Appello per la Città della Scienza

Tempo di lettura: 3 mins

Il 18 settembre scorso l’Assemblea dei Soci della Fondazione IDIS-Città della Scienza di Napoli, su indicazione del Presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, ha nominato il nuovo Presidente e i due componenti del nuovo Consiglio di Amministrazione. Si tratta di tre persone che hanno svolto attività politica a lungo e di recente – insomma, di tre politici – che non hanno alcune esperienza nella comunicazione della scienza.
Non discutiamo, in ogni caso, le capacità dei singoli. Ciò che lascia fortemente perplessi è il metodo con cui è avvenuta la designazione. 
La scienza e anche la comunicazione della scienza, per potersi sviluppare e operare al meglio, hanno bisogno di un ampio grado di autonomia. In tutti i paesi democratici le istituzioni politiche riconoscono questa autonomia e molto spesso la rispettano.
L’autonomia, però, deve sempre essere accompagnata dal merito. Chi dirige un’istituzione scientifica o di comunicazione della scienza deve essere una persona esperta e autorevole. Riconosciuta come tale sul luogo di lavoro e all’estero.
Per intenderci, a nessuno verrebbe in mente di eleggere a Segretario Generale del CERN un politico tedesco o francese o italiano. Alla guida del CERN va sempre un fisico.
Lo stesso si può dire accada nei principali musei scientifici del mondo.
Ovunque nel mondo scientifico si respinge non il necessario e salutare rapporto con la politica, ma l’invadenza della politica. Quando la politica diventa arrogante e impone persone “sue”, senza sufficiente esperienza e autorevolezza nel campo, il conflitto diventa inevitabile. 
Ciò vale anche e soprattutto per Città della Scienza. Il soprattutto è dovuto al fatto che la Città della Scienza è l’unico fiore nel deserto delle aree deindustrializzate di Napoli e, in particolare, di Bagnoli. Di più: è un modello (non certo l’unico, ma uno dei più brillanti) di economia sostenibile della conoscenza. 
Recidere questo fiore per mera opportunità politica sarebbe un delitto.
Per questo i sottoscritti avanzano due richieste: 

  1. che il nuovo Presidente e il nuovo Consiglio di Amministrazione si dimettano e al loro posto vengano nominate persone di provata esperienza e con un’autorevolezza analoga a quella del presidente uscente, il fisico e fondatore di Città della Scienza, Vittorio Silvestrini;
  2. che venga nominato un Comitato Scientifico di altissimo profilo scientifico e di comprovata passione per la comunicazione pubblica della scienza

Firma l'appello


Hanno finora aderito all’appello:
-    Enrico Alleva, Accademia Nazionale dei Lincei
-    Roberto Battiston, già presidente dell'ASI, Università di Trento
-    Fabrizio Bianchi, CNR, Pisa
-    Massimo Capaccioli, già direttore Osservatorio astronomico di Capodimonte, Napoli
-    Luca Carra, direttore di Scienza in rete
-    Lorenzo Ciccarese, ISPRA, Roma
-    Antonio Ereditato, Università di Berna 
-    Rino Falcone, CNR, Roma
-    Roberto Fieschi, Università di Parma
-    Elena Gagliasso, Sapienza Università di Roma
-    Pietro Greco, giornalista scientifico e scrittore, Napoli
-    Domenico Laforenza, CNR, Pisa
-    Ugo Leone, Università Federico II di Napoli
-    Francesco Lenci, CNR, Pisa
-    Lamberto Maffei, già presidente Accademia dei Lincei
-    Nicoletta Maraschio, presidente onorario dell’Accademia della Crusca, Firenze
-    Manuela Monti, Fondazione IRCCS Policlinico san Matteo – Pavia
-    Giulio Peruzzi, Università di Padova
-    Telmo Pievani, Università di Padova
-    Carlo Alberto Redi, Accademia dei Lincei
-    Paola Scampoli, Università Federico II di Napoli e Università di Berna
-    Settimo Termini, Università di Palermo
-    Lucia Votano, già direttrice dei Laboratori Nazionali del Gran Sasso

 

altri articoli

COP25: verso i 3,2 gradi di aumento. Perché la politica fallisce?

cancello della IFEMA conventions center, Madrid, Spain, sede della COP25. December 2, 2019. [Photo/Agencies]

COP25 sembra sostanzialmente fallita sul piano delle decisioni poltiche. Alcune parole d’ordine degli eventi paralleli che avrebbero potuto influire sullo stile della politica non sono filtrate a livello delle negoziazioni: elevare il livello di ambizione; affrontare il problema con flessibilità, capacità di risposta e senso di responsibilità; coniugare innovazione tecnologica e “advocacy” (impegno). Hanno prevalso gli egoismi nazionali secondo il classico scenario della "tragedy of the commons", la tragedia dei beni comuni che sembrano non appartenere a nessuno. Immagine: cancello della IFEMA conventions center, Madrid, Spain, sede della COP25. December 2, 2019. [Photo/Agencies]

Il Pianeta mi ricorda un malato grave che viene affidato da un ottimo diagnosta a un’equipe di chirurghi litigiosi, invidiosi e pasticcioni. COP25 sembra sostanzialmente fallita sul piano delle decisioni poltiche, con la notevole eccezione del Green Deal di Ursula von der Leyen e di Frans Timmermans, che però è esterno e indipendente dalla negoziazione.