Miglio perlato: qualità e miglior resa grazie alla ricerca

Titolo originale: 
Miglio perlato: qualità e miglior resa grazie alla ricerca
Soggetto: 
Alla scoperta del progetto NewPearl

 

Il progetto NewPearl si propone di sviluppare strumenti e conoscenze per accelerare la costituzione di nuove varietà di miglio perlato, che abbiano una qualità nutrizionale superiore e siano meglio adattate a rispondere a condizioni di stress ambientale, allo scopo di aumentare la sicurezza alimentare nelle regioni aride, in particolare nell’Africa sub-Sahariana.

La strategia prevede di combinare la fenotipizzazione di una collezione di oltre 100 linee di miglio perlato con nuove tecniche di risequenziamento dei genomi per individuare e sviluppare marcatori molecolari associati alle caratteristiche di interesse. I nuovi metodi di fenotipizzazione riguarderanno lo sviluppo dell’apparato radicale e l’interazione col microbiota della rizosfera (capacità di acquisire nutrienti e acqua) e composti del seme nutrizionalmente rilevanti (acido fitico e C-glucosilflavoni implicati rispettivamente nella biodisponibilità di ferro e iodio). Il progetto, finanziato da Fondazione Cariplo e Agropolis Fondation, sarà sviluppato da una cordata francese guidata da Laurent Laplaze dell'Institute of Research for Development (Montpellier), in collaborazione con un network italiano che fa capo a Francesca Sparvoli, dell'Istituto di Biologia e Biotecnologia Agraria del CNR (Milano). È inoltre prevista una particolare attenzione agli aspetti formativi, soprattutto nei confronti dei giovani ricercatori provenienti dai paesi in via di sviluppo.
NewPearl si avvale anche della collaborazione dei laboratori dell’ICRISAT in India e in Niger insieme a gruppi di ricerca dell'Institut Sénégalais de Recherches Agricoles in Sénégal.

Correlazione degli articoli
Informazioni per gli editor
stato: 
bozza
Italiano
Read time: 2 mins
Biotecnologie
Canali: 
Sezioni: