XV Convegno Internazionale di Castiglioncello

Read time: 3 mins

Continuando una tradizione che risale al 1985, anche quest’anno, dal 26 al 29 Settembre, si è svolto presso il Castello Pasquini, il biennale Convegno Internazionale di Castiglioncello dell’USPID (http://www.uspid.org/). Questa 15ma edizione è stata organizzata come Pugwash-USPID joint meeting e dedicata a discutere su “Questioni critiche nel cammino per il disarmo nucleare”.
In concomitanza con il convegno è stata organizzata una mostra della campagna senzatomica dell’Istituto Buddista Italiano Soka Gakkai (http://www.senzatomica.it/), inaugurata la sera del 26, alla presenza del Sindaco di Rosignano Marittimo A. Franchi, con una introduzione da parte di Paolo Cotta Ramusino, Secretary General delle Conferenze Pugwash (http://www.pugwash.org/), Diego Latella, Segretario Nazionale USPID, e di Daniele Santi, Segretario Generale della Campagna senzatomica.

In questo incontro pubblico rivolto a tutta la cittadinanza sono stati messi in luce i pericoli passati e presenti e futuri degli arsenali nucleari non più utili alla deterrenza, eppure, mantenuti dagli  Stati nella convinzione che questo accresca la loro importanza sullo scenario internazionale.

I temi affrontati durante il Convegno sono stati:
“Eliminazione delle Armi di Distruzione di Massa dal Medio Oriente, il caso siriano e le controversia iraniana” (Serguei Batsanov, Pugwash Council e Comitato Scientifico Internazionale del Centro di Ginevra sul controllo democratico delle forze armate; Paolo Foradori, Dipartimento di Sociologia dell’Università di Trento; Steven Miller, Direttore Programma Internazionale di Sicurezza Centro per le Scienze e gli Affari Internazionali, Harvard University e Chair Pugwash Executive Committee; Katarina Simonen, Ministero della difesa finlandese e Istituto di Diritto Internazionale e Diritti Umani Eric Castén, Università di Helsinki)

“Afghanistan, il Ruolo dell’Europa negli ultimi 12 anni e le prospettive per il 2014” (Paolo Cotta Ramusino, Consiglio Scientifico USPID e Pugwash Secretary General; Fabio Mini, già comandante delle forze internazionali in Kosovo, già Capo di Stato Maggiore del Comando NATO in Europa del Sud durante le guerre nei Balcani).

“Ciber-warfare e prerequisiti per la democrazia in un mondo digitale” (Götz Neuneck, Istituto per le Ricerca sulla Pace e Politiche di Sicurezza di Amburgo e Pugwash Council; Gian Piero Siroli, Dipartimento di Fisica ed Astronomia dell’Università di Bologna, INFN e CERN).

“Contributo Europeo al Disarmo Nucleare” (Martin Butcher, policy advisor, armi e conflitti. Oxfam; Francesco Calogero, Consiglio Scientifico USPID e già Pugwash Secretary General; Venance Journe, Centro Internazionale di Ricerca sull’Ambiente e lo Sviluppo; Francesco Lenci, (Consiglio Scientifico e già Segretario Nazionale dell’USPID e Luigi Mosca (Laboratoire Souterrain de Modane).
Queste alcune delle questioni più importanti messe a fuoco:

  • minacce al cammino verso un mondo libero da armi nucleari (cfr. schieramento di un sistema di difesa antimissile balistico in Europa), ammodernamento arsenali nucleari francesi ed inglesi, “strategic posture” della NATO decisa nel Summit di Chicago del 20-21 Maggio 2012;
  • difficoltà e prospettive di trasformare il Medio Oriente in una Zona Libera da Armi di Distruzioni di Massa, anche tenendo conto della risoluzione del Consiglio di Sicurezza dell’ONU del 27 settembre; difficoltà e prospettive di risolvere in maniera pacifica e diplomatica la controversia sul nucleare iraniano, anche tenendo conto delle nuove posizioni dell’Iran (cfr. discorso del Presidente Rouhani all’Assemblea Generale dell’ONU) e dalla telefonata del Presidente Obama al Presidente Rohuani;
  • minacce alla sicurezza internazionale da parte delle cosiddette “armi cibernetiche” ed alle basi stesse della democrazia da parte dei sistemi di intrusione informatica;
  • nuovi scenari della sicurezza internazionale determinati dalla politica estera (sia dal punto di vista militare che finanziario-economico) della Cina.

Per una più approfondita conoscenza dei risultati del Convegno, rimandiamo alla rivista Sapere (http://www.galileonet.it/sapere/ ) che nel numero di Dicembre pubblicherà un Dossier dedicato a Castiglioncello 2013 ed al sito web dell'USPID ONLUS (www.uspid.org) dove, dalla pagina dedicata al convegno è possibile scaricare informazioni fornite dai relatori (slides, note, riferimenti, ecc.).

Francesco Mancuso, Diego Latella e Francesco Lenci

altri articoli

Nanotubi di carbonio come l’amianto?

The view from inside a carbon nanotube. Created by Michael Ströck on February 1, 2006. Released under the GFDL. CC BY-SA 3.0

Ogni anno vengono prodotte migliaia di tonnellate di nanotubi di carbonio. Essi sono prodotti a forma cilindrica, chiusi alle estremità, costituiti da esagoni di carbonio che hanno molteplici applicazioni, spaziando dall’hi-tech al campo medico. La storia dei nanotubi di carbonio inizia nel 1991 quando, al NEC Laboratory di Tsukaba, lo scienziato giapponese Sumio Iijima scoprì la possibilità di formare tubi chiusi, con diametro di pochi nanometri, sovrapponendo fogli di grafite.