Il Nobel 2014 per la Fisica agli inventori del Led blu

Read time: 3 mins

Dopo che il Premio Nobel per la Fisica 2013 venne assegnato ai “padri” del bosone di Higgs, non c’è da stupirsi se tutti i pronostici per quest’anno erano concordi nel prevedere che il sommo riconoscimento avrebbe premiato una qualche applicazione tecnologica di frontiera. Ma questa volta nemmeno le agenzie più quotate, come ScienceWatch, sono riuscite a indovinare i nomi dei vincitori.

Alle ore 11:45 italiane, la Reale Accademia Svedese delle Scienze ha assegnato il Premio Nobel per la Fisica 2014 a Isamu Akasaki, Hiroshi Amano e Shuji Nakamura, «per l’invenzione di diodi a emissione di luce blu efficienti che hanno reso possibili sorgenti di luce bianca luminose e a risparmio energetico».

Akasaki e Amano sono fisici in forze all’Università di Nagoya, in Giappone; Nakamura, anch’esso giapponese di nascita, è Professore alla University of California, negli Stati Uniti. All’inizio degli anni ’90, i tre scienziati misero a punto un Led (diodo a emissione di luce) in grado di produrre luce blu, dopo trent’anni di fallimenti da parte dei migliori scienziati dell’epoca.
Se combinati con Led rossi e verdi, i Led blu permettono di realizzare sistemi in grado di emettere luce bianca. Questo ha reso possibile la rivoluzione dell’illuminazione a Led, riassunta dalla Reale Accademia Svedese delle Scienze con uno slogan davvero felice: «Le lampadine a incandescenza hanno illuminato il ventesimo secolo; il ventunesimo sarà illuminato dalle lampade a Led».

Le lampade a Led sono le prime fonti di luce bianca che emettono solo luce visibile, senza alcuna energia “sprecata” a produrre luce che non possiamo vedere. A fronte di una luminosità molto intensa, quindi, le lampade a Led presentano un consumo energetico particolarmente ridotto. I dispositivi più efficienti riescono attualmente a produrre oltre 300 lumen per ogni watt di potenza fornito. Tanto per fare un confronto, una tipica lampadina a incandescenza arriva ad appena 16 lm/W (quasi 20 volte meno), mentre una lampada a fluorescenza raggiunge i 70. A questo bisogna aggiungere che le lampade a Led arrivano fino a 100.000 ore di illuminazione, contro le 1000 di una lampada a incandescenza e le 10.000 di una lampada a fluorescenza.

Per via delle loro notevoli prestazioni, dei loro consumi limitati e del basso fabbisogno di materie prime (soprattutto quelle tossiche e inquinanti, come il mercurio), le lampade a Led si stanno sempre più imponendo come il nuovo standard per l’illuminazione, consentendo al tempo stesso un’ottima efficienza, un grande risparmio energetico e un basso impatto ambientale. Questo fatto è particolarmente rilevante se pensiamo che l’illuminazione rappresenta oltre il 20% della richiesta di elettricità a livello mondiale. E se pensiamo ai Paesi in cui l’energia scarseggia, come nel Terzo Mondo, i dispositivi a Led consentono una buona illuminazione alimentata solo con semplici pannelli solari, promettendo un miglioramento delle condizioni di vita per circa 1,5 miliardi di persone nel mondo.

Alfred Nobel istituì il Premio a suo nome nel 1901 «per coloro i quali abbiano apportato all’umanità il maggiore beneficio» in vari campi. Non c’è dubbio quindi che il riconoscimento a un’invenzione con un impatto tanto positivo nella vita di tutti si collochi pienamente nello spirito del fondatore del Premio. Per una tecnologia che ha solo vent’anni di età, poi, non è certo cosa da poco.

Articoli correlati

altri articoli

Le notizie di scienza della settimana #104

Il biologo molecolare russo Denis Rebrikov ha dichiarato che ha intenzione di impiantare nell'utero di una donna embrioni geneticamente modificati con la tecnica CRIPSR entro la fine dell'anno. L'obiettivo sarebbe quello di prevenire che la madre, colpita da una forma di HIV resistente ai farmaci antiretrovirali, trasmetta il virus ai propri figli. Per farlo, Rebrikov userebbe la tecnica CRISPR-Cas9 per disattivare il gene CCR5, in modo simile a quanto fatto dallo scienziato cinese He Jiankui che lo scorso novembre aveva annunciato di essere stato il primo a far nascere una coppia di gemelle con questo procedimento (He voleva però evitare la trasmissione del virus dell'HIV dal padre alle figlie). La legislazione russa proibisce l'editing del genoma umano in senso generale, ma la legge sulla fertilizzazione in vitro non vi fa esplicito riferimento, e dunque Rebrikov potrebbe trovarsi di fronte un vuoto normativo che conta di colmare chiedendo l'autorizzazione di una serie di agenzie governative, a partire dal Ministero della salute. Scienziati ed esperti di bioetica si dicono preoccupati. La tecnologia non è ancora matura, motivo per cui qualche mese fa un gruppo di importanti ricercatori del campo avevano chiesto di mettere a punto una moratoria sul suo utilizzo in embrioni destinati all'impianto in utero. Non è chiaro poi se i rischi superino i benefici. In primo luogo, la disattivazione del gene CCR5 protegge dalla trasmissione del virus dell'HIV nel 90% dei casi. In secondo luogo, il rischio di mutazioni off-target e on-target indesiderate è ancora molto alto. Rebrikov sostiene che la sua tecnica ne riduca drasticamente la frequenza, ma finora non ha pubblicato alcuno studio scientifico che lo dimostri. Nell'immagine: lo sviluppo di embrioni umani geneticamente modificati con la tecnica CRISPR per correggere una mutazione responsabile della cardiomiopatia ipertrofica (lo studio, condotto nel laboratorio di Shoukhrat Mitalipov presso la Oregon Science and Health University di Portland, risale al 2017 ed è stato pubblicato su Nature). Credit: Oregon Science and Health University. Licenza: OHSU photos usage

Dove finisce la plastica dei ricchi?

Ogni anno gli Stati Uniti producono 34,5 milioni di tonnellate di rifiuti di plastica. 1 milione di tonnellate vengono spedite fuori dal continente. Fino a qualche anno fa la maggior parte veniva spedita in Cina e Hong Kong, ma nel 2017 la Cina ha chiuso le porte a questo tipo di importazioni, autorizzando solo l'arrivo della plastica più pulita e dunque più facile da riciclare.