Mappa del rischio sismico

Pericolosità sismica di riferimento per il territorio nazionale
Read time: 1 min
Italiano
Didascalia home page: 

La pericolosità sismica è lo scuotimento del suolo, atteso con una certa probabilità. L'INGV ha realizzato una serie di mappe di pericolosità sismica, per diverse probabilità di eccedenza in 50 anni.

Inizio serie dati: 
22 May, 2012
Intervallo dati: 
Venerdì, 30 April, 2004

 

La pericolosità sismica, intesa in senso probabilistico, è lo scuotimento del suolo atteso in un dato sito con una certa probabilità di eccedenza in un dato intervallo di tempo, ovvero la probabilità che un certo valore di scuotimento si verifichi in un dato intervallo di tempo.
Con l'Ordinanza PCM 3274/2003 (GU n.108 dell'8 maggio 2003) si è avviato in Italia un processo per la stima della pericolosità sismica secondo dati, metodi, approcci aggiornati e condivisi e utilizzati a livello internazionale. L'INGV si è fatto promotore di una iniziativa scientifica che ha coinvolto anche esperti delle Università italiane e di altri centri di ricerca. Nell'ambito del progetto INGV-DPC S1 (2005-2007), sono state rilasciate una serie di mappe di pericolosità sismica per diverse probabilità di eccedenza in 50 anni. Per ogni punto della griglia di calcolo (che ha una densità di 20 punti per grado, circa un punto ogni 5 km) sono oltre 2200 i parametri che ne descrivono la pericolosità sismica.

In quest'immagine, il rischio aumenta passando dal colore grigio al viola - che comprende zone di eventi sismici storicamente importanti, come il Belice o l'Irpinia. Questa mole di dati ha reso possibile la definizione di norme tecniche nelle quali l'azione sismica di riferimento per la progettazione è valutata punto per punto e non più solo per 4 zone sismiche, cioè secondo solo 4 spettri di risposta elastica.

Fonte: INGV

Sezioni: 
Autori: 
Correlazione degli articoli
Materiali correlati: 
Informazioni per gli editor
pronto
INGV