Covid-19/

Il CNR nel Settimo Programma Quadro

Tempo di lettura: 2 mins

Nell’ambito del Settimo Programma Quadro (7PQ) dell’Unione Europea il CNR si conferma, tra gli Enti di ricerca Italiani, primo per numero di progetti approvati, e ai primi posti tra gli Enti di ricerca stranieri maggiormente impegnati nelle attività di R&ST.

Dall’inizio del 7PQ (2007) a gennaio 2014 (il 7PQ si è concluso, gli ultimi bandi sono stati pubblicati a dicembre 2013), gli Istituti del CNR hanno visto approvare 642 progetti (tale numero è destinato ad aumentare in quanto sono in negoziazione circa 50 progetti), la maggior parte dei quali sono in corso e termineranno nei prossimi anni. Il contributo comunitario per le strutture CNR partecipanti, che si protrarrà per l’intera durata progettuale, supera i 218 milioni di euro dei quali 72 milioni di euro relativi ai progetti coordinati dal CNR (116 progetti, più del 18%).

Figura 1

Figura 2

Ben 422 progetti rientrano nel Programma dedicato in maniera specifica alla ricerca, COOPERATION. La maggior parte dei progetti approvati appartiene al settore Information & Communication Technologies (131 progetti), Nanosciences, Nanotechnologies, Materials & new production technologies (82 progetti) e Environment (66 progetti), confermando l’eccellenza dei ricercatori CNR in queste tematiche.

Figura 3

Nel programma CAPACITIES (95 progetti), incentrato sul supporto alle politiche europee in materia di ricerca ed innovazione attraverso attività orizzontali, la partecipazione del CNR si orienta maggiormente sulle attività legate alle Research Infrastructures (56 progetti). 

Figura 4

Rimane elevata la partecipazione ai progetti del Programma PEOPLE (99 progetti) ed in particolare alle Initial Training Network, le azioni destinate alla formazione iniziale delle carriere dei ricercatori (38 progetti).

Nel programma IDEAS, che finanzia la ricerca di frontiera allo scopo di valorizzare l’eccellenza e la creatività dei ricercatori, e che viene gestito dallo European Research Council (ERC), il CNR è presente in 24 progetti, in 17 dei quali i Principal Investigators hanno scelto il CNR come Host Institution. Dei 24 progetti, 15 sono svolti da giovani ricercatori CNR (Starting & Consolidator Grant).

Da notare la distribuzione geografica dei progetti comunitari tra le regioni. La Toscana partecipa a 142 progetti seguita da Lazio (132), Lombardia (80), Emilia Romagna (61) e Campania (51). In generale le regioni del Centro hanno ottenuto il maggior numero di progetti (285), seguite dal Nord (215) e dal Sud (142).

Figura 5

Oltre al Programma Quadro il CNR è anche presente in più di 100 azioni comunitarie a sostegno di politiche specifiche (ambiente, cultura, società dell’informazione, giustizia) e relative ad esempio alla partecipazione ai programmi Competitiveness and Innovation, LIFE+, eContent+, Health, Culture, Civil Justice.

CNR, Ufficio Relazioni Europee ed Internazionali

Aiuta Scienza in Rete a crescere. Il lavoro della redazione, soprattutto in questi momenti di emergenza, è enorme. Attualmente il giornale è interamente sostenuto dall'Editore Zadig, che non ricava alcun utile da questa attività, se non il piacere di fare giornalismo scientifico rigoroso, tempestivo e indipendente. Con il tuo contributo possiamo garantire un futuro a Scienza in Rete.

E' possibile inviare i contributi attraverso Paypal cliccando sul pulsante qui sopra. Questa forma di pagamento è garantita da Paypal.

Oppure attraverso bonifico bancario (IBAN: IT78X0311101614000000002939 intestato a Zadig srl - UBI SCPA - Agenzia di Milano, Piazzale Susa 2)

altri articoli

Agamben e le insensatezze sulla dittatura telematica

Viviamo sotto dittatura telematica, le tecnologie digitali producono comunità fantasmatiche, i prof che fanno didattica a distanza sono come i docenti che giurarono fedeltà al Fascismo, ecc. ecc. Se, come dice Giorgio Agamben, il problema è la “barbarie tecnologica” che svuota le aule e sfibra lo studentato, c’è da chiedersi perché insieme alla didattica a distanza non abolire anche la scrittura e i libri. Niente distanzia più della tecnologia alfabetica e di quella tipografica.
Crediti immagine: Pexels/Pixabay. Lienza: Pixabay License

È vero che il buon senso non produce buona filosofia, ma ciò non significa che per produrre buona filosofia bisogna necessariamente dire qualcosa di insensato. Pare che invece che Giorgio Agamben voglia dimostrarci il contrario, e poiché non è certo un Diego Fusaro la cosa stranisce un po’. Eppure bisogna resistere ai resistenti, evitare di essere apodittici (anche perché non ce lo possiamo permettere), e provare a trarre dalle argomentazioni degli apocalittici utili spunti per gettare luce su quel che accade intorno a noialtri ingenui integrati.