Balzani, Il Nobel sfiorato. Perché l’Italia di nuovo fuori?

Read time: 4 mins

La Società Chimica Italiana, insieme a esponenti di primo piano della chimica e della scienza italiana, ha inteso diffondere un comunicato sul mancato premio Nobel per la chimica 2016 a Vincenzo Balzani sulla «progettazione e sintesi di macchine molecolari» (assegnato a tre ricercatori – Jean-Pierre Sauvage dell’università di Strasburgo, Fraser Stoddart della Northwestern University di Evanston e Ben Feringa dell’università di Groningen). Fra le ragioni di questa esclusione va considerato "l’indebolimento sistematico della ricerca di base italiana, ormai giunta allo stremo delle forze dopo decenni di sottofinanziamento e regolata da sistemi di reclutamento, funzionamento e valutazione non sempre adeguati".

Balzani, Il Nobel sfiorato. Perché l’Italia di nuovo fuori? - Roma, 12 ottobre 2016

Con Vincenzo Balzani, professore emerito dell’Università di Bologna e pioniere della ricerca sulle macchine molecolari, il nostro paese è arrivato ad un passo dal premio Nobel per la Chimica 2016.

A oltre 50 anni dal riconoscimento a Giulio Natta, il prestigioso premio è stato assegnato ad un settore di ricerca nel quale l’Italia è leader internazionale grazie a Vincenzo Balzani e ai suoi collaboratori. Balzani ha contribuito in modo fondamentale non solo alla realizzazione dei primi prototipi di macchine molecolari, in collaborazione con Fraser Stoddart e Jean-Pierre Sauvage, ma anche allo sviluppo e al consolidamento dei concetti alla base di questo campo di ricerca, divenuto negli anni uno dei settori più attivi e stimolanti della chimica moderna. Balzani e il suo gruppo posero le basi progettuali per la costruzione di macchine molecolari in un articolo del 1987 e in un libro del 1991, scritto da Balzani e Scandola. Anche il termine "molecular machine" venne pienamente discusso per la prima volta in un articolo firmato da Balzani, Stoddart e collaboratori nel 1993, mentre il libro “Molecular devices and machines” di Balzani, Credi e Venturi, primo testo sull’argomento, è uscito nel 2003 in inglese ed è stato tradotto in cinese e in giapponese. Studi su movimenti molecolari indotti dalla luce sono stati pubblicati in collaborazione tra i gruppi di Balzani e Sauvage negli anni ‘90. Molte delle nanomacchine citate nella motivazione del premio, fra le quali il celebre “ascensore molecolare”, non avrebbero funzionato - forse non avrebbero neppure visto la luce - senza il lavoro del gruppo di Bologna.

Perché, allora, Vincenzo Balzani non è fra i premiati?

Diciamo subito che il riconoscimento a Jean-Pierre Sauvage, Fraser Stoddart e Ben Feringa è assolutamente meritato. L’Accademia svedese, quindi, ha visto giusto; ma i fatti dimostrano che il suo verdetto fornisce una rappresentazione purtroppo incompleta della tematica scelta. Il problema è che il premio non può essere assegnato a più di tre persone. Sulla torre erano in quattro e uno doveva essere buttato giù.

Quando la competizione internazionale arriva a questi livelli, non basta il curriculum scientifico. Occorre che gli scienziati siano supportati dalla comunità nazionale: gli Atenei, i grandi Enti di Ricerca, le Accademie, le Società, i Ministeri. Fin da ora, noi ci impegniamo a creare gli strumenti per fare sistema, affinché episodi come questo, già avvenuti in passato anche in altre discipline – basti pensare alla clamorosa esclusione di Nicola Cabibbo e Giovanni Jona-Lasinio dal Nobel per la Fisica nel 2008 – non accadano di nuovo.

Dobbiamo purtroppo rimarcare che questo infausto risultato è anche figlio dell’indebolimento sistematico della ricerca di base italiana, ormai giunta allo stremo delle forze dopo decenni di sottofinanziamento e regolata da sistemi di reclutamento, funzionamento e valutazione non sempre adeguati. Un sistema fortemente indebolito è percepito come tale anche all’estero, dove l’Italia fatica a raccogliere i frutti che merita. Auspichiamo che questa grande opportunità persa dalla scienza italiana, e dall’intero Paese, possa diventare occasione di riflessione e di cambiamento.

Alessandro Abbotto – Università di Milano Bicocca

Angela Agostiano – Università di Bari, Presidente Eletto della Società Chimica Italiana

Nicola Armaroli – Consiglio Nazionale delle Ricerche, Bologna

Vincenzo Barone – Direttore della Scuola Normale Superiore di Pisa

Alberto Bellini – Università di Bologna

Marco Bettinelli – Università di Verona

Carlo Alberto Bignozzi – Università di Ferrara

Sebastiano Campagna – Università di Messina

Paola Ceroni – Università di Bologna

Roberto Cingolani – Direttore Scientifico dell’Istituto Italiano di Tecnologia

Alberto Credi – Università di Bologna

Luigi Dei – Rettore dell’Università di Firenze

Maria Cristina Facchini – Consiglio Nazionale delle Ricerche, Bologna

Maurizio Fermeglia – Rettore dell’Università di Trieste

Sandro Fuzzi – Consiglio Nazionale delle Ricerche, Bologna

Elio Giamello – Università di Torino

Massimo Inguscio – Presidente del Consiglio Nazionale delle Ricerche

Elisa Molinari – Università di Modena e Reggio Emilia

Luigi Nicolais – Università di Napoli, Presidente Gruppo 2003 per la Ricerca Scientifica

Gianfranco Pacchioni – Pro Rettore alla Ricerca, Università di Milano Bicocca

Claudio Pettinari – Pro Rettore Vicario, Università di Camerino

Maurizio Prato – Università di Trieste

Raffaele  Riccio – Università di Salerno, Presidente della Società Chimica Italiana

Franco Scandola – Università di Ferrara

Leonardo Setti – Università di Bologna

Antonio Sgamellotti – Università di Perugia

Francesco Ubertini – Rettore dell’Università di Bologna

Renato Ugo - Decano Soci Chimici, Accademia Nazionale dei Lincei

Margherita Venturi – Università di Bologna

Adriano Zecchina – Università di Torino

Autori: 
Sezioni: 
Lavorato da / tipo di lavorazione: 
Redazione
stato: 
bozza

altri articoli

Una meravigliosa pelle transgenica per il piccolo Hassan

Colonie generate da un oloclone 1 © CMR Unimore - Credits Sergio Bondanza and Francesca La Mantia.

Sicuramente avrete già sentito la storia del bimbo-farfalla, così soprannominato per la fragilità della sua pelle, guarito grazie al trapianto di cellule staminali transgeniche. Sicuramente vi avrà colpito, come è successo a me, il lato fiabesco della vicenda: un bambino siriano figlio di profughi rifugiati in Germania affetto da un male oscuro e incurabile che viene salvato non da un prode cavaliere ma da uno straordinario scienziato che, a onor del vero, con barba e folti capelli bianchi somiglia più a un mago, se vogliamo mantenerci in ambito fiabesco.