fbpx Che sta facendo Curiosity? | Scienza in rete

Che sta facendo Curiosity?

Primary tabs

Tempo di lettura: 3 mins

Poco più di un mese fa avevamo lasciato il rover della NASA alle prese con le indispensabili operazioni di controllo e di messa a punto delle apparecchiature prima di lanciarsi nella sua missione scientifica su Marte. Doveroso fare il punto della situazione.

Grande soddisfazione al centro di controllo di Curiosity: tutti i test dei sistemi del rover hanno dato ottime risposte. Dopo il test della ChemCam è stata la volta del braccio robotico e del sistema di locomozione di Curiosity. Il braccio snodato, lungo oltre due metri, ha compiuto correttamente tutti i movimenti che gli sono stato richiesti e la fotocamera alla sua estremità è stata impiegata con successo per un controllo visuale del rover. Gli “autoscatti” di Curiosity hanno contribuito a tener desta l'attenzione del pubblico in momenti davvero poco entusiasmanti come quelli in cui si procede al controllo dei sistemi. Una finalità che sta alla base anche della performance del 28 agosto, quando dal rover è stata trasmessa la canzone Reach for the Stars del musicista will.i.am, la prima volta in assoluto che dalla Terra si è potuto assistere a una trasmissione musicale proveniente da un altro mondo.

E' andato benissimo anche il test del sistema di locomozione. Quasi volesse scaldare le gomme, Curiosity ha zigzagato sulla superficie di Marte lasciando però tracce leggermente diverse da quelle alle quali ci avevano abituato gli altri rover. Oltre alle solite incisioni a spina di pesce per evitare slittamenti, infatti, il disegno superficiale dei suoi sei pneumatici prevede un'alternanza di “punti” e “linee” che imprimono sul suolo marziano le lettere JPL in alfabeto Morse. Non si tratta semplicemente di una trovata per fare spettacolo, dato che le tracce vengono utilizzate dal sistema di guida per valutare accuratamente gli spostamenti. Il sistema, infatti, impiega la tecnica dell'odometria visuale per determinare lo spazio percorso grazie al riconoscimento di particolari tracce presenti sul suolo e questo gli permette di accorgersi di eventuali slittamenti delle ruote.

Venendo all'aspetto più strettamente scientifico, segnaliamo la spettacolare osservazione effettuata lo scorso 13 settembre del transito di Phobos, una delle due lune di Marte, in prossimità del bordo del disco solare. Praticamente si è trattato di una sorta di eclissi parziale, prontamente catturata dalla MastCam, l'apparecchio di ripresa di Curiosity dotato di particolari filtri che gli permettono di puntare direttamente il Sole. Non si è trattato di un evento eccezionale e neppure di una novità assoluta, dal momento che anche i due rover gemelli Spirit e Opportunity, giunti su Marte nel 2004, avevano già immortalato eventi simili negli anni passati. Al di là dell'aspetto comunque spettacolare, le immagini del transito serviranno agli astronomi a determinare con maggiore precisione i parametri orbitali dei satelliti di Marte.

Per i prossimi giorni è inoltre prevista l'osservazione ravvicinata e l'analisi di una strana roccia che ha catturato l'attenzione dei ricercatori del JPL. Battezzata con il nomignolo di Jake – una dedica a Jacob Matijevic, ingegnere capo del progetto Curiosity deceduto lo scorso agosto – la roccia presenta una curiosa forma piramidale e in cantiere c'è l'impiego sia della ChemCam equipaggiata con il vaporizzatore laser sia dello spettrometro montato sul braccio robotico (Alpha Particle X-Ray Spectrometer) per riuscire a determinarne la composizione. Occasione davvero ghiotta per procedere anche a un controllo incrociato del funzionamento dei due apparati.
Gradualmente, insomma, Curiosity comincia a macinare il suo duro lavoro.

NASA Mars Science Laboratory


Scienza in rete è un giornale senza pubblicità e aperto a tutti per garantire l’indipendenza dell’informazione e il diritto universale alla cittadinanza scientifica. Contribuisci a dar voce alla ricerca sostenendo Scienza in rete. In questo modo, potrai entrare a far parte della nostra comunità e condividere il nostro percorso. Clicca sul pulsante e scegli liberamente quanto donare! Anche una piccola somma è importante. Se vuoi fare una donazione ricorrente, ci consenti di programmare meglio il nostro lavoro e resti comunque libero di interromperla quando credi.


prossimo articolo

Pubblicare in medicina: un libro sui problemi (e le possibili soluzioni) dell'editoria scientifica

Un’industria ipertrofica cresciuta a spese dei meccanismi di produzione culturale della scienza. Un’industria dai profitti enormi e senza margini di rischio, capace di farsi credere indispensabile da chi la ingrassa credendo di non avere alternative. Il libro di Luca De Fiore, documentatissimo e spietato, procede per quattordici capitoli così, con un’analisi di rara lucidità sui meccanismi del, come recita lo stesso titolo, Sul pubblicare in medicina. Con il quindicesimo capitolo si rialza la testa e si intravede qualche possibile via d’uscita. Non facile, ma meritevole di essere considerata con attenzione soprattutto da chi, come ricercatore, passa la vita a “pubblicare in medicina”, o a cercare di.

A spanne il problema lo conosciamo tutti. Per fare carriera, un ricercatore ha bisogno di pubblicazioni. Le pubblicazioni, per definizione, devono essere pubblicate, e a pubblicarle sono le riviste scientifiche. Ma siccome, dicevamo, il ricercatore ha bisogno di pubblicare, i suoi articoli li regala alla rivista, anzi li manda speranzoso di vederli in pagina.