Covid-19/

L'Europa della scienza

Read time: 3 mins

La condizione della ricerca scientifica e dello sviluppo tecnologico nell'Unione Europea, così come emerge dal rapporto A more research-intensive and integrated European Research Area. Science, Technology and Competitiveness. Key figures report 2008/2009 pubblicato di recente a Bruxelles presso le European Communities a cura dal Direttorato Generale per la Ricerca della Commissione europea, può essere sintetizzata in tre numeri: 1,84; 1.300.990; 37,6.

1,84 è relativo all'intensità di ricerca e indica la percentuale della ricchezza totale prodotta in un anno (il 2006) dai 27 paesi dell'Unione europea investita in ricerca e sviluppo (R&S). Con questo risultato l'Europa non perde solo il confronto con il paese leader della ricerca scientifica nel mondo, gli Stati Uniti, che investono in R&S il 2,61% del Pil (Prodotto interno lordo). Ma perde il confronto con il resto del mondo: la media planetaria degli investimenti in R&S, infatti, ammonta ormai al 2,1% del Pil prodotto sulla Terra.

Lo stesso indicatore, nell'anno 2000, era pari a 1,86%. Il che significa che in sette anni l'intensità di ricerca in Europa è rimasta sostanzialmente stabile. Contravvenendo allo spirito del cosiddetto «obiettivo di Lisbona» - l'Europa leader mondiale dell'economia della conoscenza - che i paesi europei avevano assegnato a se stessi proprio nell'anno 2000. E contravvenendo alla lettera del cosiddetto «obiettivo di Barcellona» - investimenti in R&S pari al 3,0% del Pil entro il 2010 - che i medesimi paesi europei hanno assegnato a se stessi nell'anno 2002.

Con quel numero - 1,84 - tendente a una piatta stabilità, il rapporto ci dice che non solo l'Europa stenta a imporsi come leader della società e dell'economia della conoscenza, ma che addirittura perde il passo degli altri: gli Stati Uniti, il Giappone e le economie emergenti dell'Asia orientale e anche dell'America meridionale. Perché? I motivi sono, essenzialmente, due: da un lato i governi non riescono a proporre politiche espansive della ricerca; dall'altro le imprese europee tendono a produrre beni e servizi a minore intensità di conoscenza rispetto alle imprese di altre regioni più dinamiche del mondo.

Il secondo numero che vi proponiamo è 1.300.990 e indica il numero di ricercatori che lavorano nei 27 paesi europei. Il nostro continente, dunque,ospita il 22,5% dei ricercatori di tutto il mondo. Un numero alto, in assoluto. In Europa ci sono solo 100.000 ricercatori meno che negli Usa e ci sono 100.000 ricercatori più che in Cina. Ma è un numero piuttosto basso in termini relativi. Ogni 1.000 lavoratori ci sono 5,6 ricercatori. Negli Usa sono 9,3 e in Giappone 10,7.    Ancora una volta l'indicatore ci dice che l'Europa della conoscenza fatica a tenere il passo della parte più dinamica del mondo.

Il terzo numero è 37,6 e indica la percentuale di articoli scientifici pubblicati su riviste con peer review a firma di scienziati europei rispetto al resto del mondo. In questo settore siamo primi assoluti. Gli scienziati europei, infatti, precedono sia i colleghi americani (che hanno firmato il 31,5% degli articoli complessivi), sia - in maniera decisamente più netta - i colleghi cinesi (che hanno firmato l'8,4% degli articoli totali) e giapponesi (che hanno firmato il 7,8% del totale degli articoli).

Questo significa che in Europa, per ragioni complesse da studiare e su cui converrà ritornare - c'è tuttora un'alta produttività scientifica e una buona qualità della ricerca. Ed è da questi dati che bisognerà ripartire se vogliamo che l'Europa recuperi presto il ritardo che va accumulando e si proponga davvero come leader della società e dell'economia della conoscenza.

Aiuta Scienza in Rete a crescere. Il lavoro della redazione, soprattutto in questi momenti di emergenza, è enorme. Attualmente il giornale è interamente sostenuto dall'Editore Zadig, che non ricava alcun utile da questa attività, se non il piacere di fare giornalismo scientifico rigoroso, tempestivo e indipendente. Con il tuo contributo possiamo garantire un futuro a Scienza in Rete.

E' possibile inviare i contributi attraverso Paypal cliccando sul pulsante qui sopra. Questa forma di pagamento è garantita da Paypal.

Oppure attraverso bonifico bancario (IBAN: IT78X0311101614000000002939 intestato a Zadig srl - UBI SCPA - Agenzia di Milano, Piazzale Susa 2)

altri articoli

Epidemiologi, giuristi e avvocati alla prova della pandemia

La lettera sottoscritta da un gruppo di giuristi e avvocati e rivolta al Presidente del Consiglio solleva ancora una volta alcuni temi che sono stati ripetutamente discussi nelle ultime settimane, e cioè presunte gravi violazioni dei diritti costituzionali da parte del governo. Pensiamo che sia importante replicare per evitare che anche questa polemica si trasformi in un “sentire comune” di parte dell’opinione pubblica e che vanifichi le indispensabili iniziative volte a contenere l’epidemia.