Alla scoperta del Progetto Florimaize

Titolo originale: 
Alla scoperta del Progetto Florimaize
Soggetto: 
Incontro con Chiara Tonelli e Lucio Conti dell'Università degli Studi di MIlano

 

Il mais è il primo cereale per quantità prodotta nel mondo. Dal punto di vista nutrizionale è ricco di carboidrati complessi, fibra e acidi grassi essenziali. Tuttavia negli ultimi anni sta emergendo che il granturco rappresenta anche una fonte di sostanze biologicamente attive importanti dal punto di vista nutraceutico come carotenoidi, tocoferoli e composti fenolici.
Condizioni di siccità possono però determinare raccolti di granturco molto magri con danni gravi soprattutto nei paesi di sviluppo.
Il progetto Florimaize ha come obiettivo lo studio delle basi molecolari alla base del rapporto fra la fioritura della pianta e la siccità. Quando una pianta di mais si trova in condizioni di stress idrico interrompe il proprio programma di crescita vegetativo e incomincia la fioritura.
Questo processo porterà a una produzione di pochi semi e i relativi problemi a livello di produzione di mais.
Florimaize vede coinvolti l’équipe di Chiara Tonelli dell’Università degli Studi di Milano e il gruppo francese di François Tardieu dell’INRA. Insieme questi due gruppi di ricerca cercheranno di capire quali geni sono in grado se modificati di impedire la fioritura durante fenomeni di stress idrico.
Le ricerche si concentreranno sul gene florigen (ZCN8) e il suo ruolo nel coordinare i processi di fioritura e crescita in condizioni di ridotto apporto idrico. Il progetto si prefigge quindi di  sviluppare piante di mais più resistenti allo stress idrico.
Questi studi potranno contare su un finanziamento di oltre 400 mila euro messo a disposizione nell’ambito del Bando Ceres promosso da Fondazione Cariplo e Agropolis Fondation.
Durante lo sviluppo del progetto oltre ai gruppi italiano e francese sarà coinvolta anche l'équipe di Karanja James del Kenya Agricoltural Research Institute, che permetterà la messa a punto di studi in campo nelle condizioni idriche di interesse, oltre a consentire il trasferimento e lo scambio di competenze.

Per capire meglio le dinamiche del Progetto Florimaize abbiamo incontrato Chiara Tonelli professore ordinario di Genetica presso la Facoltà di Scienze e Lucio Conti ricercatore del dipartimento di Bioscienze entrambi dell’Università degli Studi di Milano. 

Correlazione degli articoli
Informazioni per gli editor
stato: 
bozza
Italiano
Read time: 2 mins
Biotecnologie
Canali: 
Sezioni: