti procedure di sorveglianza e contact tracing, per gli studenti iscritti alle classi seconde e terze delle scuole secondarie di primo grado della regione Piemonte. Si tratta di un lavoro di stretta collaborazione tra scuola e ASL per ridurre la trasmissione del contagio e concorrere a mantenere le scuole aperte: i primi risultati, che evidenziano le criticità cui far fronte, sono incoraggianti e dimostrano che un programma di screening nelle scuole può essere implementato a patto che venga effettuato in modo organizzato e che si ponga attenzione in particolare alle modalità di coinvolgimento di scuole e studenti, alle strategie di testing, all’organizzazione e al sistema informativo che lo deve sostenere.

Crediti immagine: School photo created by freepik - www.freepik.com

Un gruppo di cinque bambini dell’Istituto Nigra di Torino sono accompagnati dai loro genitori presso l’hot spot del poliambulatorio di Via Le Chiuse per eseguire un tampone per Covid-19. Non hanno sintomi e non sono contatti di caso, ma partecipano al programma di screening Scuola Sicura deliberato dalla Regione Piemonte a inizio 2021. Fanno parte del gruppo A della loro classe; la settimana prossima sarà testato il gruppo B e così via fino alla fine del mese.