La voce degli AIRIcercatori in supporto all'appello della Senatrice Elena Cattaneo

di 0
Read time: 3 mins

Caro Direttore,

questa mattina aprendo il giornale abbiamo letto la lettera che la Senatrice Cattaneo ha inviato alla Sua testata giornalistica e ci è sembrato doveroso, in quanto Associazione Internazionale di Ricercatori Italiani nel mondo (AIRIcerca), esprimere con forza il nostro sostegno alle parole drammatiche espresse dalla Senatrice.

Purtroppo negli ultimi anni stiamo assistendo a un continuo allontanamento della Società italiana e della politica dalle questioni riguardanti il mondo della ricerca biomedica e della ricerca in generale.
Questo è dovuto in gran parte alla facilità con la quale ormai le informazioni che riguardano il mondo della Scienza, spesso errate e manipolate, finiscano in rete e vengano condivise con un semplice click.
Tale fenomeno ha creato miti e teorie del complotto che a volte sono davvero difficili da eradicare dall’immaginario collettivo. Chi comunica la Scienza e le informazioni per il grande pubblico ha una responsabilità enorme che spesso non viene valutata con la necessaria cautela.

Credo che ricorderà bene cosa successe il 30 ottobre 1938 negli Stati Uniti; Orson Welles lesse alla radio un brano tratto da “La guerra dei mondi” di Herbert George Wells, scatenando il panico tra gli ascoltatori americani, che credettero si trattasse di una vera invasione aliena.
Per non parlare della beffa del monossido di diidrogeno (DHMO) che fu introdotto dalla “Coalizione per il bando del monossido di diidrogeno” (Coalition to Ban Dihydrogen Monoxide), nato da un’idea di Craig Jackson. Tale beffa ebbe una tale risonanza mediatica che alla Conferenza ONU sui Cambiamenti climatici, tenutasi a Cancún nel 2010, alcuni dei delegati dell’ONU furono convinti a firmare una petizioneburla per la messa al bando del DHMO senza neanche sapere cosa fosse.
Il DHMO è il nome scientifico dell’acqua. Quest’ultimo esempio dovrebbe insegnarci come sia facile, utilizzando termini scientifici a volte altisonanti, riuscire a creare falsi miti e false teorie del complotto senza problemi. E noi in Italia purtroppo ne sappiamo qualcosa, avendo il recente caso Stamina come esempio lampante. Come giustamente sostiene la Senatrice Cattaneo, le decisioni prese dal mondo politico in merito a questioni così scientificamente complicate andrebbero valutate in maniera molto attenta e soprattutto coinvolgendo i diretti interessati, cioè i ricercatori, coloro i quali dedicano la propria vita alla Scienza.

Riteniamo che sia oltraggioso e irrispettoso che siano prese decisioni che influenzeranno il lavoro di migliaia di ricercatori in Italia senza chiedere il loro parere e senza che gli stessi possano portare ai politici i dati scientifici che sostengano o confutino quello che la politica sostiene. Troppo spesso leggiamo sui giornali o vediamo servizi in televisione in cui si usa la parola vivisezione, pratica che di fatto non esiste in ricerca. Troppo spesso leggiamo di fantomatici metodi alternativi alla sperimentazione animale, quando in realtà non esistono al momento metodi scientificamente validi che permettano di sostituire completamente l’uso di animali in laboratorio, soprattutto in alcuni ambiti di ricerca di base.
Purtroppo la cattiva informazione può avere pericolose conseguenze e non fa altro che contribuire a un allontanamento tra il ricercatore e la Società.

Riteniamo che sia doveroso da parte dei canali di informazione italiani e da parte delle Istituzioni dare voce ai ricercatori per le questioni che riguardano la ricerca e la Scienza in generale e siamo convinti che solo aprendo un dialogo costruttivo si possa contribuire al cambiamento e al futuro del nostro paese.
Noi ricercatori di AIRIcerca siamo in prima linea per combattere la cattiva informazione scientifica e per promuovere il riavvicinamento della Società italiana con il mondo della ricerca. Noi siamo aperti al dialogo per iniziare a costruire un nuovo rapporto di fiducia tra ricercatori e opinione pubblica, voi?
Per approfondire l’argomento sperimentazione animale e la sua importanza nella ricerca scientifica, segnaliamo inoltre l’articolo pubblicato su AIRInforma scritto da Stefania Cocco “Sperimentazione Animale, Possiamo Farne a Meno?”.

di Luca Cassetta con il contributo del Board AIRIcerca

altri articoli

Una meravigliosa pelle transgenica per il piccolo Hassan

Colonie generate da un oloclone 1 © CMR Unimore - Credits Sergio Bondanza and Francesca La Mantia.

Sicuramente avrete già sentito la storia del bimbo-farfalla, così soprannominato per la fragilità della sua pelle, guarito grazie al trapianto di cellule staminali transgeniche. Sicuramente vi avrà colpito, come è successo a me, il lato fiabesco della vicenda: un bambino siriano figlio di profughi rifugiati in Germania affetto da un male oscuro e incurabile che viene salvato non da un prode cavaliere ma da uno straordinario scienziato che, a onor del vero, con barba e folti capelli bianchi somiglia più a un mago, se vogliamo mantenerci in ambito fiabesco.