Combattere le nuove epidemie globali investendo a livello locale

Read time: 4 mins

La dura e dolorosa lezione del non ancora spento “outbreak” del virus Ebola e di altre recenti epidemie virali (SARS, MERS, Chikungunya, influenza e, ovviamente, HIV/AIDS) dimostra quanto la comunità globale sia vulnerabile alle infezioni virali e quanto rapidamente un focolaio d’infezione in un angolo del mondo possa mettere a rischio l’operatività e la salute di persone geograficamente molto distanti da esso.

La maggior parte dei recenti richiami ad agire per combattere le epidemie virali hanno sottolineato la necessità di aumentare la nostra capacità diagnostica a livello globale e d’individuare gruppi di esperti che possano recarsi rapidamente nei luoghi in cui sono segnalati nuovi focolai d’infezione. Sebbene questi sforzi siano importanti, il Global Virus Network (GVN), un’organizzazione non-profit con centro logistico a Baltimora, Maryland (USA), ritiene che l’approccio più efficace per combattere le nuove epidemie sia potenziare la formazione culturale e pratica di virologi medici (e figure professionalmente correlate) in ogni nazione.
Le sfide locali, infatti,  devono essere affrontate con sensibilità culturale grazie ad esperti del posto e sul posto per non correre il rischio di perdere rapidamente la fiducia di quelle figure chiave atte a garantire che le misure di prevenzione siano effettivamente disponibili. Riteniamo infatti che sia la cultura scientifica di ogni nazione, adeguatamente sostenuta e finanziata, la maggior speranza e garanzia contro le pandemie virali.

Un esempio dell’impatto positivo dell’investimento e sostegno di una massa critica di virologi altamente qualificati in nazioni economicamente in difficoltà proviene dall’esperienza di contenimento dell’epidemia di Ebola in Nigeria lo scorso anno, un autentico miracolo avvenuto nella più popolosa nazione Africana. La risposta nigeriana ad Ebola si è sviluppata infatti sfruttando infrastrutture costruite grazie ad un investimento decennale con fondi dello “U.S. President’s Emergency Plan for AIDS Relief” e dei National Institutes of Health (NIH) per lo sviluppo di competenze Nigeriane locali. Quando l’epidemia di Ebola ha attraversato i confini a causa di comunicazioni aeree con le zone colpite dalla malattia, due medici Americani (Abdulsalama Nasidi, virologo formatosi all’Università del Maryland a Baltimora, e John Vertefeuille, epidemiologo dei “Centers for Disease Control and Prevention”, CDC) già presenti in Nigeria con il loro team sono riusciti a rintracciare rapidamente 895 contatti di 19 casi d’infezione confermati in laboratorio e contratti da una singola persona(caso indice). Ciò ha comportato 18.500 interviste individuali che hanno permesso di controllare localmente ed evitare l’insorgenza di una situazione caotica, come avvenuto nei paesi vicini non dotati di simili infrastrutture.
La chiave di volta di questa risposta efficace è stata quindi avere una squadra operativa comprensiva di un esperto epidemiologo e di un virologo preparato già presente sul territorio interessato dal focolaio epidemico ed in grado di diagnosticare rapidamente e contenere i casi individuali,prevenendo così una possibile, probabile catastrofe nazionale.

Il Global Virus Network  include esperti internazionalmente conosciuti in ogni categoria di patogeni virali che infettano l’uomo e operanti in 25 nazioni, Italia inclusa. Il GVN crede fermamente che la formazione dei virologi medici a livello globale sia la solida base per sviluppare sistemi e processi di risposta globale alle emergenze sanitarie, come invocato recentemente da Bill Gates nel suo editoriale sul New England Journal of Medicine e da Jim Kim, presidente della World Bank, in un editoriale pubblicato sul New York Times.

Per cogliere questo particolare momento storico e facilitare la capacità di risposta alle infezioni virali emergenti desideriamo stimolare gli uomini politici nazionali e globali, i leader mondiali dell’industria e dell’accademia affinché aumentino le risorse per la formazione della prossima generazione di virologi medici considerandoli un elemento strategico della preparazione complessiva di una risposta a livello globale alle pandemie prossime venture.I virologi di maggior spicco dovrebbero raddoppiare i loro sforzi per motivare le future generazioni a perseguire una carriera nell’ambito virologico-medico, mentre i leader di governo e del settore privato dovrebbero incrementare i loro investimenti nella formazione di queste figure. Agendo insieme e con urgenza possiamo mettere in sicurezza il nostro futuro dalle possibili epidemie virali formando e finanziando una massa critica di virologi esperti a livello globale. In assenza di loro saremo tutti a rischio.

di Robert C. Gallo, N. Scott Fine, Diane E. Griffin, Sharon H. Hrynkow e Umberto Bertazzoni

(testo originale adattato e tradotto da Guido Poli)

Articoli correlati

altri articoli

Le notizie di scienza della settimana #104

Il biologo molecolare russo Denis Rebrikov ha dichiarato che ha intenzione di impiantare nell'utero di una donna embrioni geneticamente modificati con la tecnica CRIPSR entro la fine dell'anno. L'obiettivo sarebbe quello di prevenire che la madre, colpita da una forma di HIV resistente ai farmaci antiretrovirali, trasmetta il virus ai propri figli. Per farlo, Rebrikov userebbe la tecnica CRISPR-Cas9 per disattivare il gene CCR5, in modo simile a quanto fatto dallo scienziato cinese He Jiankui che lo scorso novembre aveva annunciato di essere stato il primo a far nascere una coppia di gemelle con questo procedimento (He voleva però evitare la trasmissione del virus dell'HIV dal padre alle figlie). La legislazione russa proibisce l'editing del genoma umano in senso generale, ma la legge sulla fertilizzazione in vitro non vi fa esplicito riferimento, e dunque Rebrikov potrebbe trovarsi di fronte un vuoto normativo che conta di colmare chiedendo l'autorizzazione di una serie di agenzie governative, a partire dal Ministero della salute. Scienziati ed esperti di bioetica si dicono preoccupati. La tecnologia non è ancora matura, motivo per cui qualche mese fa un gruppo di importanti ricercatori del campo avevano chiesto di mettere a punto una moratoria sul suo utilizzo in embrioni destinati all'impianto in utero. Non è chiaro poi se i rischi superino i benefici. In primo luogo, la disattivazione del gene CCR5 protegge dalla trasmissione del virus dell'HIV nel 90% dei casi. In secondo luogo, il rischio di mutazioni off-target e on-target indesiderate è ancora molto alto. Rebrikov sostiene che la sua tecnica ne riduca drasticamente la frequenza, ma finora non ha pubblicato alcuno studio scientifico che lo dimostri. Nell'immagine: lo sviluppo di embrioni umani geneticamente modificati con la tecnica CRISPR per correggere una mutazione responsabile della cardiomiopatia ipertrofica (lo studio, condotto nel laboratorio di Shoukhrat Mitalipov presso la Oregon Science and Health University di Portland, risale al 2017 ed è stato pubblicato su Nature). Credit: Oregon Science and Health University. Licenza: OHSU photos usage

Dove finisce la plastica dei ricchi?

Ogni anno gli Stati Uniti producono 34,5 milioni di tonnellate di rifiuti di plastica. 1 milione di tonnellate vengono spedite fuori dal continente. Fino a qualche anno fa la maggior parte veniva spedita in Cina e Hong Kong, ma nel 2017 la Cina ha chiuso le porte a questo tipo di importazioni, autorizzando solo l'arrivo della plastica più pulita e dunque più facile da riciclare.