fbpx Darwin day 2020 | Scienza in rete

12-13 febbraio 2020 Darwin day Milano

Primary tabs

Tempo di lettura: 3 mins
--

Il mondo senza. Il ruolo delle estinzioni nell'evoluzione

12-13 febbraio 2020
Museo di storia naturale di Milano
Corso Venezia 55, Milano - M1 Palestro

Quando pensiamo all’evoluzione ci poniamo domande sull’origine della vita, sulla formazione di nuove specie, sul differenziamento e sullo sviluppo, ma ci facciamo relativamente un minor numero di domande sul destino dei viventi di cui l’estinzione è necessariamente parte. La storia della vita sulla Terra comporta infatti innumerevoli estinzioni anche se determinarne le cause reali spesso non è facile: nel Darwin Day 2020 saranno passati in rassegna vari eventi di estinzione, le loro possibili spiegazioni e le loro implicazioni. Si parlerà di estinzioni di massa, catastrofi che però hanno aperto grandi spazi per l’origine di nuove forme, di estinzioni insulari, metafore del possibile destino del nostro Pianeta, di singole specie estinte o in pericolo di estinzione e delle ragioni di tali condizioni. Infine, quanto pesano le attività umane nel causare o accelerare le estinzioni? Che cosa possiamo fare per gestire in modo lungimirante il nostro impatto sul futuro della vita sulla Terra?

 

Mercoledì 12 febbraio ore 9.30-13

9.30 Saluti istituzionali
Filippo Del Corno - Assessore alla cultura del Comune di Milano
Domenico Piraina - Direttore del Museo di Storia Naturale di Milano

10.00 Introduzione
Maurizio Casiraghi - Università degli Studi di Milano Bicocca / SIBE
Marco Ferraguti - Università degli Studi di Milano / SIBE

10.30 Estinzioni. Storie di catastrofi e altre opportunità
Massimo Bernardi - MUSE, Trento

11.00 L'estinzione inosservata: conservazione degli anfibi del Madagascar fra vecchie e nuove minacce
Angelica Crottini - Universidade do Porto

11.30 La terra perduta del dodo: estinzioni di massa sulle Isole Mascarene
Julian Hume - Natural History Museum, London

12.00 È stinto? I colori sfumati di un ecosistema alle prese con le specie alloctone.
Adriano Martinoli - Università degli Studi dell'Insubria, Varese

12.30 Dibattito con il pubblico
Modera: Chiara Ceci - Comunicatrice scientifica

14.30 Homo sapiens e cambiamento climatico: verso una trappola evolutiva?
Andra Meneganzin - Università degli Studi di Padova

15.00 Crescita della popolazione e le minacce alla sostenibilità
Introduce Antonio Barberini - CFB
Massimo Livi Bacci - Università degli Studi di Firenze

15.30 L’ arca del 3° millennio: la strategia della conservazione integrata (ex/in situ) del Parco Natura Viva
Cesare Avesani Zaborra - Parco Natura Viva, Bussolengo (Verona)

16.00 Svalbard Global Seed Vault: 10000 anni di storia della produzione agraria conservati nell’Artico
Åsmund Asdal - Nordic Genetic Resource Centre, Alnarp, Sweden

16.30 Quelle piccole cose che governa(va)no il mondo: il caso degli scarabei stercorari
Mattia Tonelli - Università degli Studi di Urbino "Carlo Bo”

17.00 Dibattito con il pubblico
Modera: Stefano Caserini - Climalteranti.it

21.00 Quasi famose: donne nella storia della scienza
Elena Canadelli - Università degli Studi di Padova
Chiara Ceci - Comunicatrice scientifica
Antonella Testa - Università degli Studi di Milano
Modera: Valentina Murelli - Giornalista scientifica

 

Giovedì 13 febbraio ore 9-13

9.00 Un ricordo di Marcello Sala, insegnante, formatore, da sempre amico del Darwin Day
Emanuele Serrelli - Pedagogista / Formatore

9.30/12.00 Laboratori didattici
Il mondo senza. Il ruolo delle estinzioni nell’evoluzione
A cura di: Museo di Storia Naturale di Milano, Scienza Under 18, Centro Filippo Buonarroti

 

Programma in pdf


Scienza in rete è un giornale senza pubblicità e aperto a tutti per garantire l’indipendenza dell’informazione e il diritto universale alla cittadinanza scientifica. Contribuisci a dar voce alla ricerca sostenendo Scienza in rete. In questo modo, potrai entrare a far parte della nostra comunità e condividere il nostro percorso. Clicca sul pulsante e scegli liberamente quanto donare! Anche una piccola somma è importante. Se vuoi fare una donazione ricorrente, ci consenti di programmare meglio il nostro lavoro e resti comunque libero di interromperla quando credi.


prossimo articolo

Pubblicare in medicina: un libro sui problemi (e le possibili soluzioni) dell'editoria scientifica

Un’industria ipertrofica cresciuta a spese dei meccanismi di produzione culturale della scienza. Un’industria dai profitti enormi e senza margini di rischio, capace di farsi credere indispensabile da chi la ingrassa credendo di non avere alternative. Il libro di Luca De Fiore, documentatissimo e spietato, procede per quattordici capitoli così, con un’analisi di rara lucidità sui meccanismi del, come recita lo stesso titolo, Sul pubblicare in medicina. Con il quindicesimo capitolo si rialza la testa e si intravede qualche possibile via d’uscita. Non facile, ma meritevole di essere considerata con attenzione soprattutto da chi, come ricercatore, passa la vita a “pubblicare in medicina”, o a cercare di.

A spanne il problema lo conosciamo tutti. Per fare carriera, un ricercatore ha bisogno di pubblicazioni. Le pubblicazioni, per definizione, devono essere pubblicate, e a pubblicarle sono le riviste scientifiche. Ma siccome, dicevamo, il ricercatore ha bisogno di pubblicare, i suoi articoli li regala alla rivista, anzi li manda speranzoso di vederli in pagina.